inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Fabio R. La parcella di un notaio si paga "volentieri" solo se il notaio ha fatto un buon lavoro. Così ho chiesto dei ...
Sandro N. Ho saputo che si può risparmiare sulla casa scegliendo di fare l'atto da gennaio con l'introduzione delle nuo ...
Michele R. Cercavo un Notaio che mi facesse un prezzo scontato visto che in questo momento le spese sono tante, effettiva ...
Pier Luigi S. Ciao, vi scrivo per farvi i complimenti, ero alla disperata ricerca di un notaio per risolvere una difficile q ...
Marzia N. Facile e intuitivo, davvero un sito ben fatto. ...
Loris D. Davvero facile la compilazione e chiare le spiegazioni, Complimenti per il servizio. ...
Giorgia La. Avevo assolutamente bisogno di un notaio economico, un notaio che mi facesse spendere il meno possibile e sono ...
Marta B. Grazie a al vostro servizio ho fissato un incontro con il Notaio e ho capito che nel mio caso conveniva effett ...
Stefano I. Ho bisogno un notaio che mi segua per la costituzione di una nuova società, ma volevo ridurre le spese di sta ...
Piero O. Comprare la casa stava diventando un impresa difficilissima, tra la banca che ci ha messo 3 mesi per concederm ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Spese per l’acquisto della prima casa: quanto si paga?

Spese per l’acquisto della prima casa: quanto si paga?

Un breve prontuario per verificare quali sono le spese per l’acquisto della prima casa e a cosa fare attenzione quando decidiamo un acquisto tanto importante.

L’acquisto della casa, ed in particolare della prima casa, è un passo impegnativo e per moltissime famiglie il primo mattone su cui costruire il proprio futuro. Individuare l’abitazione dei propri sogni non è semplice, ma una volta scelta ecco quali sono le spese per l’acquisto della prima casa che occorre valutare e pianificare.

In primo luogo il costo dell’acquisto del bene. Circa il 50% delle prime case sono acquistate senza ricorrere a mutui, mentre il restante 50% dei futuri proprietari ricorre a questo istituto. 

In questo caso occorre considerare le spese di istruttoria, perizia e di accensione del mutuo, oltre che gli interessi previsti. Per valutare quale sia il mutuo più interessate ed adatto alla propria situazione personale è possibile rivolgersi a diversi istituiti di credito e scegliere la soluzione più idonea.

Oltre al prezzo del bene e all’eventuale accensione del mutuo, rientrano nelle spese per l’acquisto della prima casa le imposte da pagare.

Se la prima casa è acquistata da un privato e l’acquirente è una persona fisica le imposte previste sono: imposta di registro pari al 2% del valore catastale (il valore catastale si calcola rivalutando la rendita catastale del 5% e moltiplicandola per un coefficiente fisso che nel caso della prima casa è 110. Rendita x 1,05 x110); imposta ipotecaria e imposta catastale fisse nella misura di 50 euro ciascuna. In nessun caso l’imposta di registro può comunque essere inferiore a 1000 (mille) euro.

Se invece la prima casa è acquistata da un costruttore entro i primi cinque anni della sua realizzazione o ristrutturazione il bene è soggetto al pagamento dell’Iva agevolata al 4% sul costo dell’abitazione, all’imposta di registro, catastale ed ipotecaria ciascuna nella misura di 200 euro. Oltre i cinque anni, si ricade nelle stesse condizioni di acquisto da privato.

Se l’acquisto è avvenuto attraverso l’intermediazione di un’agenzia immobiliare tra le spese di acquisto della prima casa va conteggiata anche la percentuale spettante all’agenzi che solitamente è circa del 3% sul valore dell’immobile, ma al riguardo è bene verificare presso le competenti camere di commercio quali siano i valori in uso nel proprio territorio.

Onorario del Notaio: quanto incide sulle spese per l’acquisto della prima casa?

Nelle voci spese per l’acquisto della prima casa va naturalmente incluso anche l’onorario del Notaio che si occuperà della stipula degli atti necessari per il passaggio di proprietà del bene, compreso il mutuo. Il suo ruolo negli atti di compravendita è tra le altre cose verificare che chi aliena il bene ne abbia piena titolarità, che sul bene non gravino ipoteche o vincoli di sorta. Si occupa dunque delle verifiche preliminari e in caso di acquisto da un costruttore il suo contributo è richiesto per legge sin dal “compromesso” che deve essere obbligatoriamente una scrittura pubblica o una scrittura privata autentica, in questo caso verifica anche che siano messe in campo le tutele previste per l’acquirente e cioè la fideiussione sul bene e la garanzia a 10 anni in caso di danni provocati da errori di costruzione. 

Sarà inoltre il Notaio a versare per conto dell’acquirente le imposte di cui abbiamo parlato. Il rapporto che si stabilisce con il Notaio è un rapporto basato sulla professionalità e sulla fiducia. L’onorario del Notaio è solitamente proporzionale al valore dell’atto e alla sua complessità e può variare da professionista a professionista.

Condividi questo articolo

Autore: Notai Online articolo realizzato personalmente dall'autore e coperto da copyright ©
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio