inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Giorgia La. Avevo assolutamente bisogno di un notaio economico, un notaio che mi facesse spendere il meno possibile e sono ...
Loris D. Davvero facile la compilazione e chiare le spiegazioni, Complimenti per il servizio. ...
Paolo. V. Davvero veloce, avevo urgenza di Trovare il Notaio per una separazione dei beni, dopo aver ricevuto il prevent ...
Gerardo C. Mi pare un ottima iniziativa perchè migliora la trasparenza per le persone. Grazie ...
Massimo V. Grazie per il servizio, davvero un ottima idea! ...
Enzo C. Preliminare.. Compromesso che fare? Registrarlo o andare direttamente all'atto. Ho fatto questa domanda nella ...
Sara S. Volevo confrontare i preventivi di un notaio con quelli che ha fornito il mio notaio di zona. Ho inviato i det ...
Ilaria Di. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Maria Chiara A. Stavo cercando su internet un Notaio che offrisse un servizio online e ho scoperto il vostro sito. Complimenti ...
Melissa D. Ho avuto una consulenza notarile gratuita come indicato nel sito. Complimenti per la coerenza e per il servizi ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Come pagare il Notaio: i metodi di pagamento

QUALE ATTO NOTARILE DEVI FARE?
Che tipo di atto notarile devi fare?
Preventivo notaio, trova il notaio online e contattalo direttamente

Qui Rispondono Solo i Notai
GRATIS E SENZA IMPEGNO

QUI RISPONDONO SOLO I NOTAI ! GRATIS E SENZA IMPEGNO

Come pagare il Notaio? Tutti i metodi che conosciamo possono essere utilizzati o alcuni sono preferibili? Vediamo insieme come fare a pagare il Notaio e quale metodo è il migliore

Come pagare il Notaio? Che la prestazione professionale richieda un compenso è fuori di dubbio. Ma le molte parcelle esposte dai professionisti quella del Notaio ha una particolarità: deve esser pagata contestualmente alla prestazione o anticipatamente.

Perché? Lo prevede la legge. All’art 1 comma 142 lettera c) della legge del 4 agosto 2017 n. 124 si indica che “Il Notaio deve ricusare il suo ministero se le parti non depositano antecedentemente o contestualmente alla sottoscrizione dell’atto l’importo dei tributi, degli onorari e delle altre spese dell’atto salvo che si tratti di persone ammesse al beneficio gratuito”. Prima dell’entrata in vigore di questa legge il Notaio poteva accordare pagamenti personalizzati e rateali, ora gli viene imposto di ricusare la prestazione. Questo si deve al fatto che uno dei compiti del Notaio è essere un sostituito d’imposta, versare cioè le imposte in luogo dei suoi clienti e questa attività non può essere procrastinata: le imposte vanno versate entro 30 giorni dalla stipula dell’atto, se per esempio stiamo parlando d’un rogito d’acquisto.
È chiaramente interesse dello Stato e dunque del Legislatore fare in modo che tali somme siano nella disponibilità del versante.

Come pagare il Notaio: il limite dei contanti e gli altri strumenti di pagamento

Vediamo ora come pagare il Notaio. Non tutti sanno che è possibile farlo anche in contanti, tuttavia al riguardo bisogna ricordare che i pagamenti in contanti hanno un limite. Fino a pochi anni fa il limite era 2999,99 euro, ora fino al 31 dicembre del 2021 il limite è e 1999,99 euro, ma da gennaio 2022 scenderà a 999,99 euro. Questo è di per sé un limite, di solito le parcelle del Notaio che come abbiamo visto includono le imposte non possono essere pagate in contanti per via dell’importo. Se per esempio prendiamo un atto di compravendita sappiamo che le sole imposte catastali, di registro ed ipotecarie sono pari a 600 euro in caso di acquisto da un costruttore entro 5 anni dalla costruzione o dalla ristrutturazione di un immobile, se invece l’acquisto è operato tra privati la sola imposta di registro deve essere almeno di 1.000 euro.

E dunque come pagare il Notaio? Un altro strumento è l’assegno bancario che tuttavia non garantisce immediatamente che chi lo emette abbia quella disponibilità sul conto bancario. Se la cifra è ingente e per tutelarsi maggiormente il Notaio può chiedere l’emissione di un assegno circolare. L’assegno circolare è emesso dall’Istituto di credito del correntista che prima verifica la copertura di chi lo firma. È dunque un metodo tracciabile, che garantisce la copertura, ma non il più comodo perché prevede che ci si rechi in banca.

Il Notaio può essere pagato anche tramite bonifico. Ma anche in questo caso si affaccia il problema della possibile scopertura, considerando che tra l’emissione di un bonifico ed il reale trasferimento della somma possono passare diversi giorni. Inoltre il bonifico è soggetto a revoca. Se si desidera pagare con bonifico è plausibile che il Notaio chieda di effettuarlo qualche giorno prima dell’atto.

Tra i metodi di pagamento va annoverata anche la possibilità di utilizzare il bancomat o la carta di credito. Nel caso del bancomat il trasferimento è immediato, nel caso della carta di credito l’addebito viene registrato a fine mese. Attenzione solo a non “sforare” i limiti di spesa.

Abbiamo visto come pagare il Notaio, ma soprattutto abbiamo cercato di capire perché il pagamento viene richiesto con anticipo o contestualmente. Anche per questa ragione è opportuno quando si ha necessità di un professionista fare una scelta basata non solo sul “prezzo”, ma anche sulla fiducia e sulla chiarezza espositiva.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©

NF è l'unico Originale
Diffidate dalle imitazioni

NO Mediatori, NO Intermediari,
NO Dottori di chissà quale Studio

Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio