inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Nicola P. Il servizio da Voi offerto è molto facile ma soprattutto molto intuitivo ed efficace. ...
Rosanna C. Attualmente per questa prima fase non ho nulla da ridire tutto molto facile semplice e comprensivo ottimo sito ...
Marco P Il Miglior modo per chi cerca il Notaio e vuole Risparmiare
Cercavo un notaio per acquistare con mia mo ...
Giorgia La. Avevo assolutamente bisogno di un notaio economico, un notaio che mi facesse spendere il meno possibile e sono ...
Alessandro D. Ho chiesto ai miei colleghi e amici se conoscevano un notaio economico a Torino che si occupa di compravendita ...
Antonio A. Volevo avere conferma di alcune informazioni in merito all'onorario del notaio per la prima casa in acquisto. ...
Mattia G. Mia zia mi ha venduto una proprietà perché voglio costruire una nuova casa per me e la mia famiglia. La zia ...
Eleonora S. Quello che ho scelto tramite questo sito non è il notaio più economico del mondo, ma sono contenta perché u ...
Giada R. Una consulenza notarile online mi sembrava molto strana ed in più gratuita… In effetti inviando la richiest ...
Antonio N. Grazie per la possibilità che mi avete dato di poter fissare un appuntamento con il notaio. Dopo l'incontro h ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Rinviare i requisiti per il bonus prima casa è possibile?

Rinviare i requisiti per il bonus prima casa

Comprare prima casa dal notaio

L’acquisto della prima casa dal notaio rappresenta uno degli investimenti più importanti da affrontare nel corso della vita di una persona. Tuttavia, molti giovani sono spaventati da questo investimento soprattutto quando si richiede un mutuo e ci si accolla una spesa costante mensile; cercare di risparmiare, quindi, è l’obiettivo principale di ogni giovane che si accinge a compiere un passo così impegnativo.

Il legislatore consente di usufruire delle agevolazioni fiscali al ricorrere di specifici presupposti e requisiti. Ciò nasce anche dalla volontà di incentivare il mercato immobiliare che, nel corso degli anni, ha spesso subito battute d’arresto dovute alla crisi del settore immobiliare. Ma quali sono i requisiti per avere le agevolazioni? È possibile rimandare la presenza di questi al momento del rogito notarile con una clausola contrattuale pur di risparmiare? Analizziamolo insieme.

Agevolazioni fiscali prima casa

Si parla spesso di benefici prima casa, ma non sempre se ne comprende il reale significato. È, infatti, possibile risparmiare rispetto all’acquisto di una seconda casa, su diverse tasse e imposte che adesso vedremo.

Le imposte da versare, quando si compra con i benefici “prima casa”, sono:

  • se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva
    • imposta di registro proporzionale nella misura del 2% (anziché del 9%)
    • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
    • imposta catastale fissa di 50 euro
  • se si acquista da un’impresa, con vendita soggetta a Iva
    • Iva ridotta al 4%
    • imposta di registro fissa di 200 euro
    • imposta ipotecaria fissa di 200 euro
    • imposta catastale fissa di 200 euro

Requisiti bonus prima casa

Per poter usufruire delle agevolazioni prima casa è necessario che ricorrano determinati presupposti e requisiti stabiliti dal legislatore, di seguito analizzati, per capire quando è possibile risparmiare.

È, innanzi tutto, necessario che chi acquista casa non sia proprietario di altro immobile situato nello stesso Comune dell’immobile che si vuole comprare, idoneo ad essere adibito ad abitazione: anche  se si è titolari in comunione legale dei beni con l’altro coniuge, non sarà possibile beneficiare delle agevolazioni fiscali.

È, inoltre, indispensabile che colui che intende acquistare non sia titolare di altri diritti come il diritto di uso, di abitazione, di usufrutto su un altro fabbricato sito nel medesimo Comune. Per poter usufruire delle agevolazioni, colui che compra non deve avere sul territorio nazionale altri immobili per i quali abbia usufruito delle agevolazioni prima casa: la legge infatti non consente di duplicare un beneficio di cui si è già usufruito.

Analizzando gli ulteriori requisiti richiesti dalla legge, è necessario che colui che compra la casa abbia la residenza nel Comune in cui si trova l’immobile o si impegni a trasferirla entro 18 mesi dall’acquisto e di ciò il notaio ne darà atto nel contratto di vendita.

Quando bisogna avere i requisiti per agevolazioni fiscali

Per poter richiedere le agevolazioni fiscali è importante sapere che al momento del rogito notarile si debbano avere i requisiti sopra esposti. L’unico caso in cui, come abbiamo visto, è possibile prevedere un ritardo, è il cambio di residenza. Infatti colui che compra per usufruire delle agevolazioni fiscali deve cambiare la residenza entro 18 mesi per evitare di dover pagare la differenza e non usufruire del bonus concesso dalla legge.

Si possono rinviare con il contratto i requisiti per agevolazioni fiscali?

Quando si decide di comprare la prima casa una delle domande frequenti è se si può rimandare l’acquisto nel momento in cui si acquisiranno i requisiti previsti dalla legge allo scopo di usufruire delle agevolazioni fiscali.

Che cosa vuol dire questo? Che l’acquirente sarebbe disposto a comprare solo usufruendo delle agevolazioni fiscali e quindi solo se entro un determinato termine abbia i suddetti benefici e quindi i requisiti per usufruirne. La risposta data dalla Corte di Cassazione è purtroppo negativa, in quanto non si ritiene possibile comprare la prima casa ad esempio se entro tre anni non si sarà più intestatari di altre case, di cui si è proprietari, allo scopo di usufruire delle agevolazioni fiscali.

Rinviare la presenza dei requisiti per agevolazioni fiscali: perché non si può fare?

In virtù di quanto affermato dalla Cassazione non si può in alcun modo prevedere una clausola contrattuale con cui si stabilisca che se entro tre anni ad esempio vi sono i presupposti per usufruire delle agevolazioni fiscale la vendita e, quindi, l’acquisto della casa sarà concluso.

Nel gergo giuridico significherebbe subordinare l’acquisto della casa a un evento futuro e incerto consistente nella sussistenza dei requisiti.

La presenza di tutti i presupposti per usufruire delle agevolazioni prima casa deve esservi al momento del rogito notarile e non può essere rimandata in quanto il legislatore è molto stringente sul punto, non ammettendo elasticità in tal senso.

Agevolazioni fiscali prima casa e notaio

In questi casi la figura del notaio è fondamentale in quanto prima di decidere se compare una casa potrà illustrare tutte le possibili chance di risparmio con le agevolazioni fiscali prima casa. Fin dalle trattative è opportuno rivolgersi al pubblico ufficiale per un preventivo, anche mediante la piattaforma di NotaioFacile , in quanto si potrà avere le idee più chiare dei costi da sostenere. La differenza delle spese spesso è molto evidente e potrebbe scoraggiare l’acquisto: si pensi al caso in cui solo dopo la firma del preliminare si scopra che non sarà possibile usufruire delle agevolazioni prima casa se non si venda un fabbricato di cui si è già titolari.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio