Cerco notaio, competenza territoriale

Dove cerco il notaio? Principi base di territorialità della competenza notarile


Ho bisogno di far redigere un atto, ma dove cerco il notaio? Devo trovarne uno nella mia città o posso rivolgermi a chiunque, indipendentemente da dove opera? Facciamo chiarezza sui principi base di territorialità della competenza notarile, che può creare qualche confusione

Devo comprare casa, oppure redigere un testamento, aprire una società o qualsiasi altra questione che richieda un atto notarile. Ma, a questo punto, dove cerco il notaio? Magari mi sono anche trasferito in una nuova città: posso rivolgermi allo studio nella mia vecchia residenza o è meglio se cerco un notaio più vicino? Partiamo, per dare una risposta a questi quesiti, con un concetto base: quello della territorialità della competenza notarile. Per farlo dobbiamo rivolgerci alla Legge Notarile, che stabilisce che il notaio può esercitare le proprie funzioni senza alcuna limitazione nel suo territorio, ma non può operare ovunque sul suolo nazionale senza distinzioni. Dunque, se cerco un notaio troppo lontano dalla mia residenza effettiva, potrebbero nascere problemi più che altro di natura logistica.
Perché queste limitazioni? Lo spirito della Legge è quello di garantire un’assistenza efficace e continua al cittadino, che deve sapere di poter contare sulla presenza del notaio (e di un numero adeguato di notai) nella zona di residenza. Cosa che, evidentemente, potrebbe non accadere se il notaio in questione fosse troppo preso a girare per diverse regioni o province italiane per assistere i propri clienti. Il numero di notaio e la loro distribuzione viene infatti stabilito zona per zona in relazione al numero degli abitanti, proprio per garantire un buon servizio in ogni provincia italiana. Ecco perché possiamo essere ragionevolmente certi di poter contare sulla presenza di uno studio notarile a una distanza relativamente breve.
La risposta alla domanda iniziale dunque potrebbe essere: non sono obbligato, ma è meglio per diversi motivi se cerco un notaio nella mia città o nei pressi di essa.

E se per qualsiasi motivo cerco un notaio lontano? Cosa succede?

Il principio di territorialità della competenza notarile riguarda la “posizione fisica” del notaio, il luogo in cui gli atti vengono sottoscritti gli atti e dove si svolge l’attività del notaio stesso. Questo però non significa che non possa occuparsi di atti che riguardano altre città: il caso più comune in questo senso è quello delle transazioni immobiliari. Mettiamo caso che io abiti a Milano e voglia comprare una casa a Roma: cerco un notaio a Milano o cerco un notaio a Roma? Innanzitutto ricordiamo che di norma è l’acquirente a sostenere le spese notarili ed è dunque lui che decide a chi rivolgersi. Poi agiamo con il buonsenso: possiamo cercare il notaio sia a Roma sia a Milano, o per assurdo anche ad Agrigento o a Bolzano, se per qualche motivo ce ne pungesse vaghezza. Ricordiamoci però che saremo poi sia noi sia il venditore a doverci spostare per andare nella sede del notaio, magari anche più volte: se è vero che le tecnologie moderne ormai hanno reso più facili gli scambi anche a distanza, è pur vero che il rapporto con il notaio dovrebbe essere sempre personale e diretto. E poi non dimentichiamo che comunque, per la firma dei documenti, dovremo essere presenti tutti di persona.
Concludendo, dunque: dove cerco il notaio? Potremmo rispondere dove è più comodo per tutte le parti in causa, tenendo a mente che saremo noi a dover andare da lui.

Dove cerco il notaio? Principi base di territorialità della competenza notarile ultima modifica: 2017-06-10T16:18:00+00:00 da Alessandra