inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Silvia De. La procura di un notaio non può costare così tanto! Per questo ho cercato un notaio più economico su questo ...
Marco E. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Matteo O. Ho trovato un piccolo casolare che vorrei adibire ad agriturismo. Volevo consultare un notaio per l'atto di mu ...
Rosalba D. Ma quanto costano questi Notai! Sto comprando la mia prima casa e dopo la proposta "accettata" l'agente immobi ...
Nicola T. Dato che mia moglie ha ereditato un terreno, stavo cercando su Google come trovare un notaio adatto a questo t ...
Francesco R. Sono Francesco R. di Parma e avevo la necessità di sapere le tariffe dei notai di zona per confrontarle e sce ...
Monica S. Ottimo Sito! Compimenti Monica S. ...
Mauro M. Trovare un notaio economico a Milano non è cosa facile.. Tutto sommato sono riuscito nel mio intento e sono s ...
Chiara F. Eccezionale!!!!! puntualissimi e precisissimi; ringrazio con piacere. ...
Paola G. Consulenza Notarile Gratuita e Professionale Buonasera, devo dire che, dopo iniziali difficoltà forse dovute ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Calcolo delle spese notarili DIVISIONE senza conguaglio


Calcolo delle spese notarili DIVISIONE con conguaglio



I risultati di questi conteggi sono da intendersi a carattere generale ed esemplificativo in quanto il sistema è basato su valori indicativi e soggetti a variazioni. I risultati ottenuti potrebbero essere parziali, non includere alcuni costi e discostare anche di molto rispetto al reale valore. Per ottenere un preventivo completo e certo è buona norma CONTATTARE DIRETTAMENTE IL NOTAIO

DIVISIONE DEI BENI O SCIOGLIMENTO DI UNA COMUNIONE: ATTI SULLA SEPARAZIONE CONIUGALE

L'atto di divisione è quello grazie al quale si procede allo scioglimento di una comunione dei beni, mediante assegnazione dei singoli in proprietà esclusiva ai condividenti. video

Vi si ricorre spesso per lo scioglimento della comunione ereditaria e il codice civile detta al riguardo una disciplina assai complessa.

L’ATTO NOTARILE DI DIVISIONE: IL PUNTO DI VISTA FISCALE

Dal punto di vista fiscale la divisione gode di una tassazione agevolata, essendo dovuta l'imposta di registro del 1%; tuttavia se vi sono conguagli, cioè se il valore del bene assegnato a un condividente supera la sua quota di diritto in misura eccedente il 5%, è considerata vendita l'intera eccedenza e, quindi, oltre all'imposta del 1% sarà dovuta sul conguaglio l'imposta propria della compravendita.

Ad esempio se vi sono tre condividenti in comunione e ciascuno è titolare della quota di diritto di un terzo e il patrimonio da dividere ha un complessivo valore di 90.000 euro, a ciascun condividente spetteranno dei beni per un valore di 30.000 euro ciascuno. Se a uno dei condividenti fosse assegnato un bene di 40.000 euro e a un altro un bene del valore di 20.000, colui che ha ricevuto di più dovrebbe corrispondere in denaro una somma di denaro di euro 10.000 per parificare la differenza di valore tra i beni assegnati. La somma di euro 10.000 viene chiamata conguaglio.

Quando si fa una divisione 

La divisione rappresenta un metodo di scioglimento di una comunione. La divisione legale, convenzionale o giudiziale, in taluni casi può diventare molto delicata, soprattutto se riguarda la valutazione di determinate categorie di beni. La divisione legale è quella necessaria, imposta dalla legge in determinati e specifici casi previsti dal legislatore. La divisione convenzionale, o anche detta consensuale, deriva dalla volontà dei condividenti, ossia da coloro che sono in comunione ed intendono diventare proprietari esclusivi su determinati beni oggetto di comunione. La divisione giudiziale è invece rimessa alla pronuncia di un giudice.

Un esempio di divisione legale è lo scioglimento del regime di comunione dei beni dei coniugi a seguito della loro separazione. Ecco perché, per questa materia di discussione, la consulenza notarile non dovrebbe essere trascurata. Grazie a NotaioFacile puoi chiedere un parere al notaio, senza alcun obbligo di accettazione del preventivo ricevuto e in modo del tutto libero e gratuito.

