inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Tommaso M. Sevizio Puntuale, professionale, Preciso e perfetto Grazie per l'eccellente servizio prestato mi. Se tutto i ...
Francesco R. Sono Francesco R. di Parma e avevo la necessità di sapere le tariffe dei notai di zona per confrontarle e sce ...
Giovanni R. Cercando informazioni per una cessione di quote ho trovato questo sito e subito dopo aver inviato la richiesta ...
Matteo V. Cercavo online un notaio per la compravendita e grazie a questo sito ho potuto scegliere tra diversi notai a N ...
Francesco N. Io e il mio ragazzo vogliamo sposarci e metter su casa. Però non abbiamo grosse disponibilità economiche e c ...
Andrea A. Il notaio online è sicuramente una valida alternativa, ma lascia sempre qualche dubbio. Mi sono trovato bene ...
Paolo D. Grazie a voi ho trovato il Notaio che stavo cercando. Non ho molti soldi e non potevo spendere troppo ho chies ...
Giulia M. Volevo sapere quanto costa il notaio per spese di eredità e mi hanno risposto subito! Ho solo dovuto fornire ...
Pier Luigi S. Ciao, vi scrivo per farvi i complimenti, ero alla disperata ricerca di un notaio per risolvere una difficile q ...
Saverio M. Alla ricerca Online di informazioni sulla separazione dei beni vi ho trovato.. Ho richiesto un preventivo ed o ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Acquisto capannone: Notaio, costi e tasse

QUALE ATTO NOTARILE DEVI FARE?
Che tipo di atto notarile devi fare?
Preventivo notaio, trova il notaio online e contattalo direttamente

Qui Rispondono Solo i Notai
GRATIS E SENZA IMPEGNO

QUI RISPONDONO SOLO I NOTAI ! GRATIS E SENZA IMPEGNO

L’acquisto di un capannone risponde a una legislazione precisa sugli immobili strumentali per natura e prevede diverse tassazioni a seconda di venditore e acquirente

Per l’acquisto di un capannone bisogna tenere conto di una serie precisa di tasse e imposte che variano a seconda della natura dell’acquirente tanto quanto di quella del venditore, oltre naturalmente a dover sostenere le spese dell’atto del Notaio. Innanzitutto è però necessario dare alcune definizioni che possono essere importanti per comprendere le diverse tassazioni.

Acquisto capannone: definizione di immobile strumentale per natura

Quando si parla di acquisto di un capannone, la fattispecie rientra in quella della compravendita di immobili strumentali per natura. Ma cosa si intende con questo termine? Gli immobili strumentali per natura sono quelli che, per le loro specifiche caratteristiche costruttive, non sono suscettibili a un utilizzo diverso rispetto a quello per cui sono stati creati a meno di trasformazioni radicali che stravolgano le caratteristiche dell’immobile stesso. Queste caratteristiche di strumentalità permangono anche nel caso in cui l’immobile non venga utilizzato o venga concesso a terzi sia in uso sia in comodato. Sono gli immobili inseriti nelle categorie catastali B, C, D, E, A/10.

Acquisto capannone: cosa si intende quando si parla di fabbricati “Tupini”

Per quanto riguarda l’acquisto di un capannone è difficile imbattersi nella fattispecie del Tupini, che è molto più comune quando invece si tratta di negozi ed esercizi commerciali. In ogni caso, rientrando queste tipologie di compravendita nella stessa categoria, almeno in via teorica è prevista appunto questa possibilità. Cosa sono i fabbricati “Tupini”? Sono case di abitazione, uffici, negozi che non presentino requisiti di abitazioni di lusso, in cui più del 50% dei piani sopra terra sia destinata ad abitazione e non più del 25% della superficie totale dei piani sopra terra sia destinata a negozi. In questo caso la tassazione è più favorevole in alcuni specifici casi.

Acquisto capannone: cosa si intende per Reverse Charge

Lo strumento del Reverse Charge riguarda i soli soggetti Iva ed entra in gioco quando non sarà il venditore a indicare l’Iva in fattura, ma l’acquirente titolare di Partita Iva a dover emettere autofattura e liquidare così l’Iva dovuta in caso di cessioni immobiliari con opzione Iva. 

Acquisto capannone da privato, indipendentemente dal compratore

Se l’acquisto del capannone avviene da un venditore privato, indipendentemente da chi sia il compratore, non si applica l’Iva, l’Imposta di Registro è pari al 9% con un minimo di 1000€, Imposta Ipotecaria 50€ e Imposta Catastale 50€.

Acquisto capannone da impresa costruttrice entro 5 anni, indipendentemente dal compratore

Per quanto riguarda l’acquisto di un capannone quando il venditore è un’impresa costruttrice o ristrutturatrice, bisogna distinguere se sono già passati o meno 5 anni dai lavori di costruzione o ristrutturazione. Se non sono ancora passati, indipendentemente da chi sia il compratore, bisognerà pagare Iva 22% (10% se fabbricato Tupini), Imposta di Registro 200€, Imposta Ipotecaria 3% (minimo 200€) e Imposta Catastale 1% (minimo 200€).

Acquisto capannone da impresa costruttrice dopo i 5 anni

Se l’acquisto del capannone da impresa costruttrice o ristrutturatrice avviene dopo i 5 anni dai lavori di costruzione o ristrutturazione, bisogna distinguere diverse possibilità a seconda sia del compratore sia dell’esistenza o meno dell’opzione Iva da parte del venditore. Vediamo le casistiche una per una.

Vendita con opzione Iva del venditore, compratore Privato: Iva 22% (10% se fabbricato Tupini), Imposta di Registro 200€, Imposta Ipotecaria 3% (minimo 200€), Imposta Catastale 1% (minimo 200€).

Vendita con opzione Iva del venditore, compratore Soggetto Iva: Iva 22% (10% se fabbricato Tupini) con Reverse Charge, Imposta di Registro 200€, Imposta Ipotecaria 3% (minimo 200€), Imposta Catastale 1% (minimo 200€).

Vendita senza opzione Iva del venditore, indipendentemente dal compratore: esente Iva, Imposta di Registro 200€, Imposta Ipotecaria 3% (minimo 200€), Imposta Catastale 1% (minimo 200%).

Le stesse regole si applicano anche nel caso in cui il venditore non sia un’impresa costruttrice o ristrutturatrice, ma un’altra impresa.

Acquisto capannone da società di leasing quando l’utilizzatore riscatta l’immobile

Per l’acquisto di un capannone da una società di leasing quando l’utilizzatore riscatta l’immobile, l’unica differenza è l’esistenza o meno dell’opzione Iva da parte del venditore: se c’è opzione Iva, l’aliquota è del 22% (10% se fabbricato Tupini) con Reverse Charge, se non c’è opzione Iva, la vendita è esente Iva. 

Per il resto, bisognerà pagare 200€ di Imposta di Registro, 200€ di Imposta Ipotecaria e 200€ di Imposta Catastale.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©

NF è l'unico Originale
Diffidate dalle imitazioni

NO Mediatori, NO Intermediari,
NO Dottori di chissà quale Studio

richiesta al notaio