Documenti per pubblicazione di testamento dal notaio

QUALE ATTO NOTARILE DEVI FARE?
Che tipo di atto notarile devi fare?
Preventivo notaio, trova il notaio online e contattalo direttamente

Qui Rispondono Solo i Notai
GRATIS E SENZA IMPEGNO

QUI RISPONDONO SOLO I NOTAI ! GRATIS E SENZA IMPEGNO

Dal notaio per pubblicare testamento

Nel momento in cui viene a mancare una persona, ci si chiede cosa si debba fare ai fini della successione e quali siano le fasi prima di subentrare nel patrimonio del defunto.

Può accadere che il defunto abbia lasciato testamento, ma ciò non rappresenta un obbligo o un dovere, ma semplicemente una possibilità lasciata dal legislatore per permettere di lasciare il patrimonio secondo un desiderio ben preciso.

Nel caso in cui la persona defunta abbia scelto di lasciare testamento, bisognerà in primis provvedere alla sua pubblicazione. Per poter pubblicare un testamento non basta semplicemente avere notizia della morte, ma occorrono delle specifiche documentazioni. Vediamo quali sono nel dettaglio, come è possibile reperirle e cosa è necessario sapere.

SERVE LA CONSULENZA DEL NOTAIO?
richiedi il preventivo al notaio

Contatta il Notaio Gratis

Fai un PREVENTIVO

Scopri tutti i costi per stipulare l'atto

Quando si puó pubblicare il testamento dal notaio

Prima di analizzare le singole documentazioni necessarie bisogna capire quando è possibile pubblicare un testamento: requisito imprescindibile per la pubblicazione del testamento, che sia olografo, pubblico, segreto, internazionale o speciale, è la morte del testatore.

Non è infatti ammessa la pubblicazione prima del decesso, proprio perchè l'apertura della successione è determinata dal tale evento e da ciò ne deriva che sono vietati tutti gli atti compiuti su una successione non ancora aperta: il legislatore, infatti, prevede una sanzione e si parla a tal proposito di nullità dei patti successori. Conseguentemente non sarà possibile neanche dividere i beni del defunto con un contratto dal notaio, così come non sarà possibile accettare o rinunciare all'eredità.

Documenti per pubblicazione di testamento dal notaio

Chi può richiedere la pubblicazione del testamento

Una domanda molto diffusa è chi può richiedere la pubblicazione testamento una volta accertato il decesso del testatore.

Il codice civile è molto preciso nell'affermare che chiunque è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo ad un notaio per la sua pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore e, se il testamento è stato depositato presso il notaio, è questi che deve eseguirne la pubblicazione.

Nella maggior parte dei casi, nell'ambito del testamento olografo, sono i familiari a farne richiesta, in modo tale da poter iniziare l'iter per subentrare nel patrimonio del defunto.

Testamento originale per pubblicazione

Per poter procedere alla pubblicazione bisogna necessariamente avere l’originale del testamento. Questa problematica non si pone nel caso in cui il testamento sia stato fatto per atto pubblico oppure sia stato preventivamente depositato presso un notaio.

Il problema dell'autenticità del testamento si pone tutte le volte in cui il testamento è stato scritto dal testatore e conservato, ad esempio, presso la propria abitazione, non essendo stato consegnato al notaio.

I rischi di contraffazione, distruzione e smarrimento, in questo caso, sono più alti ed è proprio per questo che viene consigliata prudenza ed attenzione nella redazione e conservazione.

Pertanto non è possibile sostituire l’originale con la fotocopia, in quanto il notaio dovrà allegare all’atto di pubblicazione proprio quello redatto dal testatore.

Ciò è stato oggetto anche di dibattito e discussione, in quanto molte persone non riuscendo a trovare l’originale si sono ritrovate a dover prendere in considerazione, come ultimo scritto, solo quello presente su una fotocopia.

Estratto per riassunto dell'atto di morte: documento che attesta il decesso

Per poter poter pubblicare il testamento, come abbiamo visto, occorre la morte del testatore, ma non basta semplicemente che venga dichiarata da coloro che siano interessati alla pubblicazione, ma è necessario che sia accertata da una specifica documentazione.

Pertanto occorre presentare al notaio l'estratto per riassunto dell'atto di morte che ha la funzione di dimostrare l'avvenuto decesso, il luogo e la data di morte che è differente rispetto al certificato di morte.

Differenza tra estratto per riassunto dell'atto di morte e certificato di morte

Sebbene per un non esperto del settore sembrano due certificati equivalenti, in virtù della funzione che svolgono, il certificato di morte è un documento che attesta il decesso di una persona e in questo vengono riportate le informazioni essenziali per descrivere l'evento.

L’estratto di morte contiene, invece, oltre alle informazioni del certificato, anche altri dati importanti e serve a dimostrare il luogo, la data di morte ed eventuali annotazioni presenti sull’atto.

Chi rilascia l'estratto per riassunto dell'atto di morte

Per poter ottenere tale certificato, ai fini della pubblicazione del testamento dal notaio, è possibile rivolgersi al Comune di residenza del defunto, oppure a quello nel quale la persona è deceduta.  Se invece, la persona fosse venuta a mancare in un luogo diverso, sarà necessario farne richiesta nel comune di quest’ultimo; a livello pratico, quest'ultimo caso si verifica quando il decesso avviene in un ospedale che si trova in una città diversa rispetto a quella nella quale il defunto risiedeva.

Documenti di identità del defunto ed eredi

Naturalmente oltre alle documentazioni sopra esposte, è necessario fornire al notaio le fotocopie dei documenti di identità del defunto, così come di coloro che ne richiedono la pubblicazione.

Infatti proprio nell'atto notarile si potrà leggere che si sono presentate dinanzi al notaio delle persone (o anche soltanto una) che in virtù di un interesse legato alla successione, ne hanno chiesto la pubblicazione. Queste persone devono essere indicate con le loro generalità e provvederanno a firmare l'atto di pubblicazione, insieme ai due testimoni e al notaio.

Come si pubblica il testamento dopo raccolta documenti

Una volta raccolta tutta la documentazione necessaria per poter procedere a norma di legge alla pubblicazione del testamento, il notaio, alla presenza di due testimoni aventi i requisiti previsti dalla legge notarile, redige un verbale in forma pubblica (atto pubblico notarile).

Una volta pubblicato il testamento il notaio è tenuto ad informare e comunicare l'esistenza del testamento agli eredi, così come ai legatari.

Preventivo notarile per pubblicazione testamento

Nel caso in cui si abbia la necessità di avere un quadro delle spese da sostenere per la pubblicazione del testamento, è possibile richiedere tramite la piattaforma di NotaioFacile un preventivo notarile, in modo del tutto gratuito, senza sostenere costi di registrazione o di iscrizione al portale.

Il servizio oltre ad essere gratuito non implica l’assunzione di alcun impegno e permette di entrare in contatto diretto con il notaio più vicino: ciò è possibile perché il sito consente di scegliere la città in cui eventualmente stipulare.

Condividi questo articolo

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
Potrebbe interessarti:

Dal 2012 i N.1 specializzati nella Consulenza Notarile e Preventivo Notaio

NF è l'unico Originale
Diffidate dalle imitazioni

NO Mediatori, NO Intermediari,
NO Dottori di chissà quale Studio

richiesta al notaio