Che Tipo di Atto Devi Fare?

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Lazio Abruzzo Umbria Marche Toscana Liguria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Piemonte Lombardia Valle d'Aosta
Regione
Provincia
Tipologia
Selezionare la provincia nella quale intendi fare l'atto.


NotaioFacile.it il Portale N.1 per Contattare il Notaio

Consulenza Notaio: Invia ora la tua richiesta gratuita Notaiofacile.it: il modo più semplice e veloce per trovare il tuo notaio Gratis e senza impegno la tua consulenza notarile Trova il tuo Notaio, riceverai risposta in massimo 48 ore Anche se non sei registrato trova e contatta il tuo notaio Primo portale per la ricerca e il contatto con il tuo notaio Oltre 500 notai rispondono agli utenti di Notaio Facile Trova Notaio: Specializzato in ambito notarile con oltre 2500 richieste giornaliere Il modo migliore per contattare il notaio online
commenti notaio

L'IMPRESA FAMILIARE: COSTITUZIONE E INFORMAZIONI FISCALI PER I CONIUGI - IL NOTAIO ONLINE RISPONDE


Impresa Coniugale: Costituzione Familiare e Disciplina Fiscale

L'impresa familiare è disciplinata dall'articolo 5 del T.U.I.R. (DPR 22/12/1986 n. 917) e dall'art. 230 bis del codice civile che regola i rapporti giuridici nati in seno a una impresa ogni qualvolta uno o più familiari dell'imprenditore presti la propria opera in maniera continuativa nella famiglia o nella stessa impresa.


All''impresa familiare possono partecipare il coniuge del titolare, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado; dell'impresa, inoltre, possono far parte i figli adottivi e naturali.


La disciplina dell'impresa famigliare regolata dal diritto di famiglia può sintetizzarsi come segue:


  1. a) l'amministrazione e la rappresentanza legale dell'impresa competono al titolare;
  2. b) le decisioni concernenti l'impiego degli utili e degli incrementi, nonché quelle inerenti alla gestione straordinaria, agli indirizzi produttivi e alla cessazione dell'impresa sono adottate a maggioranza dai familiari che partecipano all'impresa stessa;
  3. c) il familiare, oltre al diritto al mantenimento in conformità alla situazione familiare, avrà il diritto di partecipare, nel limite massimo del 49%, agli utili annuali dell'impresa familiare in misura proporzionale alla quantità ed alla qualità del lavoro prestato nell'impresa, mentre al titolare rimarranno imputati i rimanenti utili in misura non inferiore al 51% degli stessi;
  4. d) al collaborante è riconosciuto il diritto alla partecipazione agli incrementi patrimoniali che l'impresa dovesse realizzare ed ai beni che verranno acquistati con gli utili non distribuiti;
  5. d) il diritto di partecipazione non è trasferibile a terzi ed è necessario l'unanime consenso dei partecipanti per effettuare il trasferimento a favore di altri familiari che siano in possesso dei requisiti per far parte dell'impresa e che intendano prestare la loro attività in modo continuativo e prevalente;
  6. e) la cessazione della prestazione di lavoro nell'impresa familiare per qualsiasi causa fa venir meno il diritto alla partecipazione del riparto dell'utile e dà esclusivamente luogo alla liquidazione del diritto di partecipazione, in denaro o in natura, sia in un'unica soluzione, che in più annualità

DISCIPLINA FISCALE E CONVENIENZA DELL’IMPRESA FAMILIARE


Rispetto alla disciplina civilistica quella fiscale richiede un ulteriore requisito al lavoro svolto dai familiari: la collaborazione fiscalmente rilevante deve essere, oltre che continuativa, come previsto dall'art. 230-bis del codice civile, anche prevalente rispetto a qualsiasi altra attività lavorativa del collaboratore e l'impresa familiare deve risultare da atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata anteriore all'inizio del periodo di imposta di imputazione degli utili.


La convenienza dell'impresa familiare è legata alla possibilità di ripartire il reddito fra più soggetti; la ripartizione, infatti, consente di attenuare la progressività dell'IRPEF. Essa è particolarmente adatta all'esercizio di piccole aziende a conduzione familiare, in tutti i casi in cui il rischio di impresa o le modalità di esercizio dell'attività non inducano alla costituzione di una società.