La divisione dei beni per cambio regime patrimoniale o separazione dei coniugi

Abbiamo visto sopra in breve come sia possibile dividere i beni prima condivisi tra i due coniugi, il che di norma avviene o perché si sceglie di passare dal Regime Patrimoniale di Comunione dei Beni a quello di Separazione dei Beni o perché i coniugi decidono di mettere fine al matrimonio tramite separazione prima e divorzio poi. Come è intuibile, la situazione è spesso delicata e richiede da parte di entrambi i coniugi consapevolezza e, in alcuni casi, anche una buona dose di calma e ragionevolezza perché tutto possa svolgersi per il meglio: naturalmente non tutto è lasciato alla loro discrezionalità (il che porterebbe naturalmente in molti casi al proliferare di contenziosi), anzi la legge pone diversi limiti e paletti che sono senza dubbio da tenere in considerazione. Anche, perché no, chiedendo il supporto di un Notaio che possa aiutarci a fare tutto per il meglio. In ogni caso, per quanto riguarda la fattispecie del passaggio dalla Comunione alla Separazione dei Beni, il ricorso all’atto notarile (di fronte a due testimoni) è obbligato.

Divisione dei beni della comunione legale

La divisione dei beni della comunione avviene ogni qualvolta vi è uno scioglimento della comunione legale. Per le cause di scioglimento della comunione legale è opportuna un’analisi separata. La legge prevede che la divisione dei beni della comunione legale si effettua ripartendo in parti uguali l’attivo e il passivo. Ciò vuol dire che oltre ai crediti, i beni immobili e mobili dovranno essere divisi in parti uguali anche i debiti. La ripartizione dei debiti in parti uguali attiene solo ai rapporti interni tra i coniugi i quali, verso i terzi, continueranno a rispondere a norma degli articoli previsti in tema di comunione. Pertanto non ci sarà un coniuge che avrà il peso di dover pagare tutti i debiti che sono stati accumulati durante il regime di comunione legale.

Come avviene la divisione dei beni della comunione

La divisione dei beni della comunione può avvenire in due modi, o con il consenso di entrambi i coniugi mediante atto pubblico notarile dinanzi al notaio (divisione consensuale), o mediante l’intervento di un giudice (divisione giudiziale). Ciò può accadere anche in corso di matrimonio per dare una diversa regolamentazione dei loro rapporti patrimoniali.

I coniugi possono anche decidere che alcuni beni permangano in comunione ordinaria e che altri siano oggetto di divisione. In caso di comunione ordinaria naturalmente le norme sono diverse e ciascun coniuge potrà disporre liberamente della propria quota.

Chi va dal notaio per la divisione dei beni della comunione legale

Per poter procedere alla divisione consensuale dei beni della comunione legale occorrerà il consenso di entrambi i coniugi. Pertanto sarà necessario che entrambi si rechino dal notaio per firmare l’atto di divisione. Non basterà quindi la presenza di uno solo di essi.

Quando può procedersi alla divisione dei beni della comunione

Per poter procedere alla divisione dei beni della comunione occorre che si verifichi una causa di scioglimento della comunione. I coniugi sposati in comunione legale non potranno, in costanza di comunione legale, decidere improvvisamente decidere di dividere i beni, senza passare prima al regime di separazione dei beni. Una volta, quindi, verificatasi la causa di scioglimento, potrà procedersi alla divisione dei beni, così come precisato sopra, anche del passivo, ossia dei debiti.

Passaggio dalla Comunione alla Separazione dei Beni dal Notaio

Se non si è scelta espressamente la Separazione dei Beni al momento del matrimonio, il regime patrimoniale applicato in automatico sarà quello della Comunione dei Beni. Perché passare da quest’ultima alla Separazione? Di norma questo cambio di Regime Patrimoniale viene fatto per proteggere il patrimonio personale di uno dei coniugi, in particolare quando si temono le rivendicazioni di eventuali creditori. Si tratta di un processo abbastanza complesso e che comporta anche dei costi, ma che potrebbe essere il caso di intraprendere se la situazione economica della famiglia lo rende consigliabile. Oltre a dover ricorrere a uno specifico atto notarile (con conseguenti costi), sarà infatti necessario versare anche un’imposta sui beni oggetto della divisione, seppur come abbiamo visto agevolata.

