inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Ilaria Di. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Tsjana D. Complimenti per vostro sito e una idea gieniale buon lavoro e aspeto la vostra risposta e vostro preventivo ma ...
Michele R. Cercavo un Notaio che mi facesse un prezzo scontato visto che in questo momento le spese sono tante, effettiva ...
Marco E. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Renato C. Se la risposta arriva celermente il servizio è ottimo, grazie ...
Veronica B. Io e il mio marito stavamo cercando un notaio per la prima casa di nostro figlio, dato che, pur essendo ancora ...
Tiziana V. Volevo capire quanto sono le tariffe notarili per il 2014 ma ho capito che le tariffe notarili non esistono pi ...
Tommaso R. Trovare il Notaio su Internet: possibile e comodo E’ il primo approccio, non sapevo che esistesse un serviz ...
Manica D. Ero alla ricerca di uno studio notarile a Milano. Ho inviato la richiesta e poco dopo mi hanno chiamato due No ...
Giada R. Una consulenza notarile online mi sembrava molto strana ed in più gratuita… In effetti inviando la richiest ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Come escludere un bene dalla comunione legale

escludere un bene dalla comunione legale

Eliminare un bene dal regime di comunione legale

Il regime patrimoniale della comunione legale, è uno dei più adottati dalle coppie, al giorno d’oggi. Questo perché si tratta del sistema previsto in automatico dalla legge, in assenza di specifica deroga fatta per iscritto. Inoltre, esso può essere scelto sia dalle persone dello stesso sesso che abbiano stipulato un’unione civile, come anche da parte di una coppia che non sia coniugata, ma che semplicemente abbia registrato, in Comune, la propria convivenza.

Molto spesso, però, ci si domanda se sia possibile decidere di escludere dalla comunione, un bene che invece normalmente vi ricadrebbe in automatico, mediante apposito atto, stipulato dal notaio. Vediamo se, ed eventualmente in quali termini, questo sia possibile.

I beni personali

Prima di rispondere all’interrogativo iniziale, quindi se sia possibile escludere un bene che, di norma, cadrebbe in comunione legale, bisogna compiere una precisazione, altrimenti si rischia di confondersi le idee.

L’ipotesi in esame riguarda la possibilità che i coniugi, espressamente, decidano, con apposito atto, che un determinato bene in comunione, fuoriesca dalla stessa. Quindi, che lo stesso sia assegnato o in un regime di comunione ordinaria, oppure venga assegnato in proprietà, ad uno soltanto fra i due.

Questa tematica non va confusa con quella dei cosiddetti beni personali. Relativamente a questi ultimi, infatti, la legge consente che possano essere esclusi a priori dalla comunione (senza che vi ricadano mai) in presenza di determinati requisiti. In questo caso, dunque, è la legge a stabilire quando opera detta esclusione, delimitando in modo ben preciso le categorie di beni (per esempio i beni relativi all’esercizio della professione di uno dei due coniugi), e stabilendo apposite regole da rispettare all’interno dell’atto notarile.

Come si può fare per escludere un bene?

L’interrogativo relativo alla possibilità di escludere un bene della comunione legale, necessita di una risposta ben articolata.

Nel caso in cui i coniugi vogliano prevedere che, relativamente ad esempio ai beni immobili che verranno acquistati, essi non vengano ricompresi all’interno del loro regime degli acquisti, l’unico modo sarà adottare una modifica del regime patrimoniale, con atto dal notaio, alla necessaria presenza di due testimoni.

Più precisamente, all’interno della modifica in esame, verrà stabilito che i coniugi non vogliano più che, determinate categorie di beni, facciano parte della comunione. La conseguenza di una simile decisione, però, comporta che i coniugi stessi non saranno più assoggettati al regime di comunione legale, ma quel punto stabiliranno una cosiddetta comunione convenzionale.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che non è possibile prevedere in atto, che l’esclusione operi relativamente a lasciti testamentari attribuiti espressamente alla comunione, poiché in questo modo si violerebbe il divieto dei patti successori, previsto dalla legge.

Per quanto detto finora, alla domanda se sia possibile escludere un bene della comunione legale, si può rispondere affermativamente, precisando, però che l’esclusione è più prudente che avvenga con riferimento a singole categorie di beni, e non a singoli e specifici beni, per esempio con riferimento all’immobile sito in un determinato Comune e ad una terminata Via.

Cosa non si può fare dal notaio

Per quanto detto, una simile decisione, comporta che la comunione legale, cessi di essere il regime patrimoniale vigente fra i coniugi, mutandosi in un regime differente.

Non sarebbe possibile, invece, convenire con un atto scritto (che non modifichi il regime), che un determinato bene venga estromesso dalla comunione legale. Si tratta infatti di una disciplina di legge, che non può subire eccezioni, eccetto quelle espressamente regolate all’interno del codice civile. Nonostante in passato ci sia stata qualche opinione contraria, anche la Cassazione si è espressa più volte sull’impossibilità di prevedere il cosiddetto “rifiuto del coacquisto”, ovvero un rifiuto contrattuale fra i coniugi, che viene espresso affinché un bene non entri in comunione, per qualsivoglia ragione.

Vanno, dunque, adottate determinate cautele, ma la cosa non deve spaventare, poiché affidandosi all’informativa e competenza del notaio, non si corrono rischi.

Escludere un’azienda dalla comunione

Nonostante sia più prudente prevedere che l’esclusione operi solo con riferimento a determinate categorie di beni, la legge fornisce un’eccezione. Il codice civile prevede, infatti, che è possibile escludere dalla comunione legale l’azienda co gestita dai coniugi. Proprio questa disposizione, sarebbe stata all’origine dei dubbi relativi alla possibilità di estromettere singoli beni della comunione legale, ma in realtà si potrebbe ritenere che questa non sia una regola generale, ma semplicemente una norma dettata per un caso singolo e specifico, non applicabile analogicamente ad altre situazioni.

Escludere il denaro dalla comunione legale

Un altro dubbio che potrebbe venire, è quello relativo al fatto che i coniugi potrebbero desiderare che determinate somme di denaro, siano escluse da regime di comunione. In questa specifica ipotesi, non c’è bisogno di convenire alcuna modifica del regime patrimoniale. Questo perché, il denaro non rientra nella nozione di beni suscettibili di rappresentare acquisti, che possano ricadere in comunione ai sensi di legge. Tuttavia, il denaro depositato su un conto cointestato, si presuppone denaro comune. Anche qui però bisognerebbe valutare caso per caso, e affidarsi sempre al giudizio di un professionista notarile in materia.

Quali documenti servono per l’atto di esclusione

Vediamo quali sono i vari documenti che servono, qualora ci si rechi dal notaio con la finalità di stipulare un atto, all’interno del quale si stabilisca di voler escludere determinate categorie di beni dalla comunione, e sostanzialmente procedere a modificare il regime patrimoniale esistente. In questo caso, a differenza di quanto avviene ad esempio per una compravendita, il ruolo centrale non lo hanno i documenti relativi a un potenziale immobile, bensì lo hanno i documenti delle parti. Quindi saranno necessari tutti i documenti identità dei coniugi, comprensivi del codice fiscale, nonché tutta la documentazione relativa al regime patrimoniale, e successive modifiche che possono essere intervenute. Di base potrebbe essere sufficiente un estratto dell’atto di matrimonio.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio