inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Francesco R. Sono Francesco R. di Parma e avevo la necessità di sapere le tariffe dei notai di zona per confrontarle e sce ...
Giulia M. Volevo sapere quanto costa il notaio per spese di eredità e mi hanno risposto subito! Ho solo dovuto fornire ...
Nicola P. Il servizio da Voi offerto è molto facile ma soprattutto molto intuitivo ed efficace. ...
Giovanni R. Cercando informazioni per una cessione di quote ho trovato questo sito e subito dopo aver inviato la richiesta ...
Mirko P. Volevo proprio farvi i complimenti e ringraziarvi. Ho provato ad effettuare una richiesta di preventivo su Not ...
Kevin J. Tks for your service, I live in London and I bought a vacation home in Italy. Your Notary has been very seriou ...
Luca V. Il prezzo del notaio varia molto da professionista a professionista, per questo ho chiesto un preventivo che m ...
Simone L. Devo trovare un notaio a Padova economico! Detto, fatto! ...
Giorgia La. Avevo assolutamente bisogno di un notaio economico, un notaio che mi facesse spendere il meno possibile e sono ...
Valeria F. Non ci credo ancora!! Finalmente ho parlato di persona con un Notaio. Ero stufa di sentire spiegazioni dall'ag ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Comprare casa per poi intestarla alla moglie

Comprare casa per poi intestarla alla moglie

Perché scegliere di comprare casa per poi intestarla all’altro coniuge?

Una delle domande che spesso ci si pone è se sia possibile acquistare un immobile per poi intestarlo successivamente al proprio coniuge, e cioè se ad esempio è possibile che Tizio acquisti con il proprio denaro personale, ereditato dai genitori, la casa del signor Caio e subito dopo decida di donarla alla moglie con cui è coniugato in regime di comunione legale dei beni.

Ebbene ciò è possibile, sia perché anche se coniugato in comunione legale l’acquisto è avvenuto con denaro personale da parte del marito ed il bene risulta a tutti gli effetti intestato a lui, e ciò non impedisce che successivamente egli possa decidere di effettuare una donazione in favore della moglie.

La scelta di acquistare una casa per poi intestarla al coniuge può dipendere da una serie di fattori, nel caso in cui oggetto di trasferimento in favore della moglie sia la prima casa tale scelta può essere dovuta alla possibilità di effettuare un successivo acquisto ed usufruire delle agevolazioni fiscali prima casa, oppure la decisione di effettuare il passaggio di proprietà in favore del partner può dipendere dalla necessità di tutelarsi dai creditori, mettendo quell’immobile al riparo da eventuali azioni.

Agevolazioni fiscali prima casa quando si intesta casa alla moglie

La legge prevede per l’acquisto prima casa dal Notaio una serie di agevolazioni fiscali, anche in caso di acquisto per successione o donazione, purché ricorrano una serie di requisiti.

Nello specifico, per poter usufruire di tali agevolazioni è necessario che l’intestatario risieda nel Comune in cui si trova l’immobile, o almeno che svolga in quel Comune la propria attività lavorativa, e che non abbia già altre case intestate, a meno che la già esistente prima casa non venga poi venduta o donata entro il termine di un anno.

Se si ha intenzione di comprare una seconda casa e godere del bonus prima casa è dunque possibile intestare la nuova al coniuge oppure decidere cedere a quest’ultimo la precedente.

Donando l’immobile acquistato, rimangono valide tutte le agevolazioni fiscali, anche se non sono ancora trascorsi cinque anni dal rogito, e si potrà ottenere l’Iva al 4%, se si acquista da un’impresa, o l’imposta di registro al 2%, se si compra da privato, determinando un grande vantaggio in termini di risparmio di imposte.

I modi per intestare casa alla moglie dopo averla comprata dal Notaio

Sono diversi le modalità che offre l’ordinamento per poter comprare casa e poi intestarla al proprio coniuge, tendenzialmente, uno dei contratti a cui si ricorre maggiormente è la donazione.

In linea generale, il marito pone in essere la compravendita dell’immobile dal Notaio e poi successivamente decide di donarla alla moglie ponendo in essere un nuovo contratto, ma questo non è l’unico modo per far ottenere alla moglie la casa gratuitamente.

Un’altra possibilità è quella di attribuire la casa alla moglie direttamente al momento della stipula della compravendita, attraverso una donazione indiretta, ponendo in essere un contratto a favore del terzo e cioè il marito si presenta davanti al Notaio insieme al venditore, paga il prezzo dell’acquisto ma la casa si trasferisce direttamente in favore della moglie.

È anche possibile che il coniuge decida di comprare la casa e poi lasciare che vada all’altro coniuge per successione, ad esempio, stabilendo nel proprio testamento pubblico che la proprietà della casa vada solo alla moglie, anche in questo caso l’acquisto avviene a titolo gratuito ma bisognerà aspettare l’apertura della successione.

In ultimo, è anche possibile che una volta comprata la casa, il marito decida di venderla alla moglie ponendo in essere un atto di compravendita immobiliare, solo che in tal caso, se si tratta di una prima casa, dovrà attendere i cinque anni dal rogito.

Comprare casa per poi donarla alla moglie dal Notaio: è possibile?

È bene precisare che la legge italiana non pone limiti alla possibilità del coniuge di comprare una casa per poi donarla all’altro coniuge, nello specifico non vi sono limiti temporali potendo effettuare la donazione sia contestualmente alla compravendita che prima dei cinque anni da rogito, in quanto non si tratta di vendita.

Tendenzialmente, chi compra casa con le agevolazioni fiscali non può rivenderla prima di cinque anni, ma può invece donarla senza il rischio di subire le sanzioni del Fisco.

Quanto costa comprare casa e poi intestarla alla moglie dal Notaio

A seconda dell’atto che si sceglie di stipulare per trasferire la casa alla moglie vi sono una serie di tasse e di imposte da corrispondere, oltre all’onorario del Notaio.

È bene precisare che nel caso in cui si decidesse di comprare la casa e contestualmente trasferirla alla moglie con una donazione indiretta, il costo è tendenzialmente inferiore rispetto all’ipotesi in cui si pongano in essere due atti uno di compravendita e uno di donazione.

La compravendita dal proprietario è soggetta all’imposta di registro al 2% se si tratta di prima casa e al 9% se si acquista come seconda casa, inoltre se la compravendita avviene direttamente dal costruttore è dovuta l’Iva che è al 4% in caso di prima casa, altrimenti al 10% o al 22%.

Se poi si decide di porre in essere una nuova compravendita nei confronti del coniuge per consentire il passaggio di proprietà sono dovute ulteriori imposte di registro, catastali ed ipotecarie.

A ciò va aggiunto l’onorario del Notaio, che varia da professionista a professionista oltreché a seconda del tipo di atto che si vuole porre in essere per intestare la casa alla moglie.

I vantaggi di intestare la casa alla moglie: la tutela dai creditori

Una delle motivazioni che determinano la scelta di comprare casa e poi intestarla alla moglie è la tutela dai creditori, facendo fuoriuscire il bene dal patrimonio del debitore non può più essere soggetto ad esecuzione forzata, rendendo il bene impignorabile.

È bene fare attenzione alla tutela che l’ordinamento offre ai creditori i quali, in caso di donazione dell’immobile alla moglie possono entro 5 anni chiederne la revoca attraverso l’azione revocatoria, a meno che il pignoramento non venga iscritto entro un anno dalla donazione, nel qual caso non occorre nemmeno la revocatoria per pignorare l’immobile.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio