Notaio per mutuo e surroga

Surroga del mutuo e stipula di un nuovo mutuo: come funziona


Sono ormai alcuni anni che i tassi sono molto bassi, favorendo chi deve stipulare un mutuo e anche chi l’ha sottoscritto negli anni passati grazie allo strumento della surroga. Vediamo come funziona e quando bisogna rivolgersi al notaio per il mutuo.

Ormai da qualche anno i tassi dei mutui sono in discesa, arrivando a quelli che possiamo considerare davvero dei minimi storici: anche i costi delle abitazioni d’altra parte sono scesi molto rispetto a un decennio fa e ancora per qualche tempo sembrano non essere destinati ad avere significative risalite. Il che naturalmente è molto favorevole a chi deve acquistare casa e ha deciso di farlo proprio in questo periodo: la stipula di un nuovo mutuo è infatti più conveniente che mai. Ma anche coloro che hanno sottoscritto l’atto in momenti meno favorevoli di questo possono comunque trarre dei significativi vantaggi da questa congiuntura grazie allo strumento della surroga del mutuo. Ma dobbiamo rivolgerci al notaio? Come è necessario muoversi?

Notaio e mutuo per acquisto casa

Se dobbiamo acquistare, saremo noi a sostenere le spese del notaio per il mutuo, così come quelle per l’atto notarile: starà dunque a noi cercare lo studio cui rivolgerci. In questo periodo il fatto che i tassi siano così bassi rende più facile a molte famiglie aprire questo finanziamento per comprare la casa, anche perché le banche sembrano più propense a concedere mutui sull’intero valore dell’abitazione. Ricordiamoci però appunto che dovremo prevedere anche i costi del notaio per il mutuo e per il rogito, che di norma ammontano a qualche migliaio di euro e che vanno pagati all’atto della sottoscrizione.

Notaio e surroga del mutuo

Diverso è il discorso quando ci rivolgiamo al notaio per la surroga del mutuo. In questo caso significa che avevamo un mutuo già aperto presso un determinato istituto di credito e abbiamo deciso di spostarlo presso un altro, magari dopo aver verificato che la nostra banca non era disponibile ad accordarci un tasso più basso o per altri motivi. Abbiamo quindi portato la nostra documentazione in un’altra banca, che si è detta disponibile ad accollarsi il nostro mutuo offrendoci delle condizioni migliori rispetto a quelle in essere. In questo caso, sarà la nuova banca ad estinguere per noi il mutuo esistente e provvederà a stilare un nuovo atto di mutuo con le nuove condizioni, dunque tramite notaio. In questo caso però noi non dovremo preoccuparci di nulla: sarà il nuovo istituto di credito ad occuparsi di tutto e a sostenere le spese notarili.
Attenzione però: perché questo sia possibile, è necessario che il mutuo venga semplicemente spostato da una banca all’altra e non sia modificato ad esempio nell’importo (mentre può essere variata la durata). Se si modificassero l’importo del mutuo o gli intestatari dello stesso, sarebbe necessario ricorrere al notaio per un nuovo atto, questa volta a carico nostro e non più della banca.

Insomma, vi sono diverse possibilità per chi vuole acquistare casa o migliorare le condizioni date nel momento in cui l’ha comprata: per scegliere la soluzione migliore rispetto alla nostra situazione specifica, sarebbe bene avvalersi sia del consiglio dei diversi istituti di credito, sia della consulenza del notaio.

Surroga del mutuo e stipula di un nuovo mutuo: come funziona ultima modifica: 2017-11-24T18:23:14+00:00 da Alessandra