inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Salvatore B. Preventivo Notaio; il servizio è di utilizzo veramente semplice ed intuitivo. Salve, ho appena richiesto un ...
Riccardo F. Ho visto il sito e ho notato che i notai si occupano di moltissime attività. Dato che avrei bisogno della con ...
Marta B. Grazie a al vostro servizio ho fissato un incontro con il Notaio e ho capito che nel mio caso conveniva effett ...
Gerry M. Ho appena richiesto informazioni,quindi non ho risposte per valutare l'operato di questo sito,ma se si svolger ...
Francesco P. Ottimo servizio! Cercavo il Notaio per comprare la mia seconda casa al mare e grazie a voi sono riuscito a tro ...
Rosanna C. Attualmente per questa prima fase non ho nulla da ridire tutto molto facile semplice e comprensivo ottimo sito ...
Chiara R. Volevo il preventivo di un notaio a Torino per acquistare una casa, grazie a questo sito ho risparmiato un bel ...
Renato C. Se la risposta arriva celermente il servizio è ottimo, grazie ...
Stefano E. Grazie NotaioFacile per avermi messo in contatto con il Notaio che mi ha spiegato tutto quello che avevo bisog ...
Giovanni R. Cercando informazioni per una cessione di quote ho trovato questo sito e subito dopo aver inviato la richiesta ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

AGEVOLAZIONI FISCALI NEL PATTO DI FAMIGLIA

Quali esenzioni e agevolazioni fiscali potrebbe applicare il Notaio al patto di famiglia

Esenzioni agevolazioni fiscali patto di famiglia notaioIl patto di famiglia è un accordo che potrebbe essere stipulato davanti al Notaio tra i componenti dello stesso del nucleo familiare, ossia genitori e figli ed, eventualmente, anche i nipoti. Lo scopo di tale accordo contrattuale sarebbe quello di trasferire la gestione di un'impresa all'interno della famiglia. Un esempio pratico, che si verifica nella maggior parte dei casi, è quello del genitore, che potrebbe essere sia la madre sia il padre, che abbia intenzione di dare l'azienda ad uno dei suoi figli. In tal modo potrebbe decidere chi gestirà l’attività dopo di sé e controllare anche il suo operato finché può; anticipando nel modo in cui vuole la successione relativa alla sua impresa.

L’istituto del patto di famiglia rappresenta quindi un istituto giuridico molto importante, che è stato introdotto nell’ordinamento italiano nel 2006 proprio per favorire il passaggio generazionale dell’azienda, quando l’imprenditore è ancora in vita. Esso è stato ideato per evitare che alla morte dell’imprenditore possano esserci litigi o disaccordi sulla gestione aziendale e su quale erede debba prendersi l’azienda. La persona a cui viene trasferita l’impresa con il patto di famiglia viene chiamata assegnatario e tale trasferimento deve avvenire con il consenso degli altri familiari. Questi ultimi però hanno diritto a ricevere una liquidazione per essere compensati del fatto che non ricevano l’azienda. L’ammontare della quota di liquidazione dovrebbe essere pari alla quota che a loro spetterebbe sull’azienda se cadesse in eredità. Il diritto alla quota di liquidazione è però rinunziabile.

Quando converrebbe fare un patto di famiglia?

Un eventuale contratto notarile contenente il patto di famiglia potrebbe risultare conveniente per l’imprenditore in tutti quei casi in cui il passaggio ereditario dell’impresa potrebbe essere una fonte di discordia tra i futuri eredi. Inoltre potrebbe essere utile anche quando vi sia la possibilità che, con la caduta in successione dell’azienda, potrebbero nascere problemi di gestione dell’impresa che con la morte dell'imprenditore avrebbe improvvisamente una mancanza importante nella dirigenza aziendale.

Difatti sia laddove vi fossero eventuali cause di divisione ereditaria sia qualora vi fosse l’amministrazione congiunta dell’azienda da parte degli eredi, che riceverebbero l’impresa in comunione ereditaria, potrebbero verificarsi notevoli difficoltà nella gestione ed amministrazione dell’impresa stessa che potrebbero danneggiare l'evoluzione e la performance successiva dell’azienda. Potenzialmente potrebbe anche verificarsi uno stallo decisionale ed un empasse dannoso per ciò che l'imprenditore ha costruito con il proprio lavoro ed anni di sacrifici. Ovviamente tali conseguenze sarebbero solo delle ipotesi e potrebbe anche accadere che la successione dell’impresa porti giovamento all’attività aziendale.

Tuttavia, nei casi in cui si possa avere il dubbio di potenziali danni all’azienda quando essa cadrà in successione, allora potrebbe esse opportuno e consigliabile perfezionare dal Notaio un patto di famiglia. Esso potrebbe essere uno strumento utile anche quando si sia già individuato quale familiare ha le capacità e potrebbe essere idoneo a portare avanti l’azienda. Con il patto di famiglia si escluderebbe infatti che l’azienda o le partecipazioni sociali dell’imprenditore cadano nel patrimonio ereditario: l’impresa non cadrebbe più in successione e sarebbe quindi già trasferita all’interno della famiglia, trovando un accordo adeguato tra tutti i suoi componenti, potenziali legittimari dell’imprenditore.

Da quello che abbiamo visto però il patto di famiglia comporterebbe il trasferimento di ingenti valori: in primis il valore dell’azienda che verrebbe trasferita da un familiare all’altro ed, in secondo luogo, la somma stabilita per un’eventuale liquidazione degli altri familiari non assegnatari. Ogni qualvolta ci sia il trasferimento di un valore normalmente la legge italiana ed europea prevedono che debba esservi il pagamento delle tasse, visto che vi sarebbe un arricchimento per alcuni soggetti, che solitamente viene tassato. Ci sono allora delle esenzioni e agevolazioni fiscali nel patto di famiglia che il Notaio potrebbe applicare all’atto?

Notaio ci sono delle agevolazioni fiscali per l’imprenditore che trasferisce la sua impresa al figlio?

Qualora l’imprenditore volesse procedere la stipulazione di un patto di famiglia, sarebbe consigliabile rivolgersi al Notaio che dovrà redigere l’atto pubblico e chiedere preventivamente quali potrebbero essere i costi da affrontare. Questa piattaforma offre l’opportunità di contattare in modo diretto e gratuito i Notai in tutta Italia, anche in merito alle agevolazioni fiscali per il patto di famiglia.

In linea generale, quando l’imprenditore volesse trasferire la sua impresa al figlio, al coniuge o in alcuni casi anche ad un nipote, allora il Notaio potrebbe indicare quali esenzioni fiscali potrebbero essere applicate. Infatti, la normativa relativa alle tasse ed ai tributi prevede diverse agevolazioni. Innanzitutto l’imprenditore, ove ricorrano i presupposti di legge, sarebbe esente da qualsiasi imposizione fiscale perché il trasferimento dell’azienda o delle partecipazioni sociali effettuato tramite il patto di famiglia è inquadrabile come un trasferimento gratuito per il quale è prevista la neutralità fiscale. Difatti l’articolo 58 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi prevede che il trasferimento dell’azienda che avviene per successione o per atto gratuito non realizza alcuna plusvalenza tassabile.

Quindi diversamente da quanto è previsto in caso di trasferimento oneroso dell’azienda, per il quale è previsto il pagamento delle tasse, quando si trasferisce gratuitamente l’azienda o le partecipazioni sociali con il patto di famiglia l’imprenditore sarebbe esentato dal pagamento delle tasse.

Esistono altre esenzioni fiscali per il patto di famiglia?

Oltre al regime di esenzione previsto per l’imprenditore, la normativa fiscale afferma che il principio di neutralità fiscale dovrebbe valere anche per gli altri componenti della famiglia, sia assegnatari che non assegnatari. L’unico caso in cui potrebbe esserci l’applicazione delle tasse potrebbe essere il caso in cui l’assegnatario sia anch’egli un imprenditore. È comunque consigliabile chiedere al Notaio o al commercialista, che valuterà caso per caso.

Inoltre è bene precisare che la neutralità fiscale del patto di famiglia non significa che sia un atto gratuito, dovendosi infatti imputare gli altri costi ed onorari che sono previsti. Sarebbe quindi consigliabile fare un preventivo, che si potrebbe anche chiedere gratuitamente attraverso questa piattaforma.

richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio