inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Eleonora S. Quello che ho scelto tramite questo sito non è il notaio più economico del mondo, ma sono contenta perché u ...
Simone La. Dopo la morte di mio padre io e i miei fratelli ci siamo trovati in difficoltà a gestire tutte le pratiche pe ...
Mario M. È la prima volta che uso notaio facile e spero mi sia d'aiuto anche per risparmiare sulle spese dell'atto. Ri ...
Nicoletta C. Non sapendo a chi rivolgermi grazie a voi ho fissato un appuntamento con il Notaio per avere una consulenza gr ...
Rosalba D. Ma quanto costano questi Notai! Sto comprando la mia prima casa e dopo la proposta "accettata" l'agente immobi ...
Luca M. Non è facile trovare il notaio meno caro a Roma, ma questo sito mi ha aiutato. ...
Nunzia G. Non avevo idea di quanto fosse la parcella del Notaio, grazie al sito ho ricevuto i preventivi ed ora so final ...
Salvatore B. Preventivo Notaio; il servizio è di utilizzo veramente semplice ed intuitivo. Salve, ho appena richiesto un ...
Andrea A. Il notaio online è sicuramente una valida alternativa, ma lascia sempre qualche dubbio. Mi sono trovato bene ...
Diego N. Cercando un Notaio economico a Roma ho scoperto l'esistenza di NotaioFacile. Devo dire che MI SONO TROVATO BEN ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Donazioni e successioni: cosa cambia nel 2024

donazioni e successioni cosa cambia nel 2024

Cosa cambia per la successione 2024

Quando una persona cara viene a mancare, per poter subentrare nel suo patrimonio, è necessario rispettare un iter ben preciso, che prevede una serie di passaggi obbligati, di cui la presentazione della dichiarazione di successione, è uno di questi.

La dichiarazione di successione deve essere presentata entro 12 mesi dalla morte della persona e rappresenta un adempimento che ha natura prettamente fiscale, in quanto la sola presentazione, non implica accettazione dell’eredità.

Dal 2024 sono previste delle modifiche, che hanno introdotto degli importanti cambiamenti: in particolare è stata abrogata la figura del coacervo successorio, una riunione fittizia del valore delle donazioni effettuate in vita dal defunto a favore di coloro che addivengono alla successione in qualità di eredi. Vediamo nel dettaglio cosa c’è da sapere e cosa è cambiato.

Che cos’è il coacervo successorio e cosa cambia

Prima di comprendere la modifica apportata alla normativa, bisogna capire cosa si intende per coacervo successorio. Tale figura giuridica consiste nella riunione fittizia del valore delle donazioni effettuate in vita dal defunto agli eredi e legatari (ossia beneficiari di un solo bene per testamento).

Il valore da prendere in considerazione non era quello previsto al momento della donazione effettuato per atto pubblico dal notaio, ma quello dell’apertura della successione, che coincide con la morte della persona.

Sul valore determinato da tale riunione fittizia, si deve quindi applicare l’aliquota dell’imposta di successione tenendo conto delle franchigie previste dalla legge.

La modifica apportata dal legislatore consiste proprio nell’abrogazione di tale figura: il nuovo modello della Dichiarazione di successione, adeguandosi a diversi orientamenti, anche della Cassazione, comporta l’eliminazione del “Quadro Es” relativo alle "Donazioni e atti a titolo gratuito."

Coacervo donativo

Mentre per il coacervo successorio esistono delle differenze rispetto alla previgente disciplina, non esistono per il coacervo donativo, che resta in vigore. In questo caso si tratta di una riunione fittizia del valore attualizzato della donazione in favore di un unico soggetto per il calcolo dell’imposta della donazione. Sono escluse dalla disciplina del coacervo gli atti a titolo gratuito liberali che sono stati effettuati tra il 25 ottobre 2001 e il 28 novembre 2006 e ciò è dovuto al fatto che la disciplina relativa all’imposta sulle successioni e donazioni risultava abrogata.

Resta in vigore invece il coacervo donativo e nessuna modifica è stata apportata nemmeno alla tassa di successione che scaturisce una volta inoltrato il modello di dichiarazione di successione.

Cosa non cambia successione 2024

Sebbene vi siano delle modifiche in termini di imposta di donazione e successione, esistono degli aspetti che non mutano nel 2024, legati alle aliquote e alle franchigie previste già in precedenza.

Come sappiamo, il legislatore pone una differenza in ordine alle aliquote in base al grado di parentela. Che cosa vuol dire questo? Significa che maggiore è il legame di parentela, minore è l’importo da pagare, in virtù di un’aliquota più bassa.

Pertanto si applicherà un’aliquota al 4% per il valore che eccede 1 milione di euro: si applica ai parenti in linea retta o i coniugi; un’aliquota al 6% per il valore netto che eccede i 100.000 euro: si applica a fratelli e sorelle; un’aliquota al 6% senza franchigia per gli altri parenti; un’aliquota all’8% senza franchigia, sul valore complessivo, per tutti gli altri soggetti.

Altre imposte che non cambiano nel 2024

Oltre all’aliquota e la franchigia previste per la donazione e per la successione, anche per gli importi di altre imposte non vi sono cambiamenti.

Ad esempio, nel caso in cui il trasferimento venga effettuato in favore di portatori di handicap grave, come previsto dalla legge 104, si applica ancora la franchigia di 1,5 milioni di euro; inoltre, l’imposta ipotecaria e catastale non subiscono variazioni e neanche le agevolazioni previste in caso di prima casa.

Cambiamenti della dichiarazione di successione 2024

Ciò che va precisato è che dal punto di vista giuridico non si assiste a una modifica del cosiddetto coacervo successorio, ma ciò attiene al modello telematico previsto per la dichiarazione di successione.

Il nuovo modello è disponibile, ma i contribuenti fino al 9 gennaio 2024 potranno utilizzare la versione precedente, senza compilare quello specifico campo abrogato, mentre saranno obbligati a usufruire del nuovo modello a partire da tale data. Come già analizzato, infatti, non esistono delle modifiche alle imposte, ossia a quelle catastali, ipotecarie, di bollo e ai tributi speciali.

I contribuenti che hanno già predisposto le dichiarazioni di successione e devono solo inviarle, potranno utilizzare la precedente versione dei software fino al 9 gennaio 2024. Dopo questa data, l’uso della nuova versione del modello e dei relativi software, diventerà obbligatorio.

Cosa succede se si è già donato

Nel caso in cui la donazione sia già stata effettuata, quindi in data anteriore al 9 gennaio 2024, non sorgono problematiche particolari. Infatti, come abbiamo visto, la modifica riguarda soltanto il modulo previsto per la dichiarazione di successione, da presentarsi entro 12 mesi dalla morte del defunto e quindi i valori, così come le aliquote e le altre imposte non sono oggetto di alcuna variazione.

Preventivo notarile dichiarazione di successione e donazione

Qualora si necessiti di un preventivo notarile per la dichiarazione di successione o per un atto di donazione, è possibile averlo gratuitamente mediante la piattaforma di NotaioFacile, compilando il form offerto dal sito.

Il notaio infatti, soprattutto nelle dichiarazioni di successioni più complesse, può essere d’aiuto nella compilazione telematica in modo tale da effettuare tale adempimento in totale sicurezza. La consulenza notarile, in questo caso, è fondamentale in quanto un’errata presentazione della dichiarazione di successione potrebbe comportare delle problematiche e un esborso di denaro ulteriore per correggere gli errori commessi.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio