inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Luca M. Non è facile trovare il notaio meno caro a Roma, ma questo sito mi ha aiutato. ...
Marzia S. Buongiorno volevo ringraziare sono stata contattata velocemente e in modo molto professionale dai Notai. Grazi ...
Nunzia G. Non avevo idea di quanto fosse la parcella del Notaio, grazie al sito ho ricevuto i preventivi ed ora so final ...
Simone La. Dopo la morte di mio padre io e i miei fratelli ci siamo trovati in difficoltà a gestire tutte le pratiche pe ...
Gerardo C. Mi pare un ottima iniziativa perchè migliora la trasparenza per le persone. Grazie ...
Emma V. Il Notaio mi ha risposto poche ore dopo l'invio della richiesta, ho fissato un incontro e chiarito molti dubbi ...
Ezio L. Grazie Notaio Facile!!! Consiglio a tutti di utilizzare questo servizio è un esempio di come anche in Italia ...
Loris D. Davvero facile la compilazione e chiare le spiegazioni, Complimenti per il servizio. ...
Paolo D. Grazie a voi ho trovato il Notaio che stavo cercando. Non ho molti soldi e non potevo spendere troppo ho chies ...
Tsjana D. Complimenti per vostro sito e una idea gieniale buon lavoro e aspeto la vostra risposta e vostro preventivo ma ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Quando si fa l’atto di una casa dal notaio?

quando si procede alla stipula di un atto notarile finalizzato all’acquisto di una casa

Fare l’atto di una casa

Quando si deve procedere alla stipula di una compravendita finalizzata ad acquistare una casa, occorre seguire una serie di adempimenti preliminari necessari per il rogito. Per questo motivo, non si può evitare di attendere del tempo prima di fare l’atto di una casa e ritenersi del tutto proprietari della stessa.

Vediamo quindi quali passaggi bisogna effettuare e qual è il momento esatto in cui si può procedere a fare l’atto di una casa, ovvero quando si può andare dal Notaio e fare il rogito. La prima cosa da fare è scegliere il Notaio che possa seguire la pratica e possa organizzare la stipula. La scelta del Notaio è fondamentale in quanto deve instaurarsi un rapporto di fiducia, finalizzato a garantire tutti i controlli necessari al rogito.

L’atto di compravendita: cosa è necessario

Prima di poter fare l’atto di una casa è necessario predisporre una serie di adempimenti, di controlli e di verifiche, con la collaborazione dello studio notarile presso il quale si effettuerà il rogito. In primo luogo occorre predisporre un accordo tra le parti, a seconda di chi si è mosso per primo.

Se un proprietario ha messo in vendita la propria casa per un determinato prezzo, l’acquirente può fare una offerta e dichiarare se intende acquistare. In questa fase, è possibile stipulare il cosiddetto compromesso, o contratto preliminare di compravendita. Esso può essere stipulato o per atto pubblico dal Notaio oppure con una semplice scrittura privata autenticata o meno. La scrittura privata di regola serve per assestare l’impegno delle parti a stipulare il successivo rogito, ma anche per mettere nero su bianco l’avvenuto pagamento di un acconto, di regola da versare a titolo di caparra o acconto sul prezzo finale della compravendita.

Inviare documentazione al notaio

Successivamente alla redazione di un compromesso, le parti devono scegliere un Notaio presso il quale andare a rogitare l’atto di compravendita. La scelta del Notaio ricade sull’acquirente, il quale deve procurare tutta la documentazione necessaria alla stipula. Non tutto può essere inviato dall’acquirente, infatti la maggior parte dei documenti soprattutto relativi all’immobile devono essere consegnati dal venditore. L’atto di una casa non si può fare, quindi, se non è stata consegnata al Notaio tutta la documentazione.

In primo luogo, deve essere inviato o portato allo studio l'atto di provenienza della casa. Si tratta dell’atto con cui il venditore ha a sua volta acquistato la casa, con lo scopo di individuare la certezza della sua proprietà. Devono essere inoltre inviati i documenti d’identità e i permessi di costruire, o altri titoli edilizi con i quali è stata costruita la casa.

Colloquio con il notaio

Prima di fissare l’atto di una casa è opportuno concordare un colloquio con il Notaio. Lo stesso serve non solo per esporre tutti i propri dubbi in ordine all’atto da stipulare, ma anche per consegnare tutta la restante documentazione necessaria. Se non è stato fatto in precedenza, il Notaio chiederà alle parti alcune informazioni necessarie per la compravendita, tra cui quelle riguardanti il regime patrimoniale in cui esse sono coniugate eventualmente. Ciò è importante per definire chi dovrà intervenire all’atto, unitamente al venditore o all’acquirente. Nel colloquio si può discutere anche del preventivo, qualora non sia stata già richiesto online o tramite le piattaforme appositamente dedicate, quali appunto NotaioFacile.

Eventuale mutuo

Un’altra fase da dovere affrontare prima di poter fare l’atto di una casa concerne l’eventuale richiesta di un mutuo. Questo può comportare un ritardo nella tempistica, dovendo fare alcuni adempimenti ulteriori rispetto all’ipotesi di pagamento con denaro proprio.

Nel caso di richiesta di un mutuo, occorre presentare la documentazione in Banca riferita all’immobile, sul quale lo studio notarile provvede a redigere una relazione notarile preliminare. Questa relazione, da inviare prima del rogito, attesta con il sigillo pubblico che la casa che si sta acquistando e per la quale viene concesso il mutuo è libera da pesi, censi, vincoli, ipoteche, che potrebbero mettere in discussione la garanzia bancaria. Se non vi sono problemi di sorta, non occorre molto tempo, giusto quello necessario a fare le visure ipotecarie e catastali.

Fissare la data del rogito

Una volta effettuati tutti i controlli di cui sopra, è possibile fissare la data della stipula per fare l’atto di una casa, ovvero il rogito di compravendita dal Notaio. Ciò viene fatto compatibilmente con gli impegni delle parti e la loro disponibilità, nonché con quella del Notaio. Se non c’è stata concessione di mutuo e si deve stipulare solo la compravendita, allora si stabilirà un giorno in cui fare l’atto dal Notaio. Se invece è necessario fare anche il mutuo, bisognerà trovare una data in cui anche il funzionario della Banca sia disponibile. A quel punto è possibile fissare una data per il rogito.

Il giorno del rogito

Una volta fissata la data di stipula, è possibile procedere a fare l’atto della casa. Il giorno dell’atto occorre portare con sé i documenti di identità e il venditore deve portare in originale tutta la documentazione relativa ai permessi di costruire, o tutti i titoli edilizi della casa. Inoltre, il venditore deve produrre l’APE, l’attestato di prestazione energetica, rilasciato da un geometra o un tecnico di fiducia a ciò incaricato. Deve essere scaricata la planimetria catastale, di solito vi provvede direttamente lo studio notarile: l’acquirente deve dichiarare di avere trovato conforme la casa che sta acquistando a quanto è risultante dalla planimetria depositata in Catastato e allegata all’atto.

Tutto ciò viene fatto direttamente il giorno dell’atto, davanti al notaio. L’ultima fase concerne il pagamento del prezzo, che l’acquirente effettua con un assegno o con un bonifico, effettuato liberamente qualora non abbia bisogno del mutuo. Qualora, invece, si fa ricordo al mutuo, il venditore è pagato con la provvista messa a disposizione con la Banca, con conseguente obbligo per l’acquirente di pagare successivamente le rate.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio