inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Gabriele Di. Ho ricevuto in eredità da un lontano parente un terreno in provincia di Perugia. I notai di NotaioFacile sono ...
Gerardo C. Mi pare un ottima iniziativa perchè migliora la trasparenza per le persone. Grazie ...
Silvio T. Buongiorno, io abito a Roma e grazie a NotaioFacile ho trovato uno Studio Notarile a Roma peraltro a meno di u ...
Giacomo S. Sono Giacomo e dopo aver deciso di fare il grande passo con la mia ragazza, abbiamo prima deciso di andare a c ...
Francesco P. Ottimo servizio! Cercavo il Notaio per comprare la mia seconda casa al mare e grazie a voi sono riuscito a tro ...
Ilaria Di. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Saverio M. Alla ricerca Online di informazioni sulla separazione dei beni vi ho trovato.. Ho richiesto un preventivo ed o ...
Lorenzo F. Un notaio gratis non esiste! Ma NotaioFacile.it mi ha fornito una grande consulenza! ...
Pier Luigi S. Ciao, vi scrivo per farvi i complimenti, ero alla disperata ricerca di un notaio per risolvere una difficile q ...
Matteo O. Ho trovato un piccolo casolare che vorrei adibire ad agriturismo. Volevo consultare un notaio per l'atto di mu ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

La caparra nella compravendita immobiliare

La caparra nella compravendita immobiliare

Che cos’è la caparra nella compravendita immobiliare? È obbligatoria? C’è il rischio di perdere la caparra e come possiamo tutelarci?

Di cosa parliamo quando citiamo la caparra nella compravendita immobiliare? In primo luogo vediamo che cosa significa il termine caparra. Viene dal latino e significa “prendere un pegno” ed in effetti nel linguaggio comune è una cifra che viene data “a garanzia” di un impegno.

La caparra nella compravendita immobiliare viene di solito richiesta alla firma del contratto preliminare.

La somma di denaro che il quel momento l’acquirente versa al venditore in realtà può essere: una caparra confirmatoria, una caparra penitenziale, un acconto.

Vediamo le differenze: la caparra confirmatoria è disciplinata dall’art. 1385 del Codice Civile, è una somma di denaro che l’acquirente versa per garantire il suo impegno all’acquisto. Se cambia idea e non acquista più l’immobile perde la cifra disposta come caparra. Se invece è il venditore a mancare l’impegno restituirà la caparra ricevuta e pagherà una penale che corrisponde a quanto incassato. Per esempio se il signor Rossi vuole acquistare dal sig. Bianchi una casa e al preliminare paga una caparra di 10.000 euro e poi decide di non acquistare più l’immobile, il sig. Bianchi potrà trattenere quella cifra; se invece fosse il signor Bianchi a non voler più vendere non solo restituirà la caparra al sig. Rossi, ma pagherà una penale pari a quanto incassato, cioè 10.000 euro. È data facoltà alle parti però di ricorre al giudice per ottenere l’esecuzione del contratto o un ulteriore risarcimento per il danno subito.

La caparra penitenziale è una somma concordata tra le parti da corrispondere in caso di recesso dal contratto. In questo caso non è possibile ricorre al giudice e la questione viene considerata risolta con la cessione di questo denaro

La somma corrisposta alla firma del preliminare può invece essere un acconto. In questo caso l’importo dell’acconto sarà scorporato dal prezzo dell’immobile al momento del rogito.

Per siglare un contratto preliminare non è indispensabile ricorre ad un Notaio, se la compravendita avviene tra soggetti privati, mentre è obbligatorio in caso di acquisto da un costruttore, tuttavia anche per decidere quale soluzione sia la migliore ricorrere ad un professionista già in questa fase è non solo utile, ma lungimirante.  Il Notaio, grazie alla sua funzione super partes, consiglierà la soluzione più adeguata alla situazione, tutelando al meglio entrambe i soggetti coinvolti.

La caparra nella compravendita immobiliare a quanto può ammontare e si può “restituire”?

La caparra nella compravendita immobiliare di solito è circa il 10% del valore del bene transato, ma naturalmente può scendere se il valore dell’immobile è molto alto.

Si tratta come dicevamo di una cifra posta a garanzia, per questa ragione non è fatturabile e non vi si paga l’IVA. Solo con la conclusione dell’iter d’acquisto, se viene scorporata dal prezzo d’acquisto, potrà essere fatturata.

Normalmente la caparra confirmatoria non si “restituisce”, se il compratore manca l’impegno il venditore la tiene come risarcimento; se il venditore non tiene fede all’impegno l’acquirente la riottiene moltiplicata per 2. Tuttavia esiste la possibilità di inserire nel preliminare una clausola di salvaguardia che prevede che nel caso in cui l’acquirente non ottenga il mutuo la caparra gli venga resa. È una possibilità che deve essere valutata attentamente e può essere esercitata solo se la clausola è inserita nel contratto preliminare. Ecco un’altra ottima ragione per ricorre ad un Notaio nella stesura del preliminare: valutare con molta attenzione tutte le clausole che garantiscano al meglio entrambe le parti coinvolte.

Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.

richiesta preventivo notaio online
richiesta al notaio