inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Simone G. L'ho già usato in precedenza, i due preventivi che mi sono arrivati sono stati molto esaustivi. La mia prima ...
Claudio E. Volevo ringraziarvi perché ho ricevuto finalmente! Un Preventivo Notarile Analitico, con tutte le voci dei co ...
Stefano I. Ho bisogno un notaio che mi segua per la costituzione di una nuova società, ma volevo ridurre le spese di sta ...
Sandro N. Ho saputo che si può risparmiare sulla casa scegliendo di fare l'atto da gennaio con l'introduzione delle nuo ...
Mauro F. Molto comodo, grazie a Notaiofacile ho trovato il Notaio velocemente e sono riuscito a rispettare i tempi del ...
Maria Gabriaella B. Molto comodo direi. Per ora ho fatto solo la richiesta e mi sono trovata bene. Grazie. ...
Davide N. Notaio vicino a casa per comprare immobile sito in un'altra provincia o regione buongiorno, gradivo ringrazi ...
Roberta T. Sto per comprare una seconda casa al mare e volevo sapere quanto mi costa come imposte ma in particolare i cos ...
Stefania G. Ottimo sito, a volte noi contribuenti ci troviamo di fronte ad infiniti dubbi soprattutto quando l'argomento t ...
Marta B. Grazie a al vostro servizio ho fissato un incontro con il Notaio e ho capito che nel mio caso conveniva effett ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Notaio: Il testamento del professionista

Cosa si intende per autonomia testamentaria?

il legato del nome del professionista fra autonomia testamentaria e disposizioni mortis causaIl negozio testamentario è la piena espressione del principio di autodeterminazione negoziale di ogni cittadino. A tal proposito, la previsione costituzionale contenuta nell’art. 42, ultimo comma, Cost. indica come socialmente rilevante l’esigenza della persona di disporre dei propri interessi per il tempo in cui avrà cessato di vivere. In forza di tanto, il legislatore ha inteso costruire l’intero impianto normativo orientandosi fra l’esigenza di attribuire ampia libertà al testatore e quella di tutelare determinate categorie di soggetti, i cui diritti sono considerati riservati ed intangibili.

Il testamento si atteggia, dunque, ad atto che può racchiudere le più disparate disposizioni, patrimoniali e non, tipiche ovvero non specificatamente contemplate dall’ordinamento, tutte finalizzate alla regolamentazione degli interessi post mortem del de cuius. A tal fine, l’autonomia testamentaria si serve di due strumenti: l’istituzione di erede o l’attribuzione mediante legato.

Il professionista può consentire l’indicazione del proprio nome per il tempo in cui avrà cessato di vivere?

Facciamo un esempio: Tizio è titolare di un importante studio legale, recante il proprio nome, in Roma. Egli è alla guida di un folto gruppo di avvocati e vuole consentire loro di utilizzare il proprio nome anche successivamente alla propria morte a beneficio dei componenti del suo stesso studio. La clientela, infatti, è fidelizzata al suo studio ed il suo nome è garanzia di successo in ogni contenzioso legale. Come procedere?

La natura giuridica di tale disposizione è controversa: secondo taluni potrebbe, da un lato, essere ricondotta nel novero delle disposizioni a contenuto non patrimoniale e, per altri, è connotata certamente dal carattere della atipicità. Quel che è certo è che con esso il testatore dispone, a titolo di legato, del valore patrimoniale costituito dal proprio nome. Attribuire a taluni il diritto all’utilizzazione del proprio nome si traduce nel potere di utilizzarlo in via esclusiva e in quello di impedire a terzi l’utilizzazione indebita.

Come effettuare un legato di nome professionale?

Affinché tale disposizione contenuta nel testamento del professionista sia effettivamente eseguita e la volontà del testatore rispettata è possibile procedere all’apposizione di un modus o una condizione testamentaria. Nel primo caso, per l’adempimento dello stesso, potrà agire ogni soggetto interessato e, in caso di inadempimento, l’autorità giudiziaria potrà intervenire pronunciando la risoluzione della disposizione testamentaria nelle ipotesi in cui essa sia stata prevista dal testatore ovvero se l’adempimento dell’onere abbia costituito il solo motivo determinante della disposizione.

L’indicazione del nome potrebbe, altresì, atteggiarsi a condizione sospensiva o risolutiva di una disposizione testamentaria di un fatto lecito dedotto in condizione.

Il legato del nome del professionista è una disposizione a titolo particolare o a titolo universale?

Le disposizioni testamentarie sono essenzialmente di due tipi:

  1. sono a titolo universale e attribuiscono la qualità di erede, se comprendono l’universalità o una quota dei beni del testatore;
  2. sono a titolo particolare e attribuiscono la qualità di legatario negli altri casi.

La differenza principale consiste nella differente modalità di acquisto del diritto.

Il legato si acquista ex sé, senza bisogno di accettazione (fatta salva la facoltà di rinunzia).

La nomina ad erede necessita dell’accettazione ai fini dell’acquisto della qualità di erede. L’effetto dell’accettazione risale al momento dell’apertura della successione.

In particolare, nella ipotesi in cui i collaboratori dello studio professionale non siano anche eredi, l’attribuzione è da considerarsi a titolo particolare e si atteggia quale legato.

Ci sono dei limiti?

Nell’attribuzione del nome a determinati soggetti, suoi collaboratori, il professionista non può non tener conto dei limiti al suo potere di testare. In particolare, il limite maggiore è costituito dall’art. 549 c.c. il quale sancisce il divieto di porre pesi o condizioni sulla quota spettante ai legittimari.

Invero, non si può negare che sia vietato al testatore di imporre ai legittimari, in riferimento ai diritti di riserva, l’obbligo di indicare il proprio nome nella denominazione dello stesso.

Tale disposizione, infatti, potrebbe rendere gravosa la posizione di tali soggetti che, in forza della già richiamata norma, deve essere assolutamente libera da pesi e condizioni.

Ne discende che quella disposizione imposta sul legittimario istituito nella sola quota di legittima debba essere considerata nulla e, pertanto, irricevibile, ai sensi dell’art. 28 della legge notarile, da parte del notaio cui fosse affidata la riduzione in iscritto delle ultime volontà del de cuius–professionista.

Qualora, al contrario, il legittimario sia stato istituito in una quota di eredità, e non nella sola quota di legittima, la sanzione colpirà soltanto quella parte della disposizione che dovesse gravare sui diritti di riserva.

Quanto costa disporre per testamento del diritto al nome?

Il costo dell’atto notarile è soggetto a variazioni a seconda del contenuto dell’atto. Solitamente, tale disposizione è solo parte del più ampio contenuto dell’atto con cui il testatore intende disporre delle proprie sostanze.  È sempre possibile chiedere un preventivo gratuitamente e senza impegno direttamente al notaio attraverso il nostro sito.

richiesta preventivo notaio online
TestamentiTestamento OlografoConservare il testamento olografoTestamento SegretoTestamento PubblicoTestamento SpecialeTestamento BiologicoTestamento InternazionaleCosa lasciare nel testamento
richiesta al notaio