inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Marzia N. Facile e intuitivo, davvero un sito ben fatto. ...
Davide M. Mi sono detto: voglio pagare poco il notaio, come faccio? Vado online! E grazie a questo sito sono riuscito a ...
Massimo V. Grazie per il servizio, davvero un ottima idea! ...
Saverio M. Alla ricerca Online di informazioni sulla separazione dei beni vi ho trovato.. Ho richiesto un preventivo ed o ...
Fabio R. La parcella di un notaio si paga "volentieri" solo se il notaio ha fatto un buon lavoro. Così ho chiesto dei ...
Ilaria Di. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Roberta T. Sto per comprare una seconda casa al mare e volevo sapere quanto mi costa come imposte ma in particolare i cos ...
Laura B. Sono Laura B. e cercavo un notaio per cambio sede legale SNC in altro comune. Ho chiesto consulenza a NotaioFa ...
Vinvenzo V. Ottima iniziativa! Ho ricevuto la risposta dal Notaio il giorno stesso e mi sono rivolto a lui per acquistare ...
Silvio T. Ottimo servizio ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Donazione con assistenza dal Notaio

Donazione con assistenza dal Notaio

La donazione è un contratto con il quale il proprietario di un bene immobile o un altro tipo di bene cede a titolo gratuito lo stesso per spirito di liberalità. In cambio non ottiene alcun tipo di corrispettivo e la donazione è effettuata per il puro scopo di arricchire il patrimonio del ricevente. Ciò che si richiede è, infatti, l’impoverimento del donante e l’arricchimento del donatario a livello patrimoniale ed economico. La legge prevede anche una serie di vantaggi di tipo fiscale nei confronti di chi realizza questo tipo di operazione, ad esempio riducendo l’imposta di registro, che quando diviene imposta di donazione è inferiore, soprattutto se è effettuata tra parenti.

Molto diffuse sono le donazioni tra genitore e figlio oppure tra nonno e nipote, spesso realizzate come una sorta di anticipo della successione: in sostanza il titolare di una casa o di un altro bene immobile o più beni può avere interesse a gestire il trasferimento in vita di tali averi per evitare liti all’apertura della successione magari dovute alla divisione. Per questo motivo vi sono tutta una serie di norme che regolano poi all’apertura della successione come valutare le donazioni fatte. Tutto quanto detto deve essere analizzato in una particolare tipologia di donazione: cosa succede, infatti, se si prevede anche un obbligo di assistenza a carico del donatario?

Contratti con obbligo di assistenza

Può succedere che il titolare di una casa voglia donarla a un proprio discendente, ad esempio figlio o nipote, ma nello stesso tempo sia bisognoso di assistenza morale e materiale. Può trattarsi di una persona non totalmente autosufficiente che, in possesso di beni materiali immobili, intenda in qualche modo anche sfruttarli per ottenere in cambio una forma di assistenza di tipo personale.

Ci sono varie strade per realizzare questa operazione e sicuramente la prima cosa da fare è recarsi da un Notaio per una consulenza dettagliata che possa indirizzare il titolare e analizzare la sua situazione sia personale che patrimoniale, per consigliare la forma più idonea. Infatti, prima che pensare alla donazione si potrebbe proprio stipulare un vero e proprio contratto di assistenza previo pagamento di un corrispettivo: ad esempio avverso l’assistenza il soggetto bisognoso o trasferisce un bene immobile oppure una somma di denaro. Questo contratto è un atto oneroso, cioè vi è un corrispettivo e non ha niente a che fare con la donazione. Allora di cosa si tratta? Vediamolo.

Donazione modale

Si può realizzare questo risultato dell’assistenza a carico del beneficiario attraverso una donazione modale. Si tratta di una donazione con un onere che andrà a limitare l’arricchimento del beneficiario imponendogli l’esecuzione di una prestazione a vantaggio del donante.

In sostanza, se un nipote riceve una casa dal nonno, si può prevedere che sul nipote gravi l’obbligo di prendersi cura spiritualmente e materialmente del nonno. Questo non rappresenta un corrispettivo, in quanto il contratto rimane comunque a titolo gratuito ma il vantaggio che viene attribuito subisce una riduzione. È chiaro che il nipote che deve prestare assistenza non ottiene solo benefici in senso patrimoniale da questa donazione, dovendo anche portare avanti il proprio obbligo. Per far sì che questa donazione sia valida, è necessario però che l’obbligo non sia troppo elevato e ingente tale da fare venire meno l’effetto dell’arricchimento, quindi quello tipico della donazione.

Cosa può prevedere l’obbligo di assistenza

Il contenuto dell’assistenza può essere il più vario e viene stabilito dal donante secondo le sue esigenze e necessità.  Può ad esempio anche essere solo un obbligo di assistenza di tipo personale, come fare compagnia al donante in determinate ore e periodi della settimana.

Tutto questo ovviamente deve essere sancito precisamente all’interno del contratto redatto dal Notaio, che individua anche quelli che sono gli oneri leciti o meno. Il donatario è tenuto all’adempimento dell’onere ma solo entro i limiti del valore della cosa donata. Ciò ad esempio può voler dire che l’onere non deve essere sproporzionato alla cosa donata. Se un nonno dona un bene dal valore di 5.000 euro e richiede in cambio un’assistenza materiale vita natural durante, questo obbligo è superiore rispetto a quanto è stato donato e quindi viene meno automaticamente il senso di questo contratto.

Il donatario può rifiutare?

Il beneficiario può certamente non accettare questa donazione, basta non recarsi dal Notaio e firmare. Questo può accadere quando, valutato il valore dell’immobile in seguito ad una apposita perizia, si rileva che l’obbligo è maggiore rispetto allo stesso. Ovviamente il donatario può decidere di accettare anche per motivi personali, ma sicuramente con la consulenza di un Notaio può valutarne la convenienza.

Quanto costa la donazione modale?

L’imposta sulle donazioni si applica sul valore dei beni e dei diritti oggetto della donazione, ovviamente al netto delle passività. E’ da calcolare anche al netto del valore dell’onere, anche se questo spesso risulta complicato. In sostanza, è come se dal valore dell’imposta che regolarmente il donatario dovrebbe pagare occorre detrarre il valore dell’onere, nel caso di specie dell’assistenza. Si possono detrarre solo gli oneri posti a carico del donatario e aventi per oggetto prestazioni che non siano rivolte a soggetti terzi determinati individualmente.

Donazione con assistenza e successione

Uno dei problemi della donazione con assistenza è dato dalla circostanza per cui all’apertura della successione la donazione viene conteggiata e imputata alla quota di legittima della persona che l’ha ricevuta. Se il valore del bene immobile donato è 100.000, questi vanno calcolati come un anticipo su quanto il donatario deve ricevere dalla massa ereditaria del donante deceduto. Ma come si può calcolare l’onere? La cosa più complicata è questa, perché come per la tassazione come sopra detto, anche per il calcolo della donazione occorre detrarre il valore dell’onere. Nel caso di specie, trattandosi di assistenza, il valore deve essere frutto di un calcolo complesso, che si fa considerando il tipo di assistenza, il tempo impiegato per la stessa.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio