inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Tommaso F. Cercavo il Notaio che costa meno in assoluto e senza capire che in effetti risparmiare 100 euro non cambia la ...
Fabio R. La parcella di un notaio si paga "volentieri" solo se il notaio ha fatto un buon lavoro. Così ho chiesto dei ...
Chiara F. La presente per rigraziarvi, ho ottenuto disponibilità dal Notaio per un colloquio nel quale ho chiarito dive ...
Marco P Il Miglior modo per chi cerca il Notaio e vuole Risparmiare
Cercavo un notaio per acquistare con mia mo ...
Giovanni R. Cercando informazioni per una cessione di quote ho trovato questo sito e subito dopo aver inviato la richiesta ...
Federica S. Cerco un notaio economico online ed ecco che imbatto nel sito NotaioFacile.it. Ho letto di cosa si trattava e ...
Sabrina F Il Miglior modo per chi cerca il Notaio e vuole Risparmiare.
Non credevo fosse possibile trovare anche ...
Renato C. Se la risposta arriva celermente il servizio è ottimo, grazie ...
Federico De. Ho inviato una richiesta di preventivo al notaio per modifica di una società. Ho avuto diverse valutazioni. D ...
Piarangelo T. Tac! Cercavo il Notaio e lo ho trovato dopo 2 ore.. Ottimo ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Riduzione obbligatoria del capitale dal notaio

Riduzione obbligatoria del capitale sociale dal notaio

Riduzione per perdite

La riduzione del capitale sociale può essere obbligatoria o volontaria. La riduzione è obbligatoria solo in alcuni casi, quando si registrano delle perdite in bilancio.

Cosa si intende per perdite

È possibile parlare di perdite quando tutte le riserve accumulate, iscritte nel bilancio di esercizio, sono state erose.

Le riserve sono quella parte di attivo che, invece di essere distribuita ai soci, viene accantonata appunto in una riserva, a servizio dell’attività sociale.

Non tutte le riserve hanno la medesima importanza. Infatti, le perdite erodono prima le riserve cosiddette facoltative, ossia quelle che la società decide di accantonare solitamente per un singolo esercizio, poi le riserve statutarie, ossia quelle la cui composizione è imposta dallo statuto in virtù di una specifica clausola inserita, infine la cosiddetta riserva legale. La riserva legale è un cuscinetto di protezione che ha lo scopo di salvaguardare il capitale sociale. Solo dopo che tutte le riserve sono state erose sarà possibile intaccare il capitale sociale.

Perdite inferiori a un terzo del capitale

Se le perdite sono inferiori a un terzo del capitale sociale, la riduzione non è mai obbligatoria in quanto vengono considerate irrilevanti. Non c’è un obbligo per i soci di andare dal notaio al fine di riunirsi in assemblea per poter procedere alla riduzione del capitale sociale.

Perdite superiori a un terzo del capitale

Se, invece, le perdite sono superiori a un terzo del capitale sociale, in un primo momento la riduzione non è obbligatoria, ma solo facoltativa mentre in un secondo momento è obbligatoria.

Nel primo momento quando l’assemblea riunita dinanzi al notaio evince la presenza di perdite, la cui cifra sia superiore a un terzo del capitale sociale, può decidere di adottare diversi provvedimenti:

  • La riduzione del capitale: indipendentemente dalla non obbligatorietà relativa al primo momento della registrazione delle stesse, i soci potrebbero ugualmente ridurre il capitale sociale facoltativamente al fine di evitare che compaia in bilancio una voce di segno negativo.
  • Lasciare decorrere il cosiddetto anno di grazia: i soci potrebbero decidere di non ridurre il capitale sociale e non operare alcun tipo di operazione. Infatti, può accadere nella prassi, che queste perdite siano recuperabili in virtù dell’attività sociale fiorente che si prospetta nell’arco di un anno.
  • Effettuare dei versamenti a fondo perduto: qualora i soci lo ritengano opportuno, potrebbero effettuare dei versamenti a copertura delle perdite. Questi versamenti vengono definiti capitale di rischio e non di debito, perché una volta acquisiti dalla società non sono oggetto di restituzione.
  • Trasformare la società: i soci potrebbero anche decidere che il modello societario adottato non rispecchi più l’attività sociale che si stia svolgendo. Pertanto, potrebbero decidere di trasformare la società e di assumere una forma societaria differente. Si pensi alla trasformazione di una società a responsabilità limitata in una società in nome collettivo.

Qualora si decida di non ridurre il capitale sociale lasciando decorrere il cosiddetto anno di grazia, decorso tale anno se le perdite sono ancora superiori a un terzo del capitale sociale, è obbligatoria la riduzione per un ammontare pari alle perdite registrate.

La prassi notarile sostenuta anche dalla giurisprudenza ammette qualche piccolo accorgimento contabile in ordine alla cifra della riduzione.

Perdite superiori a un terzo che portano il capitale al di sotto dello zero

Nel caso in cui le perdite registrate siano superiori a un terzo del capitale sociale e portino la cifra dello stesso al di sotto del minimo legale, ma anche al di sotto dello zero, vi sono due possibilità offerte dal legislatore: trasformare la società in una società o ridurre il capitale e contestualmente aumentarlo.

La trasformazione della società

La trasformazione come sopra precisato può avvenire solo in una società di persone e si presenta come uno strumento alternativo alla riduzione e al contestuale aumento di capitale. Non sarà necessario, quindi, ridurre preventivamente il capitale sociale e poi trasformare la società.

La riduzione del capitale sociale e il contestuale aumento

Altra soluzione prospettata è la riduzione e il contestuale aumento del capitale sociale. In questo caso la riduzione dovrà essere pari all’ammontare delle perdite e poi vi sarà l’aumento per una cifra che sia almeno superiore al minimo legale, con ulteriore esborso dei soci che viene chiamato sovrapprezzo tale da coprire le perdite residue.

L’aumento è oneroso, ossia a pagamento, ciò vuol dire che i soci dovranno versare di tasca propria delle somme di denaro a titolo di conferimento. Si pensi al caso in cui una società a responsabilità limitata con capitale 20 000 euro, abbia registrato perdite pari a 30 000 euro. In questo caso, o la società decide di trasformarsi o di azzerare il capitale sociale e di aumentarlo a euro 20 000 con un sovrapprezzo pari 10 000 euro, ossia pari alle residue perdite registrate. Un’altra alternativa sarebbe quella da parte dei soci di optare per un versamento a fondo perduto al fine di coprire le perdite in bilancio.

La disciplina nel periodo emergenziale: l’ambito applicativo

Il legislatore è corso ai ripari per sollevare la crisi o almeno evitare che siano prodotti ulteriori danni economici, offrendo la possibilità alle società di evitare di ridurre il capitale sociale in presenza di perdite per un periodo determinato.

Dopo numerosi dibattiti, si è arrivati alla conclusione che le perdite registrate nell’esercizio che comprende la data del 31 dicembre 2020 sono cristallizzate. Ciò vuol dire che nei 5 esercizi successivi non ci sarà l’obbligo di riduzione del capitale sociale. Questa sospensione dell’obbligo di riduzione è solo relativa a quell’esercizio sociale, non a quello prima, né a quelli successivi e si riferisce naturalmente alle perdite cosiddette rilevanti ossia quelle superiori a un terzo del capitale sociale.

Il ruolo del notaio

Il provvedimento adottato dalla società sia che le perdite siano rilevanti, sia che non lo siano sarà deliberato dall’assemblea dei soci e il notaio riceverà un verbale di assemblea per atto pubblico che provvederà a iscrivere nel registro delle imprese.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio