Che Tipo di Atto Devi Fare?

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Lazio Abruzzo Umbria Marche Toscana Liguria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Piemonte Lombardia Valle d'Aosta
Regione
Provincia
Tipologia
Selezionare la provincia nella quale intendi fare l'atto.


Contatti rapidi con consulenti notarili in tutta Italia

Tutto quello che serve sapere per Comprare un immobile: Lo Studio Notarile Online Risponde


acquistare immobile notaio

Prima di acquistare un immobile sia esso commerciale o residenziale occorre informarsi su parecchie cose.


Se si intende comprare il bene immobile avvalendosi di un’agenzia immobiliare si potrà usufruire di una consulenza ma non è sempre detto che l'agente immobiliare conosca esattamente tutte le normative o che lo stesso sia imparziale, mentre nel caso in cui si decida di acquistare un immobile senza mediazione bisognerà fare tutto da soli. Per questi motivi può essere utile contattare uno studio notarile e richiedere una consulenza portando con sé i documenti necessari.

Il Notaio che ricordiamo essere "sopra le parti" potrà offrire una consulenza preliminare suggerendo quale direzione seguire per comprare l'immobile in tutta sicurezza. Potremmo scrivere centinaia di pagine in merito al notaio e al settore immobiliare ma riteniamo più sensato chiedere direttamente al notaio le informazioni strettamente collegate alla pratica di acquisto.


Pur essendo molto simili tutti gli atti di compravendita ognuno è diverso e presenta specifiche uniche.


Di seguito riporteremo alcuni casi a titolo esemplificativo di argomenti trattati solitamente prima durante e dopo una compravendita immobiliare.


INFORMAZIONI E CONSULENZE DIRETTAMENTE DAI NOTAI IN MERITO AD ATTI DI PROVENIENZA, ALLA NOTA DI TRASCRIZIONE, ALLE VISURE CATASTALI E IPOTECARIE E ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA.


Partiamo dall'atto di provenienza, si tratta di un documento di natura pubblica, che attesta la proprietà a pieno titolo di un immobile, legittimandone la cessione da parte del proprietario. L’atto di provenienza può essere rappresentato da: un atto notarile di compravendita, da un atto di aggiudicazione del tribunale in seguito ad assegnazione con asta giudiziaria o con atto di successione o donazione.


La nota di trascrizione invece è il documento che prova l'avvenuta trascrizione nei registri immobiliari dell'atto di compravendita.

La visura catastale è il documento nel quale sono riportati i dati tecnici e fiscali di un terreno o di una unità immobiliare intestati a una certa persona mentre le Visure Ipotecarie fatte dal notaio servono a verificare con certezza le pendenze gravanti o meno sull'immobile; vi possono essere ipoteche volontarie come nel caso in cui il venditore non abbia estinto il mutuo o l'ipoteca ad esso collegato oppure ipoteche legali spesso nel caso in cui il venditore non abbia pagato multe o tasse ed infine le ipoteche giudiziali ovvero derivanti da una sentenza emessa da un giudice.


Per quanto riguarda la certificazione energetica è quel documento che attribuisce all'immobile una classificazione di consumo energetico in base alla valutazione di molteplici parametri tra i quali ad esempio il tipo di caldaia, il tipo di isolamento e così via.

Il Notaio per l’acquisto di un immobile


Compravendite immobiliari e ruolo del Notaio per il rogito


Se è nozione abbastanza nota che nel momento in cui dobbiamo comprare casa è necessario rivolgersi a uno studio notarile, non sempre è chiaro cosa faccia il Notaio per l’acquisto di un immobile e perché dovremmo rivolgerci a questa figura professionale, a parte naturalmente il fatto che si tratta di un obbligo di legge. Quali sono le ragioni che hanno spinto il legislatore a prendere la decisione di far passare tutte le compravendite immobiliari tramite il Notaio? E che benefici ne ha il cittadino? Insomma, si tratta di un obbligo di legge come tanti, da rispettare in quanto tale, ma senza che vi siano specifiche note positive per chi vi deve ricorrere, o ci sono invece importanti dietro questa decisione? La risposta corretta naturalmente è la seconda, ma vediamo più nello specifico perché e quali sono appunto i benefici che il cittadino trae dall’atto notarile di compravendita, il rogito.

 

Il notaio nell’acquisto di un immobile come figura di garanzia


acquistare casa notaio Come ci è capitata più volte di sottolineare, il Notaio è innanzitutto un pubblico ufficiale che ha il compito di accertarsi che tutto quanto avviene in sua presenza si svolga nel pieno rispetto delle leggi vigenti. È dunque un garante di legalità e questo è un beneficio sia per lo Stato – che può appunto contare su professionisti che vigilano sulla corretta applicazione della legge per transazioni e questioni di grande importanza sociale – sia per il cittadino, che ha la garanzia che quanto sta facendo sia appunto in tutto e per tutto regolamentare. Pensiamo appunto all’acquisto di un’abitazione: tutti noi non vorremmo mai scoprire in un secondo momento che vi erano delle irregolarità in un contratto che spesso impegna le famiglie per diversi anni, se non decenni ad esempio nel caso in cui si debba aprire un mutuo per ottenere i fondi necessari.
Come fa il Notaio a garantire la regolarità della compravendita immobiliare? Innanzitutto facendo una serie di importanti controlli. Ad esempio l’immobile deve essere regolarmente accatastato: questo significa che la situazione di fatto della casa che stiamo per comprare e quanto depositato presso il Catasto devono corrispondere in tutto e per tutto. Soprattutto quando si tratta di vecchie abitazioni, infatti, può darsi il caso che vi siano divisioni di proprietà non correttamente registrate o che lavori fatti in anni successivi non siano stati comunicati in modo consono al Catasto. In questi casi il venditore, prima di poter alienare l’immobile, dovrà dunque provvedere a mettere in regola la sua situazione.
In altri casi potrebbe trattarsi di veri e propri abusi edilizi: sanare la situazione potrebbe essere allora molto più complesso e dispendioso, sempre se possibile, e richiedere anche tempi lunghi. Insomma, nessuno vorrebbe trovarsi a possedere un immobile abusivo: ebbene, non è in realtà possibile rogitare su un immobile del tutto o parzialmente abusivo e il Notaio vigila anche su questo aspetto.
Ancora, tra i controlli che farà il Notaio vi sono quelli relativi all’esistenza di eventuali ipoteche o diritti di terzi di cui potremmo non essere a conoscenza: anche in questo caso, è bene conoscere la situazione dell’immobile prima di impegnarsi in qualsiasi modo ad acquistare l’immobile, facendo svolgere al Notaio le verifiche del caso.
Da quanto fin qui detto, risulta evidente come il ruolo del Notaio nell’acquisto di un immobile sia molto più di un mero atto formale ed è anzi una funzione essenziale e di grande importanza.

 

Il Notaio nell’acquisto di un immobile redige l’atto di rogito, che determina il passaggio dell’effettiva proprietà dal vecchio proprietario al nuovo


Una volta svolte le verifiche del caso, il Notaio provvederà a redigere l’atto che sancisce il passaggio di proprietà dell’abitazione stessa: in questo documento sono riportati con grande precisione tutti gli estremi dell’immobile, le generalità del venditore e quelle dell’acquirente, così come tutto ciò che serve a determinare le condizioni stabilite per la compravendita. In caso nascessero in un secondo momento rivendicazioni da una delle due parti l’atto notarile sarà un documento fondamentale per dirimere molte delle questioni che possono interessare questo tipo di contratto. Trattandosi di un atto pubblico (redatto da un pubblico ufficiale, cioè il Notaio stesso) ha infatti un altissimo valore legale e la sua validità è assoluta fino a quando non venga dimostrata la sua falsità.
Una volta registrato, questo atto sancirà a tutti gli effetti il passaggio di proprietà e rimarrà negli archivi pubblici a testimonianza della sua storia: in qualsiasi momento, anche tra molti anni, sarà dunque possibile rintracciare gli estremi del contratto e cosa prevedeva, facendo fede di fronte alla legge.

 

Il Notaio nell’acquisto di un immobile si occupa della riscossione di tasse e imposte


Tra i diversi compiti che è necessario segnalare di un Notaio nell’acquisto di un immobile c’è anche quello della riscossione di tasse e imposte per conto dello Stato. Sia che si tratti di un acquisto con agevolazioni per la prima casa, sia che si tratti di un altro tipo di abitazione e immobile, vi è infatti una serie di tasse che è necessario pagare. In questo caso si dice che il Notaio funge da sostituto d’imposta, il che significa appunto che provvede a versare questo denaro per conto dei suoi clienti: si tratta dunque di un ruolo di garanzia da questo punto di vista nei confronti dello Stato, che delega a un suo pubblico ufficiale questa importante funzione.

 

Riassumendo: il Ruolo del Notaio nell’acquisto di un immobile


Riassumendo quanto sopra detto, possiamo evincere che il Notaio ha un ruolo di garanzia di legalità sia nei confronti dello Stato sia nei confronti dei cittadini: svolge una serie di verifiche che vanno dalla regolarità catastale dell’immobile al suo essere nelle effettive disponibilità del venditore. Inoltre provvede alla stesura di un apposito atto notarile chiamato rogito, che viene letto in presenza delle parti coinvolte e da queste sottoscritto: l’atto contiene tutti gli elementi per un’identificazione sicura dell’immobile, le generalità delle parti che stanno sottoscrivendo il contratto e gli accordi presi. Tale atto viene registrato a cura del Notaio sancendo l’effettivo passaggio di proprietà. Inoltre il Notaio funge da sostituto d’imposta, provvedendo a riscuotere una serie di tasse e imposte e a versarle a nome nostro allo Stato.

Il ruolo del Notaio nell’acquisto di un immobile è dunque una funzione sostanziale, di grande importanza e responsabilità, volta a tutelare il cittadino in quello che è spesso l’investimento più importante della sua intera vita.