inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Ezio L. Grazie Notaio Facile!!! Consiglio a tutti di utilizzare questo servizio è un esempio di come anche in Italia ...
Valentina R. Mi sembra una buona idea dare un servizio on line, riduce e facilita i tempi, e spero anche i costi, grazie pe ...
Valentina L. Sono arrivata sul sito NotaioFacile.it per caso, dato che stavo cercando i costi di un notaio a Perugia per ac ...
Michele R. Cercavo un Notaio che mi facesse un prezzo scontato visto che in questo momento le spese sono tante, effettiva ...
Stefano E. Grazie NotaioFacile per avermi messo in contatto con il Notaio che mi ha spiegato tutto quello che avevo bisog ...
Marco P Il Miglior modo per chi cerca il Notaio e vuole Risparmiare
Cercavo un notaio per acquistare con mia mo ...
Renato C. Se la risposta arriva celermente il servizio è ottimo, grazie ...
Alessia I. Sono responsabile della getione burocratica delle pratice per una coperativa. Stavamo cercando un nuovo notaio ...
Alice C. Notaio per cambio sede legale srl in altro comune ...
Paolo. V. Davvero veloce, avevo urgenza di Trovare il Notaio per una separazione dei beni, dopo aver ricevuto il prevent ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

OPPOSIZIONE ALLA DONAZIONE: A COSA SERVE E CHI LA PUò FARE?

L’atto di opposizione ad una donazione dal Notaio

opporsi alla donazione dal notaio quanto costaQuando una persona fa una donazione, i suoi eredi legittimari possono opporsi alla donazione. L’opposizione alla donazione non rende la donazione inefficace ma è una forma di tutela degli eredi del donante che si oppongono; infatti, questa opposizione consentirà loro di richiedere la restituzione del bene che è stato donato quando il donante morirà, anche se il beneficiario della donazione avrà nel frattempo venduto quel bene, se i suoi diritti sono stati lesi.

L’atto di opposizione non si fa in tribunale, infatti si dice che è un atto stragiudiziale proprio perché non avviene all’interno di un giudizio o di un processo. Esso è un atto che può essere fatto solo da alcuni soggetti individuati dalla legge con un atto privato che deve essere regolarmente notificato e trascritto, per il quale è generalmente consigliabile rivolgersi ad un Notaio affinché si abbia la certezza di perfezionarlo in modo valido secondo i requisiti di legge.

Solitamente per il suo perfezionamento è richiesta la presenza di due testimoni ed è previsto che l’atto di opposizione sia comunicato almeno al donatario, ossia a colui che ha ricevuto la donazione a cui ci si oppone. All’interno dell’atto il Notaio normalmente indica anche gli estremi esatti dell’atto pubblico di donazione che è oggetto dell’opposizione.

Quali sono gli effetti dell’atto di opposizione alla donazione?

L’atto di opposizione alla donazione ha un effetto ben preciso che, come abbiamo detto, potrebbe consentire di chiedere la restituzione del bene che è stato donato dopo la morte del donante. Questo effetto è la sospensione del termine di prescrizione previsto per l’azione di restituzione.

Per capire bene di cosa di tratta si dovrebbe sapere che a partire dal giorno stesso in cui viene fatta una donazione e viene regolarmente trascritta negli appositi registri, inizia un periodo chiamato periodo di prescrizione che dura venti anni. Entro tale termine di venti anni gli eredi legittimi del donante, se ritengono di essere stati lesi nella propria quota di legittima, possono agire contro il beneficiario della donazione, chiamato donatario, e se il donatario ha trasferito il bene a soggetti terzi, possono agire anche contro i terzi chiedendo la restituzione del bene che era stato donato.

Proprio tale azione di restituzione ha un termine di prescrizione di venti anni. In teoria, quindi, trascorsi questi venti anni non potrebbe più essere richiesta la restituzione del bene ad eventuali terzi che abbiano acquistato il bene donato.

La previsione dell’atto di opposizione alla donazione è stata introdotta perché potrebbe accadere che il soggetto donante sia ancora in vita dopo venti anni dalla donazione, facendo così scadere il termine di prescrizione senza dare la possibilità agli eredi di agire per la restituzione del bene. Difatti finché il donante è in vita nessuna azione può essere fatta contro il donatario né contro i terzi che acquistino il bene donato, perché l’azione di restituzione del bene donato richiede che il donante muoia e che si apra la sua successione ereditaria, cosa che potrebbe accadere anche dopo più di venti anni dal momento in cui avviene la donazione.

Per tale motivo è prevista la possibilità di opporsi alla donazione così da far sospendere questo termine di prescrizione. L’opposizione vale per venti anni e può essere rinnovata anche più volte, ma ogni volta devono essere rispettate tutte le previsioni di legge, anche riguardo i soggetti che potrebbero fare opposizione.

Potresti fare opposizione alla donazione di un tuo parente?

Per capire se rientreresti tra i soggetti che potrebbero fare opposizione ad una donazione, bisogna analizzare quali sono i soggetti legittimati dalla legge a compiere tale atto. Si tratta di soggetti che potrebbero essere danneggiati da tale donazione perché, facendo parte del nucleo familiare più stretto della persona donante si ritroverebbero ad essere esclusi da una parte della sua successione: infatti l’oggetto che viene donato, come una proprietà immobiliare, una macchina o una somma di denaro, verrebbe tolto in anticipo dal patrimonio ereditario.

Ciò potrebbe comportare che il bene venga attribuito solo ad una persona invece che essere diviso tra gli eredi legittimari, a danno della quota di eredità che spetta loro per legge.

Tuttavia è bene comunque ricordare che per capire se realmente questa donazione comporterà un danno alla propria quota di legittima si dovrà aspettare la morte del donante e l’apertura della sua successione per vedere se sarà rimasto qualcosa nell’asse ereditario o se sarà stato depauperato tutto il patrimonio o una parte sostanziosa di esso. Ma proprio nel dubbio che ciò avvenga, e quindi qualora si abbia il sospetto che la donazione possa danneggiare i propri diritti di erede legittimario, si potrebbe fare un atto di opposizione alla donazione, purché tuttavia si rientri nella categoria dei possibili eredi legittimari del donante, come vediamo qui di seguito.

Chi sono i soggetti legittimati ad opporsi alla donazione?

Come abbiamo visto solo alcune persone sono legittimate a fare un atto di opposizione alla donazione, ossia solo alcune persone possono fare validamente tale opposizione. Tali soggetti sono le persone che, appartenendo al nucleo familiare più stretto del donante, sarebbero i suoi eredi legittimari laddove il donante morisse. Si tratta pertanto dei soggetti individuati dall’articolo 563 del codice civile che possono validamente opporsi alla donazione, i quali sono il coniuge ed i parenti in linea retta del donante.

In termini pratici avrebbero il diritto di opporsi alla donazione i seguenti parenti del donante:

- il coniuge, anche se separato purché senza addebito, che il donante aveva al momento della donazione;

- la persona che diventa coniuge del donante entro venti anni dall’avvenuta donazione;

- i genitori del donante, ma anche eventualmente i suoi nonni;

- i figli, i nipoti ed anche i pronipoti del donante, poiché questi ultimi potrebbero diventare eredi legittimari al posto dei figli del donante, laddove premuoiano a quest’ultimo.

Come si fa l’atto di opposizione alla donazione?

Solitamente per perfezionare un atto di opposizione, pur se non è obbligatorio, ci si rivolge ad un Notaio di fiducia, che può essere anche diverso rispetto al Notaio che si è occupato della donazione a cui ci si vorrebbe opporre. Il servizio offerto da questo sito permette un contatto diretto e gratuito con i Notai in tutta Italia, anche per un consulto in tal merito.

L’atto di opposizione è un atto personalissimo e potrebbe essere fatto solo personalmente senza poter dare procura ad altri, ma ciò non toglie che più soggetti legittimati possano ipoteticamente fare insieme un unico atto di opposizione alla stessa donazione oppure fare ognuno un atto di opposizione contro il medesimo atto di donazione.

Gli effetti sospensivi che, come abbiamo visto, sono legati all’atto di opposizione andranno perciò a beneficio soltanto di coloro che avranno perfezionato validamente l’opposizione alla donazione, mentre per gli altri decorrerà il termine di prescrizione di venti anni per l’azione di restituzione del bene donato verso i terzi, che eventualmente acquisteranno il bene dal donatario che ha beneficiato della donazione. È bene inoltre sapere che il diritto ad opporsi alla donazione è un diritto rinunciabile, a cui quindi il soggetto legittimato potrebbe rinunciare personalmente attraverso la rinuncia dell’opposizione alla donazione.

Laddove invece venisse effettuata, affinché avesse effetto, l’opposizione alla donazione dovrebbe essere regolarmente trascritta e notificata sia al donatario sia ai suoi aventi causa a cui egli avesse eventualmente trasferito il bene ricevuto in donazione. Tale atto di opposizione sarebbe comunque soggetto alle imposte ordinarie, che sarebbero calcolate e comunicate preventivamente dal Notaio incaricato, tra cui l’imposta ipotecaria in misura fissa e l’imposta di bollo.

richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio