Che Tipo di Atto Devi Fare?

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Lazio Abruzzo Umbria Marche Toscana Liguria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Piemonte Lombardia Valle d'Aosta
Regione
Provincia
Tipologia
Selezionare la provincia nella quale intendi fare l'atto.


NotaioFacile.it il Portale N.1 per Contattare il Notaio

Consulenza Notaio: Invia ora la tua richiesta gratuita Notaiofacile.it: il modo più semplice e veloce per trovare il tuo notaio Gratis e senza impegno la tua consulenza notarile Trova il tuo Notaio, riceverai risposta in massimo 48 ore Anche se non sei registrato trova e contatta il tuo notaio Primo portale per la ricerca e il contatto con il tuo notaio Oltre 500 notai rispondono agli utenti di Notaio Facile Trova Notaio: Specializzato in ambito notarile con oltre 2500 richieste giornaliere Il modo migliore per contattare il notaio online
commenti notaio

Rogito notarile e dati catastali: cosa serve per comprare casa?

Rogito notarile e dati catastali: cosa serve per comprare casa?

State per effettuare un rogito notarile per l’acquisto di un’abitazione? Allora sarà bene controllare i dati catastali dell’immobile: vediamo perché.

Cosa sia un rogito notarile ormai lo sappiamo tutti: è quell’atto attraverso il quale avviene il passaggio di un immobile o un’abitazione – sia essa prima casa, seconda casa, immobile industriale, commerciale e così via poco importa – dal precedente proprietario al nuovo.
La legge italiana prevede che per questo contratto tra privati intervenga il Notaio con uno specifico atto, il rogito appunto.
Una volta che questo documento viene debitamente registrato a cura del Notaio il passaggio di proprietà è ufficiale.

Rogito notarile: cosa prevede

Il rogito notarile è dunque un atto molto importante, che contiene tutte le informazioni necessarie a identificare senza ombra di dubbio l’immobile o l’abitazione oggetto di compravendita, la parte venditrice e la parte acquirente dello stesso e gli accordi intercorsi tra le parti per giungere all’accordo.
L’identificazione dell’abitazione avviene proprio indicandone i dati catastali, che sono quindi fondamentali all’interno del rogito notarile: saranno queste schede, allegate al rogito come parte integrante di esso, a definire il bene oggetto di compravendita così che sia incontrovertibile di cosa si sta parlando.
 

La descrizione fatta qui del rogito è naturalmente sommaria e veloce: si tratta in realtà di un documento complesso, spesso costituito da un numero cospicuo di pagine.
Perché? Perché appunto tutto ciò che viene descritto all’interno di questo atto deve essere chiaro, inattaccabile, preciso.
Se un domani dovesse nascere una qualsiasi controversia rispetto al bene oggetto di rogito, sarà questo documento a fare fede per tutto ciò che gli compete.

Si tratta dunque di un documento di grande importanza sia per l’interesse pubblico, sia come tutela degli interessi dei privati che vi devono ricorrere per le compravendite.

I dati catastali nel rogito notarile

Abbiamo dunque detto che i dati catastali rivestono una grande importanza all’interno dell’atto di rogito che stipuleremo dal Notaio.
Questi servono appunto a identificare l’immobile oggetto di compravendita, ma non solo: è infatti importante tenere conto del fatto che non è possibile rogitare su un immobile la cui situazione reale non corrisponda a quella catastale, sia all’interno sia all’esterno.
Per la stipula del rogito, il Notaio allegherà dunque dati e schede catastali e il venditore dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità che quanto indicato in essi corrisponda in tutto e per tutto alla realtà dei fatti.
 

Perché non dovrebbe essere così? La domanda potrebbe sorgere spontanea: a parte veri e propri abusi edilizi, piccoli o grandi che siano, non sanati o non corretti, capita soprattutto nelle case più vecchie, magari nei centri storici, che i dati catastali non siano proprio precisi.
Se vogliamo essere davvero sicuri che sia tutto regolare meglio allora chiedere anche una perizia di parte che possa tutelarci ulteriormente: una certezza in più che potrebbe farci guadagnare notti tranquille.

Oltre al controllo sui dati catastali, il Notaio provvederà anche ad accertarsi che sull’immobile che stiamo per acquistare non vi siano vincoli o diritti di terzi di cui non siamo a conoscenza e che potrebbero diminuire il valore dell’immobile o addirittura renderne impossibile la vendita.

Prepararsi al meglio al rogito notarile

Insomma, il rogito notarile non è una mera formalità come qualcuno potrebbe pensare: si tratta anzi di un atto di grande importanza sotto diversi punti di vista e, come abbiamo detto, anche un modo per tutelare il cittadino che sta affrontando un grosso investimento (e anche chi vende, naturalmente).
Inoltre è per lo stato garanzia di legalità e regolarità sia del contratto sia del bene oggetto di compravendita.
Ecco perché potrebbe essere una buona idea chiedere al Notaio di svolgere i controlli necessari, indicarci quali potrebbero essere i problemi e anche magari far fare delle perizie di parte non solo prima di procedere con il rogito vero e proprio, ma anche prima di firmare un compromesso o comunque qualsiasi cosa che ci impegni all’acquisto dell’abitazione.

Questo perché se dovessero emergere in un secondo momento problemi di qualsiasi tipo che impedissero di rogitare, non saremmo comunque impegnati con il venditore e le cose potrebbero anche trascinarsi a lungo: insomma, come spesso accade è meglio a volte investire un po’ di tempo ed energie in più, anche trattenendo il comprensibile entusiasmo, a favore di una maggiore sicurezza.

Rogito notarile e mutuo

Un ultimo doveroso accenno va fatto al discorso del mutuo, che viene spesso preso in considerazione insieme al rogito: non sono infatti molti coloro che possano pagare l’intero ammontare dell’abitazione senza chiedere un prestito a una banca che finanzi il nostro investimento.
Il mutuo richiede un atto specifico che non è l’atto di rogito: si tratta di un diverso documento che sarà sottoscritto non da venditore e acquirente (come nel caso del rogito), ma dall’acquirente e dalla banca presso cui abbiamo deciso di aprire il mutuo.
Anche in questo caso l’atto riporterà per filo e per segno tutti gli accordi economici presi per la concessione del mutuo e la restituzione del capitale con gli interessi.

Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.

Chiedi informazioni e preventivi direttamente al Notaio online