inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Paola G. Consulenza Notarile Gratuita e Professionale Buonasera, devo dire che, dopo iniziali difficoltà forse dovute ...
Marco P Il Miglior modo per chi cerca il Notaio e vuole Risparmiare
Cercavo un notaio per acquistare con mia mo ...
Paolo D. Grazie a voi ho trovato il Notaio che stavo cercando. Non ho molti soldi e non potevo spendere troppo ho chies ...
Kevin J. Tks for your service, I live in London and I bought a vacation home in Italy. Your Notary has been very seriou ...
Salvatore B. Preventivo Notaio; il servizio è di utilizzo veramente semplice ed intuitivo. Salve, ho appena richiesto un ...
Luca E. Grazie. Servizio impeccabile! I notai mi hanno risposto in giornata e ho fissato un appuntamento. ...
Gualtiero D. Ho costituito la mia SAS con il notaio trovato su NotaioFacile, persona squisita e molto disponibile. Bel serv ...
Alberto P. Buongiorno, esprimo il mio apprezzamento per il servizio che considero eccellente. Nel giro di 48 ore ho ricev ...
Simone L. Devo trovare un notaio a Padova economico! Detto, fatto! ...
Renato C. Se la risposta arriva celermente il servizio è ottimo, grazie ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Il contratto di convivenza: cos'è e serve il Notaio?

QUALE ATTO NOTARILE DEVI FARE?
Che tipo di atto notarile devi fare?
Preventivo notaio, trova il notaio online e contattalo direttamente

Qui Rispondono Solo i Notai
GRATIS E SENZA IMPEGNO

QUI RISPONDONO SOLO I NOTAI ! GRATIS E SENZA IMPEGNO

Vediamo che cos’è il contratto di convivenza, quali rapporti può disciplinare, come e quando si stipula, che vantaggi riserva ai sottoscrittori e quando è opportuno siglarlo.

Il contratto di convivenza è un accordo scritto che possono sottoscrivere i conviventi di fatto registrati sia eterosessuali che omosessuali.

Sgombriamo immediatamente il campo da ogni incertezza: non si tratta di un adempimento obbligatorio, ma di una scelta facoltativa. Vediamo insieme quali sono i vantaggi e perché alcuni decidono di sottoscriverlo.

Il contratto di convivenza ha come obiettivo quello di disciplinare esclusivamente i rapporti patrimoniali, riguarda cioè i beni dei sottoscrittori, non la loro situazione personale o sentimentale, inoltre non ha influenza sulle questioni successorie, essendo il diritto successorio provvisto di normative specifiche.

Il contratto di convivenza: perché serve il Notaio

Il contratto di convivenza è una libera scelta dei sottoscrittori, ma se si decide di stipularlo deve essere redatto da un Notaio come atto pubblico, oppure, se redatto in forma di scrittura privata, deve essere sottoposto all’autenticazione da parte del Notaio. Una volta redatto o autenticato l’atto viene trasmesso dal Notaio entro 10 giorni al comune di residenza della coppia per l’iscrizione in anagrafe.

Ma qual è il contenuto del contratto di convivenza?

Il contratto di convivenza contiene normalmente la residenza della coppia, le modalità con cui ciascuno contribuisce alla vita comune  e la scelta sul regime patrimoniale della coppia. Al riguardo occorre dire che  la coppia convivente di fatto mantiene, se non diversamente esplicitato, un regime di separazione dei beni, nel contratto di convivenza può invece indicare come scelta la comunione dei beni. E si rileva qui una prima e ed importante differenza tra i coniugi e gli uniti civilmente ed i conviventi di fatto: questi ultimi se non scelgono diversamente sono in separazione dei beni, le prime due categorie se non scelgono diversamente sono invece in comunione dei beni.

Inoltre per i conviventi di fatto la scelta del regime patrimoniale può essere variata in qualsiasi momento.

Il contratto di convivenza: effetti e vantaggi

Il contratto di convivenza, come ogni contratto, fa sorgere obblighi giuridici tra i due contraenti, inoltre consente di prevedere l’impegno di assistenza reciproca in caso di malattia, infermità ed altre esigenze e permette a ciascuno dei due di essere designato quale amministratore di sostengo dell’altro. Ed ancora può prevedere la gestione dei beni comuni in caso di scioglimento volontario della convivenza.

Il contratto di convivenza può essere sciolto in diverse circostanze: per accordo tra le parti, in questo caso l’atto di scioglimento richiede la medesima forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata; per scelta unilaterale, è sufficiente che una parte decida di recedere dal contratto precedentemente stipulato, ed anche in questo caso deve essere un atto pubblico che il Notaio provvederà a notificare all’altra parte; per matrimonio o unione civile sia tra i soggetti sottoscrittori, sia tra un soggetto sottoscrittore ed un terzo. In questo caso chi contrare matrimonio o unione civile con un terzo deve inviare l’estratto di matrimonio al Notaio che ha redatto o autenticato il contratto che si farà carico di notificarlo  all’anagrafe del comune dove aveva inviato il precedente contratto di convivenza. Esiste poi naturalmente la possibilità che il contratto di convivenza si sciolga per la morte di uno dei sottoscrittori, in questo caso il superstite è tenuto a notificare l’atto di morte del partner al professionista che ha stilato il contratto di convivenza che provvederà a sua volta a notificarlo all’anagrafe del comune di residenza perché annoti la risoluzione dell’atto.

Come abbiamo detto in caso di morte di uno dei due sottoscrittori il contratto di convivenza si estingue e non ha effetti sul regime successorio.

Tag:

Condividi questo articolo

Editore: Redazione Notaio Facile. Articolo pubblicato dall'editore e scritto personalmente da esperti in ambito notarile. Coperto da copyright ©

NF è l'unico Originale
Diffidate dalle imitazioni

NO Mediatori, NO Intermediari,
NO Dottori di chissà quale Studio

Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio