inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Aldo B. NOTAIO FACILE SIA UNA VALIDA INIZIATIVA PENSO CHE NOTAIO FACILE SIA UNA VALIDA INIZIATIVA CHE PERMETTE AGLI U ...
Claudio E. Volevo ringraziarvi perché ho ricevuto finalmente! Un Preventivo Notarile Analitico, con tutte le voci dei co ...
Riccardo F. Ho visto il sito e ho notato che i notai si occupano di moltissime attività. Dato che avrei bisogno della con ...
Ezio L. Grazie Notaio Facile!!! Consiglio a tutti di utilizzare questo servizio è un esempio di come anche in Italia ...
Luca M. Non è facile trovare il notaio meno caro a Roma, ma questo sito mi ha aiutato. ...
Nicola P. Il servizio da Voi offerto è molto facile ma soprattutto molto intuitivo ed efficace. ...
Tsjana D. Complimenti per vostro sito e una idea gieniale buon lavoro e aspeto la vostra risposta e vostro preventivo ma ...
Marzia S. Buongiorno volevo ringraziare sono stata contattata velocemente e in modo molto professionale dai Notai. Grazi ...
Vinvenzo V. Ottima iniziativa! Ho ricevuto la risposta dal Notaio il giorno stesso e mi sono rivolto a lui per acquistare ...
Roberta T. Sto per comprare una seconda casa al mare e volevo sapere quanto mi costa come imposte ma in particolare i cos ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

RINUNCIA ALL’OPPOSIZIONE DELLA DONAZIONE DAL NOTAIO

La rinuncia ad opporsi alla donazione: cos’è e come tutelarsi?

Cos’è l’opposizione alla donazione e perché si potrebbe rinunciare?

Rinuncia all’opposizione donazione dal notaio come fare e cosa sapereOgni qualvolta una persona fa una donazione, i suoi potenziali legittimari possono presentare un atto stragiudiziale di opposizione alla donazione. Tale atto, che dovrebbe essere notificato sia alla persona donante, sia alla persona che ha ricevuto la donazione, consentirebbe di far sospendere la prescrizione per richiedere indietro il bene donato da chi potrebbe comprarlo. In poche parole se a sua volta il beneficiario della donazione trasferisce il bene a qualcun atro allora gli eredi legittimari potrebbero chiedere la restituzione del bene da parte di quest’ultimo.

I presupposti per richiedere la restituzione del bene da parte di chi abbia acquistato il bene che era stato donato sono:

  1. Che sia morto il donante, ossia la persona che ha fatto la donazione, e l’apertura della sua successione;
  2. Che vi sia la lesione della quota spettante agli eredi legittimari, che riceverebbero meno di quello previsto per legge;
  3. Che non sia decaduto il diritto a chiedere la restituzione

Tale diritto a chiedere la restituzione del bene donato infatti si prescrive dopo 20 anni dalla data della donazione, a meno che non sia fatta l’opposizione alla donazione, che sospende questo termine. La rinuncia all’opposizione alla donazione consiste quindi nel rinunciare a far sospendere il termine di 20 anni.

Perché si fa la rinuncia all’opposizione?

Nell’ultimo periodo si sente parlare molto spesso della rinuncia all’opposizione, che consiste nel rinunciare ad opporsi alla donazione.

Tale rinuncia consentirebbe di mettere in sicurezza una futura ed eventuale vendita del bene donato. Infatti vendere un bene che proviene da una donazione potrebbe risultare abbastanza difficile, poiché ci sarebbe sempre il rischio per il compratore di dover restituire il bene agli eredi del donante, laddove questi ne chiedessero la restituzione.  Il Notaio di fiducia potrà comunque precisare che la rinuncia inciderebbe unicamente sulla facoltà di sospendere il termine per chiedere la restituzione del bene donato. Essa invece non comprometterebbe i diritti del legittimario che fa la rinuncia. Egli infatti, nonostante la rinuncia all’opposizione, continuerebbe a mantenere i suoi diritti di legittimario ed in particolare il diritto alla quota di eredità legittima e, se questa non fosse rispettata, il diritto alla riduzione della donazione che permetterebbe di avere indietro il bene donato o, laddove sia stato venduto, di ottenere la somma pari al valore del bene che verserebbe il donatario.

Quali sono le conseguenze della rinuncia ad opporsi alla donazione?

Nel caso in cui venisse fatta una rinuncia a proporre l’atto di opposizione allora sarebbe eliminato definitivamente il potere di sospendere i termini per proporre l’azione di restituzione verso i terzi acquirenti del bene donato. Decadrebbe pertanto il diritto di fare opposizione alla donazione. Tuttavia tale decadenza vi sarebbe solo per il soggetto rinunziante e non per gli altri legittimari che non avessero rinunciato all’opposizione. La rinuncia, infatti è un atto personale e valevole solo per propria sfera giuridica del rinunziante. La conseguenza sarà che decorreranno in modo regolare e senza sospensione i termini previsti dalla legge, di 20 anni.

La rinuncia all’opposizione, inoltre, produrrebbe i suoi effetti a partire dal momento in cui verrebbe perfezionata. Sarebbe ad ogni modo consigliabile far redigere tale rinunzia all’opposizione da un Notaio nella forma dell’atto pubblico, nel rispetto del principio di simmetria delle forme. Essa può essere inserita anche all’interno dello stesso atto di donazione. Quanto a regime pubblicitario, l’atto di rinuncia alla opposizione dovrebbe essere trascritto a favore del donatario e contro il legittimario che dispone la rinuncia.

Qual è il contenuto dell’atto di rinuncia all’opposizione?

Per l’atto di rinuncia all’opposizione alla donazione si consiglia affidarsi ad un Notaio, a cui ci si potrebbe rivolgere anche tramite il servizio gratuito che offre questo sito. Attraverso tale atto scritto il soggetto rinunziante, di cui verrebbero indicate le generalità ed il suo rapporto di parentela con il donante, andrebbe a dichiarare espressamente di voler rinunziare, in modo irrevocabile, al suo diritto di fare opposizione ad una specifica donazione. Inoltre verrebbe preso atto che per effetto della rinunzia i termini di prescrizione per l’azione di restituzione continuerebbero a decorrere senza sospensione.

In merito al regime tributario l’atto di rinunzia all’ opposizione, che dovrebbe avere la forma di atto pubblico, esso rientrerebbe nella categoria degli atti non aventi per oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale. In base a tale caratteristica l’atto di rinuncia all’opposizione che venisse perfezionato dal Notaio sarebbe soggetto ad un’imposta di registro in misura e ad imposte ipotecaria in misura fissa.

La rinunzia sarebbe inoltre assoggettata all’imposta di bollo che è prevista per atti soggetti formalità immobiliari diversi da quelli aventi effetti traslativi di diritti reali, che dovrebbe ammontare a circa 155 €. Come è stato già specificato, sarebbe opportuno pur se non è obbligatorio che la rinuncia fosse notificata almeno al donatario, beneficiario della donazione per cui si fa la rinuncia all’opposizione, ed ai suoi aventi causa, ossia eventuali eredi del donatario e le persone che abbiano acquistato il bene donato comprandolo dal donatario o dai suoi eredi. Perciò dovranno aggiungersi i costi necessari per effettuare tali notifiche, che solitamente avvengono con raccomandata con ricevuta di ritorno; nonché i costi notarili per la scrittura dell’atto stesso.

richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio