inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Rocco A. Spero che questo servizio aiuti altre persone che come mè erano alla ricerca del Notaio, Complimenti e buon l ...
Minia T. Mia mamma purtroppo si muove con grande fatica e vuole vendere la casa. Per questo ho inviato una richiesta di ...
Rosanna C. Attualmente per questa prima fase non ho nulla da ridire tutto molto facile semplice e comprensivo ottimo sito ...
Tommaso M. Sevizio Puntuale, professionale, Preciso e perfetto Grazie per l'eccellente servizio prestato mi. Se tutto i ...
Tommaso F. Cercavo il Notaio che costa meno in assoluto e senza capire che in effetti risparmiare 100 euro non cambia la ...
Marco E. Volevo capire il costo di un notaio a Milano: sono davvero elevati! Per fortuna ho potuto confrontare diversi ...
Mattia G. Mia zia mi ha venduto una proprietà perché voglio costruire una nuova casa per me e la mia famiglia. La zia ...
Riccardo F. Ho visto il sito e ho notato che i notai si occupano di moltissime attività. Dato che avrei bisogno della con ...
Chiara F. Eccezionale!!!!! puntualissimi e precisissimi; ringrazio con piacere. ...
Daniele M. Le spese per il lavoro del notaio variano sempre, per questo abbiamo chiesto un preventivo per l'onorario del ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Fotocopia testamento olografo: è valida?

Fotocopia testamento olografo è valida per la pubblicazione

La pubblicazione del testamento olografo

L’ordinamento italiano consente di rendere pubbliche le ultime volontà del testatore scritte di suo pugno mediante la pubblicazione con atto pubblico notarile del testamento olografo. Con tale atto si dà esecuzione a tali volontà.

Chi deve pubblicare il testamento olografo?

Il soggetto competente per la pubblicazione del testamento olografo è il notaio, in qualità di pubblico ufficiale.

Quanto costa pubblicare un testamento olografo dal notaio

Pubblicare un testamento olografo è un atto molto importante e solenne nella vita dei propri cari. Tale atto implica delle spese da affrontare, tra queste rientrano i costi di registrazione per l’iscrizione del testamento nel Registro generale dei testamenti presso l’Archivio notarile di competenza curato dal notaio, il pagamento dell’imposta di bollo pari a euro 45 e il pagamento dell’imposta di registro di euro 200. Naturalmente vi sono anche le spese relative all’onorario del notaio.

Cosa portare al notaio per la pubblicazione del testamento olografo?

Per la pubblicazione del testamento olografo per il rogito notarile occorre munirsi dell’originale testamento scritto dal testatore e dell’estratto per riassunto dell’atto di morte in originale che viene rilasciato dal competente ufficio del Comune del luogo dell’ultimo domicilio del testatore. Entrambi i documenti sono importanti in quanto il notaio provvederà ad allegarli all’atto notarile.

È possibile pubblicare una fotocopia di un testamento olografo?

Spesso può accadere che il testatore per una maggiore prudenza al momento della redazione del testamento abbia deciso di fare delle fotocopie distribuendole ai suoi cari, al fine di evitare che le sue ultime volontà possano essere perse. Tuttavia, tale fattispecie pone dei problemi di particolare rilevanza.

Infatti potrebbe accadere che alla morte del testatore il testamento originale e non la fotocopia, non sia più rinvenibile, diventando introvabile e irreperibile.

Cosa accade se si ha la sola fotocopia del testamento?

La fotocopia non può assumere lo stesso valore dell’originale e quindi non potrà essere allegata all’atto della pubblicazione in sostituzione del documento originale. L’unico utilizzo di tale documento è quello di farlo valere in giudizio per provare l’esistenza eventuale di un testamento.

Cosa accade se il testamento è introvabile?

Secondo l’orientamento prevalente nella prassi notarile, il fatto che il testamento sia introvabile e non sia più nella disponibilità dei cari congiunti del testatore, lascia presagire una presunzione di revoca delle disposizioni testamentarie. In questo caso non potrà farsi valere un’eventuale volontà resa oralmente dal testatore. Infatti, è compito del testatore quello di conservare il documento originale per consentire ai propri cari al momento della sua morte di realizzare le sue volontà nel modo più agevole possibile.

Può definirsi una forma sicura quella del testamento olografo?

Il testamento olografo presenta dei notevoli vantaggi in quanto il testatore può in qualsiasi momento di proprio pugno redigerne uno e conservarlo. Potrebbe anche scrivere più testamenti olografi che non siano incompatibili tra loro dal punto di vista del contenuto e che disciplinino tutti beni diversi: si pensi al caso in cui il testatore abbia una casa in Roma che con un testamento attribuisca ad un figlio e successivamente acquisti un’altra casa in Napoli che con un successivo testamento decida di lasciare ad un altro figlio.

Al tempo stesso potrebbe presentare dei rischi in ordine alla sua conservazione. Il testamento, infatti, nel corso del tempo potrebbe alterarsi, potrebbe subire delle lacerazioni o addirittura essere oggetto di furto o di distruzione da parte di un soggetto che ritrovi quel documento e che non sia d’accordo con quel contenuto, non essendo magari beneficiario di quelle disposizioni.

Il legislatore, infatti, non prescrive delle norme che possano tutelare la sua conservazione. Dunque questo rappresenta un rischio che va esposto ad un soggetto che intenda disporre delle proprie ultime volontà per il tempo in cui avrà cessato di vivere qualora si rechi dal notaio per una consulenza.

Che valore ha il testamento olografo rispetto alle altre forme testamentarie?

Il valore del testamento olografo è il medesimo del testamento pubblico dal notaio, così come del testamento segreto, speciale o internazionale.

Quali sono i requisiti per un testamento olografo valido?

Per poter pubblicare un testamento olografo è necessario che presenti tutti i requisiti previsti dalla legge ed in particolare:

  • Che sia scritto interamente di pugno dal testatore e non vi sia stato l’intervento né la scrittura da parte di un terzo nella formazione della volontà del testatore
  • Che riporti la data con giorno, mese e anno in cui è stato scritto. La legge ammette anche delle date equipollenti, ossia è possibile anche scrivere Natale 2021, in quanto in questo caso si intenderà il 25 dicembre 2021.
  • Che sia sottoscritto ossia firmato dal testatore.

Tali elementi sono indispensabili per la sua validità.

Quand’è che un testamento è falso?

Il testamento è falso quando è contraffatto e quando, ad esempio, manca il requisito dell’olografia, ossia non è scritto di pugno dal testatore o anche solo una frase è scritta da un soggetto terzo estraneo.

Chi può definire un testamento falso?

Il soggetto abilitato a decretare la falsità di un testamento olografo non è il notaio, ma l’autorità giudiziaria, la quale potrà fornirsi anche di un perito grafico, ossia di un tecnico che analizzerà con cura e attenzione la grafia utilizzata nel documento per comprendere se si avvicini e corrisponda alla grafia nonché anche alla firma originale del testatore. È un’analisi molto importante in quanto potrebbe compromettere l’intera vicenda successoria, qualora qualcuno impugnasse il testamento asserendo che non sia vero.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta testamento olografo dal notaio