Che Tipo di Atto Devi Fare?

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Lazio Abruzzo Umbria Marche Toscana Liguria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Piemonte Lombardia Valle d'Aosta
Regione
Provincia
Tipologia
Selezionare la provincia nella quale intendi fare l'atto.


NotaioFacile.it il Portale N.1 per Contattare il Notaio

invia ora la tua richiesta gratuita al notaio il modo piu facile e veloce per trovare il notaio il notaio risponde gratis i notai rispondono entro 48 ore notaio gratis e senza registrazione sito numero uno per preventivo notaio il notaio che risponde economico sito specializzato in ambito notarile contatta il notaio gratis
commenti notaio

Successione Testamentaria: Testamento Olografo e Ruolo del Notaio


Testamento olografo: Quali svantaggi? Il notaio risponde!

Il testamento olografo il testamento scritto, datato e sottoscritto di pugno dal testatore.


Non vale se scritto a macchina o con carattere stampatello, perché l'autografia è richiesta anche per stabilire l'autenticità del documento.


Il testamento olografo presenta l’indubbio vantaggio della comodità ed economicità, ma gli svantaggi sono numerosi. Questi sono dati principalmente dal pericolo di soppressioni, alterazioni o smarrimento, dal rischio di contestazione dell'autenticità e, inoltre, ove non redatto con la consulenza di un professionista, dalla presenza di disposizioni invalide o che presentano difficoltà interpretative della reale volontà del testatore.


COME POSSO CUSTODIRE IL TESTAMENTO OLOGRAFO?

 
Nella prassi tutti i notai acconsentono a ricevere in deposito fiduciario il testamento olografo con costi assai modesti, fornendo, se richiesti, consulenza per la redazione dello stesso.


In ogni caso, quando si sceglie la forma del testamento olografo è fondamentale informare una persona di fiducia o lasciare presso la propria residenza un avviso dell'esistenza del testamento con indicazione del luogo in cui è depositato, in mancanza si corre il rischio che tale testamento non venga mai pubblicato.


CONSULENZA NOTAIO – TESTAMENTO OLOGRAFO

 
Molte sono le cose da sapere sul testamento olografo. Da non trascurare gli svantaggi di questo tipo di testamento e la preferenza, in suo luogo, del testamento segreto. Chiedi Consulenza Gratuita, senza impegno e senza registrazione al portale, a uno dei 500 Notai online a tua disposizione. Notaio Facile è un portale che mette in contatto diretto utente e notaio.



Testamento olografo, consulenza del Notaio e pubblicazione


testamento olografo notaioAbbiamo visto sopra in breve quali sono le caratteristiche salienti del testamento olografo, una delle tre forme testamentarie in uso insieme al già citato testamento segreto e a quello pubblico. Il nome stesso che porta che questa forma testamentaria ne indica la sua caratteristica principale: deve, appunto, essere olografo, cioè deve essere scritto di proprio pugno dalla persona che sta facendo testamento. Non può quindi essere scritto a macchina o al computer: se così fosse, il testamento sarebbe immediatamente invalidato. Una curiosità, anche se noi tutti useremmo come è naturale dei semplici fogli di carta: se è fondamentale la scrittura a mano, non è invece importante il tipo di supporto sul quale il testamento viene scritto. Potremmo anche usare, ad esempio, della stoffa o un altro supporto: la cosa importante è che il materiale che utilizziamo sia adeguato a conservare il nostro scritto abbastanza a lungo e in buone condizioni e che si riconoscibile come scritto di nostro pugno.
Così come l’assenza della scrittura a mano, anche la mancanza della firma in calce al documento determina la nullità del testamento stesso: così come per la scrittura, anche la firma deve essere fatta in modo tale da essere riconoscibile come quella abituale della persona che sta facendo testamento.
Vi è un terzo criterio che, sebbene non implichi l’invalidità del testamento, è fortemente consigliabile: si tratta della data. È infatti bene che il testamento olografo sia datato, così da indicare in modo inequivocabile il momento della sua redazione. Questo per due motivi principali: il primo è che, nel caso in cui esistano più versioni del testamento, sarà quella più recente ad avere validità e ad annullare dunque le versioni precedenti. Il secondo motivo – anche se nessuno vorrebbe tenerlo in considerazione, è in realtà una possibilità da non escludere – è che se a un certo punto della nostra vita dovesse intervenire una tutela legale, è bene che le nostre volontà siano incontrovertibilmente datate a prima di quel momento.
Naturalmente, se decidiamo di redigere più copie del testamento, queste devono avere lo stesso contenuto per evitare confusione e contenziosi: possiamo ad esempio volerlo affidare a più persone, così da essere sicuri che venga reso noto alla nostra dipartita. Assicuriamoci in questo caso di aver scritto copie identiche del testamento che, come già detto sopra, non può essere fotocopiato.
A proposito dell’affidamento a persone di fiducia, è questa una delle caratteristiche che contraddistinguono il testamento olografo: dovremo infatti assicurarci che, al momento della nostra morte, il testamento venga reso pubblico. Possiamo dunque decidere di consegnarlo a una o più persone o prendere comunque i provvedimenti necessari a far sì che gli eredi vengano a conoscenza di questo nostro atto.

Per quanto riguarda il ricorso al Notaio, abbiamo già evidenziato come per il testamento olografo non sia necessario (ed ecco il perché della necessità di affidarlo a qualcuno). Questo però non significa che non si possa ricorrere comunque alla consulenza notarile, anzi è al contrario consigliato: innanzitutto per il contenuto del testamento stesso. La legge italiana prevede infatti particolari disposizioni in presenza di eredi legittimi: se ve ne sono infatti (in particolare coniuge e figli) non abbiamo come si potrebbe pensare la piena disponibilità del nostro capitale mobile e immobile, per il quale possiamo decidere solo in parte. Sono infatti previste percentuali minime specifiche che sono nel pieno diritto dei nostri eredi: della restante parte possiamo invece disporre come preferiamo. È dunque importante, anche per evitare che il nostro testamento venga impugnato, che tali requisiti siano rispettati: è vero che la scelta di contestare o meno un testamento è a discrezione degli eredi, che potrebbero anche decidere di non farlo, ma è sicuramente bene avere chiare le idee e decidere di conseguenza per il meglio.
Anche se non vi fossero problemi di questo tipo, redigere un testamento può essere più complesso di quanto possiamo pensare: anche in questo caso, un Notaio ci aiuterà a far sì che le nostre volontà siano redatte in modo chiaro e incontrovertibile, così che non nascano dubbi sulle nostre disposizioni.

Testamento olografo: riassumiamo


Riassumiamo di seguito in breve le caratteristiche salienti del testamento olografo, che sono:

  • deve essere redatto a mano da chi sta facendo testamento, pena l’invalidità dello stesso
  • deve essere firmato in calce a mano da chi sta facendo testamento, sempre pena la sua invalidità
  • deve essere datato, soprattutto in caso vi siano più versioni successive dello stesso
  • può essere redatto su qualsiasi supporto atto alla conservazione dello scritto
  • sia la scrittura sia la firma devono essere riconoscibili come quelli abituali della persona che sta facendo testamento
  • non richiede un atto notarile, anche se sarebbe bene avvalersi comunque di una consulenza del Notaio per assicurarci che rispetti i termini di legge (in particolare per quanto riguarda le quote di spettanza dei nostri eredi legittimi) e che sia chiaro in ogni sua parte riguardo le nostre volontà
  • è bene sia affidato a persone di fiducia per essere sicuri che venga pubblicato al momento della nostra morte, possiamo anche consegnarlo al Notaio per assicurarci che questo avvenga
Ti sembra complicato: chiedi informazioni direttamente al Notaio