divisione dei beni nel matrimonioLa Separazione dei Beni, una volta resa effettiva dall’intervento del Notaio e dalla pubblicazione dell’atto a margine di quello di matrimonio, di norma garantisce che i patrimoni dei coniugi siano completamente separati. Questo significa che ciascuno dei due può disporre liberamente della propria parte di patrimonio, anche in caso di atti di amministrazione straordinaria, senza il consenso esplicito dell’altro coniuge. Ma soprattutto significa che, in caso di debiti o problemi finanziari di uno dei coniugi, quantomeno la parte dell’altro sia inattaccabile da eventuali creditori. Il passaggio dalla Comunione alla Separazione dei Beni non ha alcun effetto sul matrimonio: la coppia continua ad essere sposata esattamente come prima, senza alcuna modifica del rapporto familiare. Quello che cambia è la distribuzione dei beni, che non sono più in comune, ma ricadono nel possesso personale di ciascuno dei due coniugi (che possono comunque decidere ad esempio di cointestare beni).

Come si esegue questo passaggio dalla comunione alla separazione dei beni?

Innanzitutto è necessario che entrambi i coniugi siano concordi e decidano dunque unanimemente di recarsi dal Notaio: questi, alla presenza di due testimoni, raccoglierà la volontà dei coniugi di passare al Regime Patrimoniale di Separazione dei Beni e farà annotare questa scelta sull’atto di matrimonio. Da quel momento in poi (il provvedimento non è retroattivo) i patrimoni dei due coniugi saranno separati. Ciascun coniuge sarà proprietario esclusivo di una quota e potrà disporre di essa liberamente senza il consenso dell’altro coniuge.

Divisione dei beni in comune per separazione dei coniugi

Sia che si tratti di una separazione consensuale, sia che si passi per una separazione giudiziale, la decisione dei coniugi di mettere fine al matrimonio comporta naturalmente una serie di conseguenze anche sull’aspetto economico della famiglia che si sta sciogliendo. Perché i coniugi possano chiedere la divisione degli averi, è necessario che venga prima messa fine alla comunione legale dei beni, che avviene dopo la separazione personale dei coniugi stessi, cioè quando il presidente del tribunale autorizza i coniugi a vivere separati o alla sottoscrizione del processo verbale di separazione consensuale dinanzi al presidente. Non è invece sufficiente una separazione di fatto, indipendentemente dalla sua durata.

Come abbiamo già visto, tutti i beni personali (quelli che non rientrano nella comunione dei beni) rimangono di proprietà di ciascun coniuge, mentre sarà necessario dividere i beni in comune, che saranno da spartire in parti uguali tra i due coniugi. Se vi sono figli, il giudice può decidere un usufrutto dei beni di uno dei coniugi a favore dell’altro. In caso di beni che non possono essere divisi perché di fatto indivisibili o perché la loro divisione sarebbe inopportuna, questi beni vengono venduti e il ricavato viene diviso in parti uguali tra i coniugi.

Divisione dei Beni della famiglia e NotaioSe la separazione è consensuale, l’accordo tra i coniugi ha valore contrattuale. Anche in questo caso, specie se si dovessero sollevare dubbi o domande sulla legittimità della propria posizione, può essere buona cosa chiedere la consulenza del Notaio così da operare per il meglio e raggiungere una posizione condivisa e rispettosa dei diritti di entrambi i coniugi.

Riassunto in breve sulla divisione dei beni della famiglia

La divisione dei beni della famiglia può avvenire per un passaggio dal Regime Patrimoniale di Comunione dei Beni a quello di Separazione dei Beni (ad esempio a protezione del patrimonio della famiglia) tramite un apposito atto notarile da rendersi davanti a due testimoni.

Altro motivo è, come intuibile, la separazione personale dei coniugi che decidano di mettere fine al matrimonio. In questo caso, si può procedere con la domanda di divisione dei beni solo dopo che tale separazione sia stata ratificata dal presidente del tribunale. Anche in questo caso, potrebbe essere buona norma richiedere la consulenza di un Notaio, specie se dovessero sorgere dubbi sulle modalità di divisione dei beni, sulla legittimità delle proprie richieste e sul contenuto della legge in merito.

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Comunione dei beniSeparazione dei beniAcquisto personale in comunioneComunione convenzionale
richiesta al notaio