inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Andrea A. Il notaio online è sicuramente una valida alternativa, ma lascia sempre qualche dubbio. Mi sono trovato bene ...
Mario M. È la prima volta che uso notaio facile e spero mi sia d'aiuto anche per risparmiare sulle spese dell'atto. Ri ...
Marco E. Volevo capire il costo di un notaio a Milano: sono davvero elevati! Per fortuna ho potuto confrontare diversi ...
Giulia M. Volevo sapere quanto costa il notaio per spese di eredità e mi hanno risposto subito! Ho solo dovuto fornire ...
Piero O. Comprare la casa stava diventando un impresa difficilissima, tra la banca che ci ha messo 3 mesi per concederm ...
Nunzia G. Non avevo idea di quanto fosse la parcella del Notaio, grazie al sito ho ricevuto i preventivi ed ora so final ...
Giada R. Una consulenza notarile online mi sembrava molto strana ed in più gratuita… In effetti inviando la richiest ...
Paolo. V. Davvero veloce, avevo urgenza di Trovare il Notaio per una separazione dei beni, dopo aver ricevuto il prevent ...
Tommaso F. Cercavo il Notaio che costa meno in assoluto e senza capire che in effetti risparmiare 100 euro non cambia la ...
Stefano E. Grazie NotaioFacile per avermi messo in contatto con il Notaio che mi ha spiegato tutto quello che avevo bisog ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Cessione di quote societarie dal Notaio

Cessione di quote societarie: cenni generali

cessione quote societarie dal notaio informazioni e preventiviLa cessione di quote societarie è un contratto con il quale un socio cede la propria quota sociale a un altro socio oppure a un terzo estraneo, che entra così a fare parte della società. È un contratto che può assumere varie forme a seconda che questa cessione sia a titolo gratuito o oneroso.

Nel primo caso si parla di donazione di quote, nel secondo caso invece abbiamo la vera e propria cessione. È come se fosse in sostanza una compravendita avente ad oggetto le quote sociali. Questo tipo di contratto varia come vedremo nel seguito a seconda che ci si trovi di fronte ad una società di persone a una società di capitali: nelle due ipotesi il rapporto sociale è ben diverso e con esso anche le stesse quote.

La sostanza però non cambia: in entrambi i casi si cede la propria partecipazione al capitale sociale, con la conseguenza che il nuovo socio potrà esercitare tutti i diritti spettanti a colui che ha ceduto le proprie quote, nonché ottenere gli utili derivanti dall’attività sociale.

Cessione di quote di società di persone

La società di persone è caratterizzata da una partecipazione legata alla persona del singolo socio, che è responsabile delle obbligazioni sociali anche con il proprio patrimonio. Vi è una maggiore personalizzazione della partecipazione sociale, pertanto ogni qualvolta si intenda cedere la quota ad esempio di una società in nome collettivo, occorre il consenso di tutti gli altri soci. Ciò in quanto la cessione della quota comporta una vera e propria modifica dei patti sociali, a differenza come vedremo delle società per azioni, dove la persona del singolo socio ha meno rilevanza rispetto alle azioni stesse.

Si fa salva la cessione di una quota di una società in accomandita, nella quale si può cedere la posizione o del socio accomandante o di quello accomandatario. In questo caso si può utilizzare la forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata.

Cessione di quote di società di capitali

Per quanto riguarda le società di capitali la partecipazione sociale deve essere anche in questo caso ceduta con un contratto, redatto per atto pubblico o scrittura privata autenticata e può avere ad oggetto o le azioni, nel caso di società per azioni o accomandita per azioni, oppure le quote, in caso di società a responsabilità limitata.

Nelle società di capitali non occorre una modifica dello statuto come accade nelle società di persone, dove andiamo a modificare i patti sociali: la regola generale è che le quote di società di capitali o le azioni siano liberamente trasferibili.

Ad esempio, l’azionista di una società per azioni può liberamente cedere le sue azioni a un terzo o a un altro azionista, senza per questo chiedere il consenso di tutti gli altri azionisti. Ciò anche per la minore rilevanza che in questi tipi sociali assume la persona del singolo socio. Quello che prevale in questi tipi sociali è il capitale sociale rappresentato e l’aspetto patrimoniale.

Possono esservi dei limiti a questa libertà di trasferimento?

Sì, la società di capitali può decidere di introdurre nello statuto una clausola che preveda dei limiti alla libera circolazione delle quote o delle azioni, ad esempio ponendo dei limiti temporali oppure prevedendo che non possano essere cedute a determinati soggetti.

Queste clausole vengono introdotte dopo un’assemblea straordinaria che modifichi lo statuto, redatta con verbale per atto pubblico dal notaio. Si può prevedere, anche, una clausola di prelazione: si prevede un diritto di prelazione a favore di uno o più azionisti, ovvero il diritto di essere preferiti a terzi nella cessione di una quota. In questo caso, prima di cedere la propria quota o azione, il socio cedente deve comunicarlo al socio titolare del diritto di prelazione, il quale può esercitarlo ed acquistare lui stesso la quota, oppure non esercitarlo e lasciare che la quota sia ceduta a terzi.

Documenti societari

Per la cessione di quote societarie dal Notaio occorre portare i documenti di identità del cedente e del cessionario. Occorre inoltre portare l’atto costitutivo della società nonché lo statuto, se separato. Possono essere utili anche la situazione patrimoniale della società, che i soci possono esaminare per analizzare la situazione economica ed esserne consapevoli, prima di rispettivamente uscire ed entrare dalla società in oggetto.

Il Notaio provvederà ad effettuare una visura camerale, per cui è opportuno inviare i suddetti documenti qualche giorno prima dell’atto. Dalla visura emergono tutte le cariche sociali, in modo che il Notaio possa controllare effettivamente la titolarità della partecipazione ceduta.

I costi dell’atto

Successivamente alla stipula dell’atto, il Notaio provvederà a trasmettere l’atto al Registro delle Imprese, affinché provveda ad aggiornare i registri e la situazione dei soci all’interno della società. Per questo motivo è importante affidarsi a un professionista che segua tutta la pratica e che riceve l’onorario più IVA. Oltre a questo, le parti devono versare l’imposta di registro pari a 200 euro per ogni singola quota venduta, l’imposta di bollo e i diritti camerali.

Chi deve costituirsi?

A seconda che si tratti di una cessione di quote di società di persone o di capitali la costituzione cambia. Nella società di persone, trattandosi come detto di un atto di modifica patti sociali, devono intervenire non solo chi cede la quota e chi la acquista, bensì anche gli altri soci per manifestare il proprio consenso. Si tratta di un atto simile a un contratto di compravendita, con il quale le parti convengono di modificare i patti sociali, attribuendo la quota ad un determinato socio. Nel caso di società per azioni, invece, il trasferimento delle azioni si realizza con un atto di cessione che non richiede il consenso degli altri soci: interverranno, dunque, il socio azionista cedente (o il titolare della quota di srl) e il soggetto che acquista.

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Forme SocietarieDiritto SocietarioTrasformazione societariaCostituzione
richiesta al notaio