Impresa familiare, atto costitutivo del Notaio

IL RUOLO DEL NOTAIO IN CASO DI REGIME PATRIMONIALE


Nel settore del diritto familiare il ruolo del notaio può rivelarsi più utile di quanto si pensi: egli, infatti, ha una conoscenza specifica della materia ed è in grado di offrire una consulenza altamente qualificata, potendo proporre le soluzioni più idonee in materia di regime patrimoniale al fine di regolare i rapporti tra coniugi, consigliare la comunione o separazione dei beni, operare correttamente nei confronti dei figli o nei confronti di eventuali soggetti incapaci, evitando l'assunzione di impegni non conformi alle disposizioni di legge.


Si trovano utili informazioni sulle forme societarie negli articoli relativi a società di persone, società di capitali e società cooperative.

L’IMPRESA FAMILIARE: CONSULENZA DEL NOTAIO


Molte sono le cose utili da sapere sull’impresa familiare e potrebbe rivelarsi utile essere fin da subito correttamente indirizzati da un professionista del settore. Con NotaioFacile puoi chiedere un consiglio, senza impegno e senza registrazione al portale, a uno dei 500 Notai online a tua disposizione. Riceverai gratuitamente la tua risposta entro 48 ore dall’invio della richiesta.

Impresa Familiare e Notaio: un approfondimento


Abbiamo visto poco sopra in cosa consiste un’impresa familiare e quali sono le caratteristiche che la contraddistinguono. Questo tipo di impresa non solo tutela i familiari che collaborano ad essa nei confronti di chi è titolare dell’impresa stessa, ma è anche conveniente sul piano fiscale. Conditio sine qua non perché questo avvenga, è che l’impresa familiare sia costituita davanti al Notaio: il ricorso a questo professionista non è dunque solo consigliato (come spesso suggeriamo) dal punto di vista della consulenza, ma diventa qui una necessità.
Vediamo innanzitutto chi può far parte dell’Impresa Familiare: il coniuge (anche tramite unione civile), ma anche zii, nipoti, nonni, bisnonni, fratelli, cognati, suoceri… insomma, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado, dove per parenti – lo ricordiamo – sono intesi coloro che hanno legami di sangue con l’imprenditore e per affini coloro che entrano nella famiglia tramite matrimonio. Per quanto riguarda l’unione civile, invece, si devono considerare solo i parenti entro il terzo grado dell’imprenditore e non gli affini (cioè i parenti del congiunto civilmente): è possibile che intervenga in futuro una correttiva della legge per equiparare le due forme anche in questo campo, per cui è bene accertarsi sempre delle possibili modifiche in corso in caso in cui si voglia intraprendere qualsiasi azione di questo tipo.

La natura dell’Impresa Familiare rimane comunque individuale, cosicché, come per qualsiasi altra impresa di questo tipo, sarà l’imprenditore ad essere responsabile per qualsiasi impegno o obbligazione assunti e sarà dunque lui solo a prendere le decisioni che riguardano l’amministrazione della sua impresa. Per quanto invece l’amministrazione straordinaria (per quanto riguarda ad esempio come investire gli utili, quale direzione far prendere all’azienda, la cessazione dell’operatività dell’azienda stessa e altre questioni di questo tipo) saranno invece tutti i familiari partecipanti all’Impresa Familiare a prendere la decisione insieme. Come? Non è necessaria l’unanimità (cosa che, come facilmente comprensibile, porterebbe facilmente allo stallo nelle decisioni), ma una semplice maggioranza tramite una votazione per cui ogni persona vale un voto.

Nel 2016 sono stati riconosciuti dalla legge i diritti anche del convivente di fatto (anche se non in toto, in quanto non è prevista la sua partecipazione alle decisioni di amministrazione anche straordinaria): se non vi è un rapporto societario o di lavoro subordinato, il convivente di fatto può infatti, al pari degli altri componenti della famiglia, partecipare all’Impresa Familiare.
Un’ultima annotazione: per l’esistenza di un’Impresa Familiare non è necessario che vi sia uno specifico atto costitutivo, in quanto i diritti dei familiari nascono direttamente dal fatto che prestano lavoro all’interno di essa, indipendentemente dal fatto che vi siano o meno specifici accordi tra di loro. Perché dunque rivolgersi al Notaio per redigere l’atto costitutivo dell’Impresa Familiare? Perché quest’ultimo è indispensabile per poter godere dei vantaggi fiscali collegati all’Impresa Familiare stessa.

Ti sembra complicato: chiedi informazioni direttamente al Notaio