inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Stefano E. Grazie NotaioFacile per avermi messo in contatto con il Notaio che mi ha spiegato tutto quello che avevo bisog ...
Davide D.L. Mi chiedevo se esistono gia le tariffe notarili del 2015. in effetti ho visto che non ci sono piu le tariffe e ...
Lorenzo F. Un notaio gratis non esiste! Ma NotaioFacile.it mi ha fornito una grande consulenza! ...
Maria Chiara A. Stavo cercando su internet un Notaio che offrisse un servizio online e ho scoperto il vostro sito. Complimenti ...
Mario M. È la prima volta che uso notaio facile e spero mi sia d'aiuto anche per risparmiare sulle spese dell'atto. Ri ...
Massimo V. Grazie per il servizio, davvero un ottima idea! ...
Simone La. Dopo la morte di mio padre io e i miei fratelli ci siamo trovati in difficoltà a gestire tutte le pratiche pe ...
Vinvenzo V. Ottima iniziativa! Ho ricevuto la risposta dal Notaio il giorno stesso e mi sono rivolto a lui per acquistare ...
Milano G. Ho scoperto questo servizio circa 10 minuti fa e penso che grazie al web un'altro muro è caduto. ...
Gualtiero D. Ho costituito la mia SAS con il notaio trovato su NotaioFacile, persona squisita e molto disponibile. Bel serv ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Come scegliere la legge della successione dal notaio

Come scegliere la legge della successione dal notaio

Italiani all’estero e stranieri in Italia: come regolamentare la successione

Sempre più spesso capita che ci siano degli stranieri residenti in Italia da diversi anni, ma che non abbiano richiesto né ottenuto la cittadinanza italiana. Può capitare che questi ultimi ritengano di voler regolamentare la loro successione dalla legge italiana.

Al tempo spesso può capitare che ci siano dei cittadini italiani che vivano da sempre all’estero e che, invece, vogliano lo stesso mantenere un rapporto con la propria terra di origine preferendo l’applicazione della legge italiana. Quest’ultimo caso si verifica quando i cittadini stabiliscano la sede all’estero per motivi lavorativi, acquistando anche beni in territorio straniero.

Ogni Stato sia appartenente all’Unione europea, sia extraeuropeo, disciplina in modo diverso la successione testamentaria. La diversità della regolamentazione dipende anche dalle differenti culture, prassi e tradizioni che si sono sviluppate nei secoli. Sempre più si è sentito l’esigenza di trovare un punto in comune in virtù dei continui spostamenti a cui si è soggetti.

L’evoluzione legislativa dei Paesi dell’Unione europea

Nel 2012 è stato introdotto il Regolamento europeo n.650 con cui si è sentita l’esigenza di dare un’unità alle successioni europee. In particolare, l’obiettivo principale è proprio quello di provare a rimuovere gli ostacoli alla libera circolazione di persone che, prima dell’introduzione del Regolamento, si imbattevano in numerose difficoltà nell’esercizio dei loro diritti nell’ambito di una successione con implicazioni transfrontaliere.

La normativa consente ai cittadini italiani e stranieri di poter organizzare la propria successione anticipatamente. Con la globalizzazione, infatti, è sempre più diffuso l’acquisto di immobili all’estero che al momento della morte pone dei problemi relativi alla legge applicabile.

Dare una risposta unitaria alle successioni tra i Paesi UE, caratterizzati da un diritto interno eterogeneo: in alcuni Paesi unitarietà della successione, in altri struttura scissionista.

Cosa accadeva prima dell’entrata in vigore del Regolamento del 2012?

Prima dell’entrata in vigore del Regolamento del 2012 alla successione testamentaria si applicava la legge dello stato di cittadinanza. Quindi, se un cittadino italiano viveva all’estero, alla sua morte si sarebbe applicata la legge di cittadinanza, quindi, la legge italiana.

La precedente normativa tuttavia, dava la possibilità di scegliere una legge diversa da quella di cittadinanza, ossia quella di residenza mediante una dichiarazione scritta, espressa, chiara prevista nel proprio testamento dal notaio. Tale scelta non avrebbe avuto i suoi effetti al momento dell’apertura della successione, ossia alla morte del testatore se non avesse avuto più la residenza in quello stato. Nell’ipotesi di successione di un cittadino italiano, la scelta non pregiudica i diritti che la legge italiana attribuisce ai legittimari (coniuge, figli, in assenza di questi ultimi, ascendenti) residenti in Italia al momento della morte della persona della cui successione si tratta.

Quale è la legge da applicare alla sua successione con il Regolamento UE?

Con il Regolamento UE del 2012 è stato completamente stravolta la disciplina in quanto il criterio per poter individuare la legge applicabile alla intera successione è la residenza abituale alla morte del defunto.

Come è possibile osservare, si tratta di un criterio completamente differente rispetto alla disciplina previgente. Tuttavia il legislatore offre la possibilità di scegliere una legge diversa, ossia la legge di cittadinanza.

Quindi, se prima si faceva riferimento allo stato di cittadinanza, dal 17 agosto 2015, data di entrata in vigore del regolamento europeo, la competenza è della legge dello stato ove il defunto ha la residenza abituale.

Pertanto, se un cittadino tedesco è residente in Italia da diversi anni, potrà sicuramente scegliere nel proprio testamento (ove morisse in Italia avendo la residenza abituale) la legge tedesca.

La legge applicabile disciplina tutta la successione, indipendentemente dalla tipologia dei beni o dalla loro ubicazione.

Altri criteri previsti dal Regolamento del 2012

A differente della vecchia normativa, il Regolamento offre anche un altro criterio per poter comprendere quale sia legge applicabile.

Può accadere infatti, che dal complesso delle circostanze del caso concreto risulti chiaramente che, al momento della morte, il defunto avesse dei collegamenti manifestamente più stretti con uno Stato diverso da quello la cui legge sarebbe applicabile. In questo caos in assenza di un’espressa volontà del legislatore espressa nel testamento la legge applicabile alla successione è la legge di tale altro Stato.

Cosa accade se il defunto abbia una doppia cittadinanza?

Inoltre il regolamento prevede altresì che “Una persona con più di una cittadinanza può scegliere dal notaio la legge di uno qualsiasi degli Stati di cui ha la cittadinanza al momento della scelta o al momento della morte”, estendendo la possibilità di scelta anche in favore di chi ha la doppia cittadinanza.

Le imposte di successione

Il Regolamento UE, come già accennato, afferma espressamente di non disciplinare gli aspetti inerenti alla materia fiscale. Ciascun stato membro con la propria legge nazionale ha il compito di calcolare le imposte e impone diverse modalità di corresponsione.

Nello Stato italiano le imposte di successione seguono la disciplina del Testo Unico sulle successioni. Secondo tale normativa l’imposta è dovuta in relazione a tutti i beni e diritti trasferiti, ancorché esistenti all’estero, se il defunto si trovava in Italia al momento della morte. Tale enunciato esprime il principio di territorialità dell’imposta, contenuto nell’articolo 2, primo comma, del predetto testo unico.

Il secondo comma, invece, sancisce che “se alla data dell’apertura della successione o a quella della donazione il defunto o il donante non era residente nello Stato, l’imposta è dovuta limitatamente ai beni e ai diritti ivi esistenti”.

Il pagamento delle imposte, ai sensi del testo unico, avviene mediante la dichiarazione di successione. Si tratta di un adempimento di natura fiscale con cui l’Agenzia delle entrate viene messa al corrente della devoluzione del patrimonio del defunto.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio