inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Vito s. Lo trovo molto efficiente e semplice per la ricerca e aiuto sui quesiti da sottoporre. Ottimo,grazie. ...
Marco E. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Loris D. Davvero facile la compilazione e chiare le spiegazioni, Complimenti per il servizio. ...
Giulia M. Volevo sapere quanto costa il notaio per spese di eredità e mi hanno risposto subito! Ho solo dovuto fornire ...
Felice T. Posso dire che grazie a voi ho risparmiato.. Ho scelto un vostro notaio ma per poco non cedevo ai pressanti co ...
Paolo G. Complimenti... Grazie a voi ho trovato notai competenti, seri veloci nel fare risposte ed ho anche risparmiato ...
Simone L. Devo trovare un notaio a Padova economico! Detto, fatto! ...
Giulio V. Cerco un notaio per la donazione di un immobile a mia nipote che si sposa. Lei non lo sa e vorrei farle una so ...
Cecilia M. Consulenza Notarile in tempi rapidi, gratuita ed altamente professionale. Utile iniziativa, che permette la c ...
Giovanni La. Abito a Roma e per una compravendita negozio ho chiesto vari preventivi a notai della mia città. Il preventiv ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

LA COMUNIONE CONVENZIONALE DEI CONIUGI

Cos’è la comunione convenzionale?

la comunione convenzionale come alternativa alla comunione legale e alla separazione dei beniPrima di tutto, il regime patrimoniale dei coniugi è un regolamento. Con esso vengono regolati gli acquisti fatti dai coniugi, nonché l’amministrazione da parte dei coniugi di questi beni. Per acquisto si intendono tutti quei negozi con i quali un bene entra a far parte del patrimonio dei coniugi o di uno soltanto di questi. L’amministrazione è il potere di gestione del bene facente parte del patrimonio famigliare o personale.

I regimi patrimoniali più conosciuti sono la comunione legale e la separazione dei beni.

La comunione convenzionale si può definire come una variante della comunione legale.

Quindi, anche la comunione convenzionale è una convenzione, ovvero un contratto formale (deve essere stipulato da un notaio alla presenza dei testimoni) tra i coniugi. Detto ciò, poi, l’art. 210 c.c. prevede espressamente che i coniugi possano modificare il regime patrimoniale legale della comunione dei beni.

Quindi, la Legge prevede la possibilità di apportare modifiche alla comunione legale, senza che ciò comporti la nascita di un terzo e distinto regime patrimoniale

Si tratta, pertanto, di una comunione legale modificata. Gli artt. 210-211 c.c. hanno il solo scopo di indicare quali norme della comunione legale hanno carattere dispositivo e quali imperativo, cioè quali norme siano derogabili e quali no.

La storia

Prima della riforma della famiglia di cui alla Legge 151/1975, l'art. 216 c.c. prevedeva che i coniugi potessero stabilire patti speciali, in mancanza dei quali trovavano applicazione le norme sulla comunione legale.

Dopo la riforma, l'art. 216 è stato abrogato ma, a riprova che la comunione convenzionale sia una variante della comunione legale, per quanto non disciplinato dai coniugi si ritengono applicabili le norme sulla comunione legale.

Contenuto della comunione convenzionale

Con questa convenzione matrimoniale, i coniugi possono apportare ogni modifica al regime della comunione legale, purché sia rispettato quanto disposto degli artt. 210-211 c.c.

In particolare:

Richiamo di leggi straniere

L’art. 161 del Codice Civile vieta ai coniugi di richiamare leggi straniere in maniera generica. Per fare ciò è necessario che i coniugi riproducano esplicitamente le disposizioni straniere o le consuetudini, le quali vengono così prese in considerazione come clausole contrattuali. Se i coniugi vogliono disciplinare che gli acquisti di terreni agricoli avvengano secondo la legge svedese dovranno riprodurre letteralmente la specifica norma della legge straniera, cioè quella svedese.

Beni che non possono essere oggetto di comunione

L’art. 210, comma 2, c.c. dispone che determinati beni acquistati secondo determinate modalità non possono essere ricompresi nella comunione convenzionale. Dei beni che non possono essere oggetto di comunione si parlerà nel successivo paragrafo.

Immodificabilità delle quote

La comunione legale prevede che i coniugi diventino proprietari dei beni acquistati in parti uguali. Allo stesso modo, l’art. 210, comma 3, c.c. prevede che le norme riguardanti l'uguaglianza delle quote e l'amministrazione dei beni della comunione non possano essere derogate.

Tale divieto di modificazione si applica solo con riguardo a quei beni che sarebbero oggetto di comunione legale. Per i beni che ne sarebbero esclusi per legge (come i beni acquistati prima del matrimonio), i coniugi possono stabilire quote di comproprietà differenti.

