inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Melissa D. Ho avuto una consulenza notarile gratuita come indicato nel sito. Complimenti per la coerenza e per il servizi ...
Mario M. È la prima volta che uso notaio facile e spero mi sia d'aiuto anche per risparmiare sulle spese dell'atto. Ri ...
Milano G. Ho scoperto questo servizio circa 10 minuti fa e penso che grazie al web un'altro muro è caduto. ...
Simone L. Devo trovare un notaio a Padova economico! Detto, fatto! ...
Davide M. Mi sono detto: voglio pagare poco il notaio, come faccio? Vado online! E grazie a questo sito sono riuscito a ...
Nicola P. Il servizio da Voi offerto è molto facile ma soprattutto molto intuitivo ed efficace. ...
Alessio C. NotaioFacile.it mi ha sorpreso, è davvero facile! Consulenza di un notaio veloce e diretta. Mi rivolgerò sic ...
Vinvenzo V. Ottima iniziativa! Ho ricevuto la risposta dal Notaio il giorno stesso e mi sono rivolto a lui per acquistare ...
Sandro N. Ho saputo che si può risparmiare sulla casa scegliendo di fare l'atto da gennaio con l'introduzione delle nuo ...
Renata M. Buonasera, scrivo questo commento perché mi sono trovata bene con il notaio che ho trovato grazie a voi. Dove ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Comprare e vendere un terreno: il ruolo del Notaio

Comprare e vendere un terreno: il ruolo del Notaio

Comprare e vendere un terreno richiede l’intervento di un Notaio. Si tratta infatti di una compravendita e come tale deve essere regolata da un atto pubblico e prevede il pagamento di imposte.

Comprare e vendere un terreno è un’operazione di compravendita che prevede che il passaggio di proprietà sia redatto con atto pubblico.

Anche in questo caso, come nel caso di acquisito di un’abitazione, la scelta del Notaio presso cui redigere l’atto spetta a chi acquista che avrà anche l’onere del pagamento della parcella del professionista e  delle imposte di registro, castali e ipotecarie.

Prima di procedere a comprare o vendere un terreno vi sono alcune cose da sapere. La prima riguarda la tipologia. I terreni possono essere agricoli o edificabili. Per saperlo con certezza occorre che il venditore richieda al Comune dove si trova il fondo ed esibisca un Certificato di Destinazione Urbanistica. Sul certificato sono indicati la zona in cui il terreno è sito e i vincoli che lo gravano. Il certificato individua con chiarezza se un terreno è agricolo o edificabile.

Perché è importante? Perché la diversa tipologia comporta, oltre ad un possibile utilizzo differente, una diversa tassazione.

La seconda cosa da sapere è che se il terreno è agricolo i confinanti e gli eventuali affittuari che siano coltivatori diretti o imprenditori agricoli hanno il diritto di prelazione. Il proprietario è cioè  tenuto a comunicare loro l’intenzione di alienare il bene e se uno di loro avanza un’offerta coerente con le richieste del proprietario ha diritto di esercitare la prelazione.

Una terza cosa fondamentale da verificare è che il terreno sia accessibile, che vi siano dei diritti di passo sui fondi che eventualmente lo separano dalle vie di circolazione.

Comprare e vendere un terreno: le imposte

Se intendiamo comprare un terreno, oltre al prezzo d’acquisto, occorre calcolare anche le imposte che l’acquirente verserà e l’onorario del Notaio che redige l’atto.

In primo luogo stabiliamo che la base imponibile su cui calcolare le imposte è il prezzo del terreno, diversamente per esempio che nel caso di compravendita di abitazioni tra privati in cui l’imponibile è il valore catastale.

Poi distinguiamo la natura del terreno che può essere agricolo o edificabile ed infine occorre tener conto anche dell’attività dell’acquirente che può avere agevolazioni.

Le imposte da versare su un terreno agricolo senza agevolazioni – cioè se chi acquista non è un coltivatore diretto – sono: imposta di registro al 15%  ( con un minimo di 1000 euro), imposta ipotecaria pari a 50 euro ed imposta catastale sempre pari a 50 euro. Se invece chi acquista è un coltivatore diretto o un Imprenditore agricolo professionale l’imposta di registro scende al 9%, le altre imposte rimangono invariate.

Perché questa differenza a favore degli agricoltori? Probabilmente l’intento del legislatore è favorire chi svolge un’attività professionale e presumibilmente manterrà la destinazione d’uso del fondo.

In caso di acquisto di terreno non agricolo venduto da un privato l’imposta di registro è fissata al 9% del valore del terreno le imposte catastali e ipotecaria a 50 euro ciascuna.

In caso di acquisto di un terreno edificabile venduto da una società si verserà l’IVA al 22%, le imposte di registro, catastali e ipotecarie saranno pari a 200 euro.

Il Notaio che redigerà l’atto di compravendita verserà all’Erario le imposte per conto dell’acquirente, tranne naturalmente l’Iva che sarà versata direttamente in fase di acquisto al venditore.

Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.

richiesta preventivo notaio online
richiesta al notaio