inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Mauro F. Molto comodo, grazie a Notaiofacile ho trovato il Notaio velocemente e sono riuscito a rispettare i tempi del ...
Antonio N. Grazie per la possibilità che mi avete dato di poter fissare un appuntamento con il notaio. Dopo l'incontro h ...
Mauro M. Trovare un notaio economico a Milano non è cosa facile.. Tutto sommato sono riuscito nel mio intento e sono s ...
Simone L. Devo trovare un notaio a Padova economico! Detto, fatto! ...
Vinvenzo V. Ottima iniziativa! Ho ricevuto la risposta dal Notaio il giorno stesso e mi sono rivolto a lui per acquistare ...
Jessica E. Volevo vendere la mia casa a un privato e concludere tale compravendita senza intermediari per risparmiare. Pe ...
Marzia N. Facile e intuitivo, davvero un sito ben fatto. ...
Manica D. Ero alla ricerca di uno studio notarile a Milano. Ho inviato la richiesta e poco dopo mi hanno chiamato due No ...
Stefania G. Ottimo sito, a volte noi contribuenti ci troviamo di fronte ad infiniti dubbi soprattutto quando l'argomento t ...
Stefano E. Grazie NotaioFacile per avermi messo in contatto con il Notaio che mi ha spiegato tutto quello che avevo bisog ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Calcolo delle spese notarili nell'acquisto di casa da privato o impresa

QUALE ATTO NOTARILE DEVI FARE?
Che tipo di atto notarile devi fare?
Preventivo notaio, trova il notaio online e contattalo direttamente

Qui Rispondono Solo i Notai
GRATIS E SENZA IMPEGNO

QUI RISPONDONO SOLO I NOTAI ! GRATIS E SENZA IMPEGNO

Il calcolo delle spese notarili quando stiamo per acquistare casa: quali tasse e imposte dovremo versare al momento del rogito o all'impresa costruttrice?

Vi state chiedendo come fare il calcolo delle spese notarili, ad esempio nel momento in cui state per comprare casa? Allora alcune informazioni potrebbero esservi utili per comprendere quali sono i costi che dovrete sostenere, con una importante precisazione: le cifre riportate sono relative a quanto in vigore al momento della pubblicazione di questo articolo (novembre 2019) e le aliquote applicate potrebbero variare con l’approvazione di diverse norme di legge. Sarà dunque bene assicurarsi che quanto scritto sia ancora valido al momento della lettura: naturalmente il modo migliore e che consigliamo è quello di affidarsi alla competenza del Notaio, così da avere un quadro preciso delle spese da sostenere.

Acquisto casa da privato: calcolo delle spese notarili

Per il calcolo delle spese notarili per acquisto della casa da privato è necessario essere in possesso di una serie di informazioni. Innanzitutto se si tratta di una prima casa, quindi dell’abitazione principale della famiglia, quella in cui prenderemo residenza (è importante da questo punto di vista sapere come qualificare una prima casa). La rendita catastale è di grande importanza per il calcolo delle spese notarili: ma cosa è la rendita catastale? È una cifra attribuita dal catasto a tutte le unità immobiliari e viene usata per determinare la base imponibile per il calcolo dell’imposta di registro e delle altre imposte. La rendita catastale (R.C.) può essere recuperata in un precedente rogito di acquisto della casa (in questo caso dovremo chiedere al proprietario) o nella visura catastale. Si tratta come detto di un dato fondamentale per poter ottenere un preventivo: nel caso in cui non fossimo in possesso di questa informazione sarà bene chiederla al venditore o all’agenzia immobiliare da cui stiamo comprando casa. Anche per le pertinenze, che di norma ricadono sotto le stesse agevolazioni previste per la prima casa, dovremo avere la rendita catastale così da poter valutare compiutamente le spese notarili.

Un’altra informazione importante che dobbiamo recuperare è quella relativa ad eventuali crediti di imposta. Avremo un credito di imposta se stiamo acquistando come prima casa, eravamo già in possesso di una prima casa e stiamo acquistando la nuova abitazione entro un anno dalla vendita della prima. Il credito di imposta sarà pari all’Imposta di Registro o all’IVA corrisposta per l’acquisto della precedente prima casa (ma non può essere superiore all’importo della nuova Imposta di Registro o IVA).

A meno di cambi legislativi, tasse e imposte per l’acquisto della prima casa da privato comprendono un’imposta di registro pari al 2% del valore catastale dell’immobile (con un minimo di 1000€), un’imposta ipotecaria nella misura fissa di 50€ e un’imposta catastale sempre di 50€.

Se invece si tratta dell’acquisto di una seconda casa da privato l’Imposta di Registro passa dal 2% della prima casa al 9% della rendita catastale della seconda casa (minimo di 1000€). Imposta ipotecaria e imposta catastale rimangono invece entrambe nella misura fissa di 50€ ciascuna.

Acquisto casa da impresa: calcolo spese notarili 

Se invece che da privato dovessimo acquistare la casa da un’impresa? Come cambierebbe il calcolo delle spese notarili rispetto all’acquisto da privato? In questo caso dovremo innanzitutto sapere se stiamo acquistando da società costruttore o società non costruttore e da quanto tempo l’abitazione è stata costruita/ristrutturata (più o meno di cinque anni).

Calcolo delle spese notarili per acquisto prima casa da impresa:

  • impresa costruttrice o ristrutturatrice entro cinque anni dalla fine dei lavori: IVA 4%, 200€ imposta di registro, 200€ imposta ipotecaria, 200€ imposta catastale
  • impresa costruttrice o ristrutturatrice dopo cinque anni dalla fine dei lavori (opzione IVA): IVA 4%, 200€ imposta di registro, 200€ imposta ipotecaria, 200€ imposta catastale
  • impresa costruttrice o ristrutturatrice dopo cinque anni dalla fine dei lavori (senza opzione IVA): imposta di registro 2% con un minimo di 1000€, imposta ipotecaria 50€, imposta catastale 50€
  • da altra impresa: imposta di registro 2% con un minimo di 1000€, imposta ipotecaria 50€, imposta catastale 50€.

Attenzione: l’IVA non va versata al Notaio, ma all’impresa.

Calcolo delle spese notarili acquisto seconda casa da impresa:

  • impresa costruttrice o ristrutturatrice entro cinque anni dalla fine dei lavori: IVA 10% (22% se casa di lusso), 200€ imposta di registro, 200€ imposta ipotecaria, 200€ imposta catastale
  • impresa costruttrice o ristrutturatrice dopo cinque anni dalla fine dei lavori (opzione IVA): IVA 10% (22% se casa di lusso), 200€ imposta di registro, 200€ imposta ipotecaria, 200€ imposta catastale
  • impresa costruttrice o ristrutturatrice dopo cinque anni dalla fine dei lavori (senza opzione IVA): imposta di registro 9% (minimo di 1000€), imposta ipotecaria 50€, imposta catastale 50€
  • altra impresa: imposta di registro 9% (minimo di 1000€), imposta ipotecaria 50€, imposta catastale 50€.

Anche in questo caso l’IVA non va versata al Notaio, ma all’impresa.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©

NF è l'unico Originale
Diffidate dalle imitazioni

NO Mediatori, NO Intermediari,
NO Dottori di chissà quale Studio

Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio