inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Vito s. Lo trovo molto efficiente e semplice per la ricerca e aiuto sui quesiti da sottoporre. Ottimo,grazie. ...
Davide D.L. Mi chiedevo se esistono gia le tariffe notarili del 2015. in effetti ho visto che non ci sono piu le tariffe e ...
Valentina L. Sono arrivata sul sito NotaioFacile.it per caso, dato che stavo cercando i costi di un notaio a Perugia per ac ...
Matteo V. Cercavo online un notaio per la compravendita e grazie a questo sito ho potuto scegliere tra diversi notai a N ...
Roberta S. Semplici passaggi per un servizio eccellente, da a noi privati la possibilità di risparmiare .complimenti. ...
Giovanni La. Abito a Roma e per una compravendita negozio ho chiesto vari preventivi a notai della mia città. Il preventiv ...
Marco E. Volevo capire il costo di un notaio a Milano: sono davvero elevati! Per fortuna ho potuto confrontare diversi ...
Enrico M. Come da oggetto. Sito molto utile e di semplice utilizzo. Complimenti. Enrico M. Inviato da iPad ...
Alessandra V. Purtroppo mia nonna è morta da poco. Mia mamma ha 5 fratelli e non vanno tutti d'accordo. Cercavo un notaio p ...
Antonio L. Allora fonziona davvero!, scusate ma non pensavo che un servizio gratuito potesse esssere davvero operativo ed ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Contratti di assistenza dal notaio

Contratti di assistenza dal notaio

Contratti di assistenza dal notaio

Sempre più spesso si tende a mettere per iscritto dal notaio, per regolare e consentirne il rispetto, di situazioni che non riguardano esclusivamente trasferimenti immobiliari, ma che possono coinvolgere anche altri ambiti.

Uno fra questi riguarda i contratti di assistenza: essi possono essere di vario tipo, vediamoli nel dettaglio.

Cosa significa contratti di assistenza

Con il termine contratti di assistenza, ci si può riferire a degli atti all’interno dei quali vengono regolati determinati obblighi di fare o di dare, rispettivamente a carico di una determinata persona, ed in favore di un’altra (con varie modalità e di prestazioni di vario genere).

Per fare un esempio, un contratto di assistenza potrebbe essere così strutturato: una persona, a fronte di un corrispettivo, oppure del un trasferimento di una casa, si impegna a prendersi cura di un’altra, assistendola a seconda dei bisogni. È difficile raggruppare in un’unica tipologia questi contratti, poiché vengono modellati a seconda delle esigenze delle parti, in termini di quantità e qualità delle prestazioni assistenziali.

Perché serve il notaio

Il notaio, in questo contesto, rileva sotto molti profili. In primo luogo perché, prima che si arrivi al rogito, analizza le reali intenzioni delle parti e le traduce in linguaggio giuridico, mettendosi alla ricerca dello strumento contrattuale più idoneo.

In secondo luogo, visto che si è detto che questi contratti potrebbero anche contenere al loro interno dei trasferimenti immobiliari, ecco che non sarebbe possibile un trasferimento di tal genere in assenza di un atto avente forma notarile, che non sia adeguatamente pubblicizzato negli appositi registri. Senza dimenticare che potrebbero essere necessarie, nell’atto, alcune delle formalità e menzioni previste, per esempio, nella compravendita.

Quali sono i contratti più diffusi?

Nonostante ogni contratto di assistenza sia modellato sulle specifiche esigenze delle parti, risulta comunque opportuno, ai fini di comprendere se sia una soluzione che possa essere considerata utile, spiegare quali siano, dal notaio, le tipologie più diffuse ed utilizzate, facendo le dovute distinzioni.

Contratti di assistenza che obbligano a dare qualcosa

Gli unici contratti di questo genere che sono disciplinati dal codice civile, sono i contratti di rendita. Con questo strumento, un soggetto trasferisce un immobile (o cede un capitale), mentre l’altro ha l’obbligo di prestare la rendita per un determinato periodo di tempo, in favore del beneficiario. La rendita vitalizia può avere quale parametro finale, la vita del beneficiario, oppure di un’altra persona (così come potrebbe costituirsi anche a favore di un terzo).

Si tratta di un contratto aleatorio: questo significa che, non sapendo quanto durerà la vita del beneficiario, non si sa per quanto tempo, il soggetto al quale è stato ceduto un capitale o trasferito un immobile (definito come vitaliziante), sarà tenuto a dover prestare la rendita.

Un particolare tipo di rendita vitalizia, è la rendita alimentare, che non ha ad oggetto prestazioni di denaro, bensì derrate alimentari. In entrambi i casi le prestazioni sono caratterizzate dall’obbligo di “dare”.

Contratti di assistenza con obblighi di fare

Si è detto che nei contratti di rendita, l’obbligo del vitaliziante è quello di “dare” un qualcosa. Spesso però accade che, nei contratti di assistenza, più che è una componente dativa, la reale intenzione ed i reali obiettivi delle parti, si concentrano su un aspetto più spirituale e meno economico. Questo vuol dire che, si potrebbe stabilire, e difatti succede, che il vitaliziante sia tenuto a prestare un’assistenza a 360 gradi; che quindi non si limiti all’assistenza economica, materiale, ma che sia anche morale e spirituale. In questo caso, le soluzioni contrattuali utilizzate possono essere riassunte in due categorie. La prima è il cosiddetto contratto di mantenimento, ovvero un contratto di assistenza che può essere utilizzato quando, a differenza che nel contratto di rendita, le parti vogliono che le prestazioni non siano solo di “dare” un qualcosa, ma anche di “fare”.

I contratti di mantenimento

Nel contratto di mantenimento, l’assistenza che può essere prevista è completa, sotto ogni aspetto. Ovviamente poi, all’interno dell’atto notarile, sarà opportuno precisare in modo dettagliato, in cosa consistono tutte le singole prestazioni, e cosa concretamente occorre al beneficiario. Questo per evitare anche un potenziale inadempimento, o un adempimento non corretto, da parte del vitaliziante. A previsione di una simile ipotesi, potrebbe anche risultare opportuno inserire nel contratto una garanzia, come per esempio una fideiussione.

I contratti di assistenza per lo stato di bisogno

Il contratto di mantenimento non presuppone che il beneficiario verta in stato di bisogno, anzi, il suo bisogno può essere modellato a seconda delle prestazioni delle sue soggettive necessità.

La seconda categoria di contratti di assistenza, che prevedono degli obblighi di fare, è quella del contratto di vitalizio. Come regole generali, sono più o meno simili al contratto di mantenimento, l’unica differenza è che in questo caso è effettivamente richiesto uno stato di bisogno del beneficiario. Trattasi di un parametro molto simile a quello che viene indicato con riferimento agli obblighi alimentari, previsti dalla legge.

Il contratto di vitalizio, per prassi, può essere distinto in tre tipologie. Il vitalizio improprio, che comporta un obbligo di dare di fare, il vitalizio alimentare che consiste solo nel fornire le prestazioni necessarie per vivere. Ultimo ma non meno importante, è il cosiddetto vitalizio assistenziale, che non comporta alcun obbligo di dare, ma semplicemente un’assistenza spirituale o morale, quale può essere un supporto psicologico o una semplice compagnia.

Quanto costa la stipula di contratti di assistenza

I contratti di assistenza sono di vario tipo, e possono avere un contenuto differente: dunque, non è semplice predeterminarne il costo unitario. Nel caso dei contratti di rendita, essi sono tassati da imposta di registro, ma altri contratti, vanno tassati in base a ciò che è specificamente pattuito al loro interno.

Qualora si voglia avere un preventivo più specifico, gratuitamente, lo si può richiedere nell’apposita sezione della piattaforma. Una volta compilato ed inviato il modulo si riceverà risposta in breve tempo, e senza alcun impegno di stipula successivo.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio