inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Claudio E. Volevo ringraziarvi perché ho ricevuto finalmente! Un Preventivo Notarile Analitico, con tutte le voci dei co ...
Luca V. Il prezzo del notaio varia molto da professionista a professionista, per questo ho chiesto un preventivo che m ...
Stefano I. Ho bisogno un notaio che mi segua per la costituzione di una nuova società, ma volevo ridurre le spese di sta ...
Stefania G. Ottimo sito, a volte noi contribuenti ci troviamo di fronte ad infiniti dubbi soprattutto quando l'argomento t ...
Mattia G. Mia zia mi ha venduto una proprietà perché voglio costruire una nuova casa per me e la mia famiglia. La zia ...
Lorenzo C. Siamo 2 architetti e avevamo bisogno un notaio per rogito multiproprieta per dei nostri clienti che ci hanno c ...
Marzia N. Facile e intuitivo, davvero un sito ben fatto. ...
Rocco A. Spero che questo servizio aiuti altre persone che come mè erano alla ricerca del Notaio, Complimenti e buon l ...
Vinvenzo V. Ottima iniziativa! Ho ricevuto la risposta dal Notaio il giorno stesso e mi sono rivolto a lui per acquistare ...
Pier Luigi S. Ciao, vi scrivo per farvi i complimenti, ero alla disperata ricerca di un notaio per risolvere una difficile q ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Come si fa una fusione societaria e qual è il ruolo del Notaio?

Quali possono essere i motivi che portano alla fusione delle società?

fusione societariaMolto spesso accade che un imprenditore voglia ampliare il raggio d’azione della propria azienda ed ottenere nuova clientela. Ciò potrebbe essere fatto creando nuovi rami aziendali o aprendo altre sedi in posti diversi rispetto a quello in cui si opera. Tali scelte sono sicuramente corrette ed hanno molti vantaggi ma potrebbero avere un rischio imprenditoriale anche elevato, correlato alla fase di avvio. Infatti, attraverso un tale investimento la società si andrebbe ad inserite in quote di mercato ad essa sconosciuti oppure, in alternativa, potrebbe decidere di indirizzando allo stesso mercato di riferimento ma con una diversificazione dei prodotti e servizi che prima non forniva. In tale ultimo caso, la società entrerebbe comunque in un ambito diverso rispetto a quello in cui opera e di cui conosce già le caratteristiche.

Per tali motivi, tra le varie alternative che sono valutate dagli imprenditori, si considera anche la possibilità di unire la propria società con un’altra, così da avvantaggiarsi reciprocamente dell’avviamento già compiuto e della forza che ognuna ha sul mercato. La fusione societaria permette infatti di unire la propria attività con un’altra, così da fare ingresso in un nuovo mercato attraverso un concept già esistente, che potrebbe far diminuire i rischi legati a tale progetto di espansione. Tra i motivi per intraprendere una fusione rientrano anche: occasioni di maggior guadagno, risanamento di una società attraverso la solidità e la forza dell’altra, agevolazioni per l’ingresso in mercati emergenti.

Quali tipi di fusione societaria esistono?

La fusione societaria è un’operazione straordinaria che incide sullo stesso atto costitutivo delle società partecipanti. Essa consiste nell’unione di due o più società attraverso un atto notarile e può avvenire principalmente in due modi: fusione per unione e fusione per incorporazione. Nel primo caso, anche denominato come fusione in senso stretto, due o più società si uniscono per costituirne una nuova, cosicché sotto un nuovo nome andranno ad operare le diverse realtà aziendali che prima facevano riferimento alle singole società unitesi. In questo caso verrà stipulato un nuovo atto costitutivo dal Notaio, che si riferisce alla nuova società che si forma dall’unione delle precedenti.

Nella seconda ipotesi, invece, una società acquista l’altra nella sua interezza, acquisendo tale realtà aziendale. In questo caso si distingue tra società incorporante e società incorporata. La prima, detta incorporante continua ad avere esistenza, mentre l’altra o le altre società vengono in essa incorporate, ampliandola. Anche in questo caso ci sarà bisogno di un atto negoziale stipulato dal Notaio.

La consulenza notarile anche per rispettare le norme sulla concorrenza

Per le società che avessero intenzione di operare una fusione si consiglia sempre di consultarsi con un Notaio non solo per conoscere i vari atti che si dovrebbero predisporre ma anche per capire se tale operazione straordinaria possa essere eseguita nel rispetto delle norme sulla concorrenza di mercato. Le unioni societarie, in particolare quando riguardano aziende di grandi dimensioni o alcune tipologie di mercato con pochi operatori, rischiano infatti di convogliare la clientela verso una o poche società, con possibile danno per la libera concorrenza sul mercato. Le distorsioni della concorrenza sono estremamente pericolose perché possono comportare sanzioni da parte dell’Autorità Garante della concorrenza e del mercato. Una consulenza preliminare potrebbe quindi essere un prezioso e valido aiuto per la sicurezza di un’operazione così importante, la quale si articola in diverse fasi, come riportiamo qui di seguito.

La deliberazione di fusione e l'atto di fusione: come avviene la fusione societaria?

Nel procedimento di fusione societaria si articolano in una fase preparatoria ed una fase di attuazione ognuna delle quali, a sua volta, è costituita in vari steps e solo al termine di essi si arriva alla fusione delle società.

- La fase preparatoria: ha inizio con la valutazione delle situazioni patrimoniali delle società partecipanti alla fusione, dopo di che gli amministratori predispongono un progetto di fusione che presentano all’assemblea straordinaria della società, a cui sono fornite apposite relazioni. Ogni società partecipante dovrà approvare il medesimo progetto di fusione, contenente l’atto costitutivo della nuova società risultante dalla fusione o di quella incorporante. L’approvazione deve avvenire attraverso una delibera assunta davanti al Notaio incaricato.

- La fase di attuazione: dopo la fase preparatoria devono decorrere i termini di legge per consentire ad eventuali creditori sociali di venire a conoscenza dell’operazione e, se del caso, fare opposizione. Se decorrono questi termini senza l’opposizione dei creditori, si può stipulare la fusione vera e propria, che consiste in un vero e proprio contratto denominato di fusione, da stipularsi innanzi al Notaio.   

In alcuni casi, poi, il procedimento di fusione viene semplificato per consentire una maggiore snellezza e celerità della procedura, si parla quindi di fusione semplificata.

La fusione semplificata

La fusione semplificata prevede alcune esenzioni nella complessa procedura appena vista come, in particolare, il fatto che il progetto di fusione non debba indicare il rapporto di cambio né le relazioni degli amministratori e degli esperti in merito. Infatti essa si applica quando non c’è bisogno di stabilire come devono essere convertite le azioni o quote delle società partecipanti alla fusione, poiché è prevista nei casi di:

  • fusione per incorporazione di società interamente posseduta dalla società incorporante
  • fusione tra società appartenenti allo stesso socio
  • fusione inversa, in cui la società controllata al 100% incorpora la sua controllante.

La materia della fusione e del diritto societario rimane di grande importanza ma è altrettanto delicata ed è quindi sempre consigliabile una consulenza societaria d’impresa dal Notaio

richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
Potrebbe interessarti:
Scioglimento SocietàScioglimento Liquidazione SNCScissione SocietariaModifica Statuto SrlAumento CapitaleRiduzione Capitale
richiesta al notaio