Responsabilità per debiti

Gli artt. 186 e 190 c.c., che dettano la disciplina in tema di responsabilità patrimoniale sono norme inderogabili, poiché incidono sugli interessi dei creditori.

Ampliamento dell’oggetto della comunione legale

Fermo il rispetto dei limiti descritti proprio sopra - è possibile ampliare l’oggetto della comunione legale.

Possono - per volontà dei coniugi - essere ricompresi nella comunione convenzionale anche i beni che sarebbero beni personali.

Tuttavia, vi è in questo caso una espressa limitazione: non possono essere oggetto di comunione convenzionale i beni di cui all’ art. 179 lett. c), d) ed è). Questi beni sono quelli che provengono da successione, donazione, i beni che servono a svolgere la professione del coniuge e i risarcimenti o le indennità derivanti da incidenti, infortuni o inabilità al lavoro.

Se, invece, i coniugi sono in separazione dei beni e scelgono di adottare il regime della comunione convenzionale possono ricomprendervi anche i beni già acquistati in regime di separazione.

I coniugi possono stabilire che la comunione convenzionale possa riguardare anche beni che saranno acquistati in futuro, ma si dovrebbero comunque escludere quei beni che non possono essere oggetto di comunione.

Riduzione dell’oggetto della comunione legale

È discusso se si possa ridurre l'oggetto della comunione legale.

Sembrerebbe essere preferibile aderire alla tesi positiva e ritenere quindi possibile la riduzione dell’oggetto della comunione.

Il motivo? Se ai coniugi è possibile passare dalla comunione legale alla separazione è possibile consentire anche la via di mezzo.

Il Codice Civile prevede espressamente all’art. 2647 comma 1, la trascrizione dei contratti che escludono "alcuni beni" che già fanno parte della comunione legale.

I coniugi possono prevedere che l’esclusione colpisca sia beni che sarebbero oggetto di comunione legale immediata sia quelli oggetto della comunione de residuo, ovvero che entrano a far parte della comunione solo in un secondo momento e a determinate condizioni, come i beni che servono all’esercizio dell’impresa del coniuge.

Di conseguenza i coniugi possono:

Esclusione dei beni della comunione

Escludere che una determinata categoria di beni che si acquisteranno in futuro cada in comunione legale. Si parla di esclusione programmatica. I coniugi convengono che tutte le case vacanze al mare saranno escluse dalla comunione.

Non è però possibile prevedere l'esclusione di lasciti testamentari attribuiti espressamente alla comunione.

Oppure è possibile decidere di escludere dalla comunione determinate categorie di beni già acquistati, come ad esempio tutti i terreni agricoli che si trovano in una determinata provincia, e mantenere - per il resto - il regime della comunione legale dei beni.

I coniugi potrebbero anche convenire di escludere dalla comunione anche un singolo bene. Ad esempio, i coniugi titolari di due appartamenti, uno in montagna e l’altro al mare potrebbero decidere di escludere dalla comunione solo la casa in montagna.

Pubblicità

Come ogni convenzione matrimoniale, mutando il regime patrimoniale tra i coniugi, è necessario procedere all’annotamento del contratto che disciplina il nuovo regime all’atto di matrimonio ex art. 162 c.c., al fine di rendere il tutto opponibile anche ai terzi.

Si dovrà procedere anche alla trascrizione della convenzione, ove oggetto della convenzione siano beni immobili e/o mobili registrati.

Ad ogni modo, nessun pensiero, sono tutti adempimenti che il notaio fa per legge.

Costo

L’atto avente ad oggetto una comunione convenzionale, se non vi è trasferimento di beni immobili, sconta l’imposta di registro in misura fissa di euro 200,00, l’imposta di bollo di euro 45,00 e la tassa archivio di euro 4,60. Se vi fosse trasferimento di beni immobili si potrebbero dover applicare le imposte di donazione e qui la situazione varia a seconda dei casi. Se non vi è trasferimento ma è necessario trascrivere la convenzione. È in questo caso dovuta, oltre all’imposta di registro di euro 200,00, l’imposta di bollo di euro 155,00, l’imposta ipotecaria di euro 200,00 e il costo della nota di euro 35,00 per ogni conservatoria. L’onorario del notaio invece varia a seconda della complessità della convenzione e dalla presenza o meno di trasferimenti immobiliari tra i coniugi.

richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
Potrebbe interessarti:
Il regime PatrimonialeComunione dei beniSeparazione dei beniSeparazione beni minorenniDivisioniSeparazione negoziale assistita
richiesta al notaio