inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Girolamo G. Egregio Signori, Il vostro servizio è estremamente utile alla gente comune che di questi tempi è alle prese ...
Emma V. Il Notaio mi ha risposto poche ore dopo l'invio della richiesta, ho fissato un incontro e chiarito molti dubbi ...
Francesco N. Io e il mio ragazzo vogliamo sposarci e metter su casa. Però non abbiamo grosse disponibilità economiche e c ...
Luca C. Ho trovato davvero utile il vostro servizio, complimenti. ...
Errico C. Grazie! Non sapevo dove sbattere la testa e questo servizio è stato davvero utile. ...
Rosalba D. Ma quanto costano questi Notai! Sto comprando la mia prima casa e dopo la proposta "accettata" l'agente immobi ...
Gianni T. Che dire.. È proprio vero che chi fa da sé fa per tre! E in questo caso risparmia!! Per natura sono diffiden ...
Mauro F. Molto comodo, grazie a Notaiofacile ho trovato il Notaio velocemente e sono riuscito a rispettare i tempi del ...
Pier Luigi S. Ciao, vi scrivo per farvi i complimenti, ero alla disperata ricerca di un notaio per risolvere una difficile q ...
Alessandro D. Ho chiesto ai miei colleghi e amici se conoscevano un notaio economico a Torino che si occupa di compravendita ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Vendita di una casa cointestata tra fratelli: come fare

Vendita di casa cointestata tra fratelli

La vendita di una casa tra fratelli è possibile? Quali sono i passi da compiere per procedere alla vendita di una casa cointestata tra fratelli e qual è il ruolo del Notaio?

È possibile procedere alla vendita di una casa cointestata tra fratelli? La riposta più ovvia è sì, se tutti sono d’accordo. Il caso in cui due o più fratelli si trovino ad avere una casa cointestata è piuttosto frequente. Di solito si tratta della casa di famiglia: una volta scomparsi i genitori la casa viene ereditata dai figli, secondo le quote previste dal diritto di successione.

A questo punto i figli si trovano comproprietari di un’abitazione che spesso non è più quella in cui risiedono e può configurarsi come una “seconda casa” con le relative implicazioni fiscali.

La soluzione più semplice, se tutti i fratelli sono d’accordo, è procedere alla vendita della casa cointestata e dividere pro quota il ricavato. Ma se i fratelli non fossero tutti d’accordo?

Vendita di una casa cointestata tra fratelli in caso di disaccordo tra i proprietari

Può succedere però che non tutti i fratelli siano d’accordo con la vendita della casa cointestata per molte ragioni. Qualcuno può desiderare tenerla, qualcun altro può invece avere necessità di ottenere liquidità o semplicemente non è interessato ad investire nel mantenimento e nella manutenzione di una seconda casa.

Cosa fare in questo caso?

In questo caso per effettuare la vendita di una casa cointestata tra fratelli è necessario procedere allo scioglimento della comunione immobiliare.

In primo luogo è bene chiarire che la richiesta dello scioglimento della comunione immobiliare può essere richiesto anche dal fratello che si trovasse ad avere una quota minoritaria della proprietà.

Si aprono a questo punto diverse possibilità: una è la divisione consensuale

In questo caso i fratelli si accordano e uno di loro acquista le quote degli altri. Si tratta di una vera e propria compravendita che richiede l’intervento del Notaio. Al termine della redazione del contratto, della sua registrazione e del relativo pagamento delle quote uno dei fratelli sarà l’unico proprietario e potrà decidere il destino della sua abitazione.

Nella fattispecie della divisione consensuale è prevista anche la possibilità della donazione delle quote tra fratelli al fine di concentrare tutta la proprietà nelle mani di una sola persona.

Un’altra possibilità, se il bene immobile è comodamente divisibile, è chiedere il frazionamento in lotti. Immaginiamo che due fratelli siano comproprietari di una casa con due appartamenti o di un ampio terreno: i beni possono essere frazionati ed assegnati ai due fratelli prevedendo adeguate compensazioni. Per esempio se i due appartamenti fossero di valore differente l’uno verserà all’altro la differenza del valore.

La divisione di un bene comodamente divisibile può essere richiesta per vie giudiziale o dai fratelli di comune accordo.

Se invece i fratelli non trovano un accordo sull’acquisto di quote o sul frazionamento, è possibile che uno di loro si rivolga all’autorità giudiziaria. Si parla in questo caso di divisione giudiziaria. Il giudice verifica l’impossibilità di trovare un accordo e impone la vendita coattiva dell’immobile e la divisione del denaro ricavato. Si tratta della peggiore tra le ipotesi previste perché non di rado la casa è veduta all’asta cioè solitamente ad un prezzo inferiore a quello di mercato.

In sintesi: la vendita di una casa cointestata tra fratelli è possibile purché si verifichi lo scioglimento della comproprietà o con la vendita a un terzo, con l’acquisizione delle quote degli altri, con il frazionamento o con l’intervento del giudice. In ogni caso la consulenza di un Notaio potrà suggerire la migliore soluzione per tutte le parti coinvolte.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio