inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Andrea A. Il notaio online è sicuramente una valida alternativa, ma lascia sempre qualche dubbio. Mi sono trovato bene ...
Enzo C. Preliminare.. Compromesso che fare? Registrarlo o andare direttamente all'atto. Ho fatto questa domanda nella ...
Tiziana V. Volevo capire quanto sono le tariffe notarili per il 2014 ma ho capito che le tariffe notarili non esistono pi ...
Jessica E. Volevo vendere la mia casa a un privato e concludere tale compravendita senza intermediari per risparmiare. Pe ...
Alessio C. NotaioFacile.it mi ha sorpreso, è davvero facile! Consulenza di un notaio veloce e diretta. Mi rivolgerò sic ...
Veronica B. Io e il mio marito stavamo cercando un notaio per la prima casa di nostro figlio, dato che, pur essendo ancora ...
Giacomo S. Sono Giacomo e dopo aver deciso di fare il grande passo con la mia ragazza, abbiamo prima deciso di andare a c ...
Rosario L. Grazie ho finalmente saputo quento mi costerà la Procura. ...
Giovanni La. Abito a Roma e per una compravendita negozio ho chiesto vari preventivi a notai della mia città. Il preventiv ...
Marzia S. Buongiorno volevo ringraziare sono stata contattata velocemente e in modo molto professionale dai Notai. Grazi ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Acquisto casa in città o in periferia: cosa conviene di più?

Acquisto casa in città o in periferia cosa conviene di più

Acquisto casa in città o in periferia: differenze

Quando si deve comprare una casa, la prima riflessione da fare riguarda il luogo in cui fare questo investimento. Se è vero che comunque una casa si può rivendere, per cui se non ci si trova bene si può sempre cambiare idea, generalmente l’acquisto di una casa è una decisione rilevante la quale comporta una serie di interrogativi ai quali rispondere. La scelta concerne sia il tipo di investimento che si vuole effettuare, quindi se la si acquista per abitarvi o meno, sia quanto si vuole risparmiare.

Le due tipologie di casa sono differenti anche dal punto di vista economico, hanno costi differenti per differenti motivazioni e quindi l’analisi coinvolge vari punti. Vediamo, in particolare, quali sono gli aspetti notarili da tenere in considerazione per fare la scelta giusta, in quanto può essere utile ottenere dei consigli dal Notaio anche prima di effettuare la scelta. Questi consigli riguardano la valutazione del diverso calcolo delle spese fiscali in relazione alla casa da acquistare.

Acquisto casa in città

Quando si pensa ad comprare una casa in città si fa riferimento ad una casa in pieno centro abitato, in centro città oppure in luogo più distaccato ma comunque in un luogo vicino ad altre case e servizi. Chiaramente la prima motivazione relativa ad una scelta del genere è di tipo personale: si sceglie di vivere in città per usufruire dei servizi in modo più rapido ed efficiente, per potere utilizzare mezzi di trasporto come la metro, per potere raggiungere più facilmente i luoghi di lavoro. Inoltre, potrebbe volersi acquistare questa casa per investimento, quindi per rivenderla o affittarla.

Se si volesse, invece, ragionare solo in termini pratici, quindi relativamente alle spese e agli aspetti tecnici dell’acquisto di questa casa, bisognerebbe indicare quanto segue. In città nella maggior parte dei casi si tratta di acquistare un appartamento, sebbene si possono trovare in grandi centro abitati anche case indipendenti. Prevalentemente, tuttavia, si tratta di appartamenti in palazzi più o meno grandi, di dimensioni varie, che comportano l’accettazione di una serie di regole di comunità che non sempre una casa più isolata comporta.

Cosa comporta acquistare in città?

Quando si decide di comprare un appartamento in città, spesso si deve fare i conti con un acquisto che è compreso in un complesso condominiale. Ciò comporta in primo luogo l’analisi delle convenzioni adottate dai condomini, mediante la lettura del regolamento di condominio. Acquistando un appartamento, infatti, si accetta automaticamente di far parte di quel determinato condominio, con tutto ciò che ne consegue. Bisogna adattarsi a condividere determinate cose, come spazi di accesso e luoghi all’aperto.

Tutto questo unito all’accettazione del rapporto di vicinato, con il quale la relazione è immediata e stretta per il maggior numero di densità abitativa in centro città. Da ciò deriva anche il rispetto di alcune norme di vicinato, quali appunto le distanze tra le costruzioni, le luci e le vedute. Di contro, una casa in città può rappresentare una metratura inferiore, che come vedremo determina una riduzione della rendita catastale, con conseguente risparmio sull’imposta.

Quali spese comporta un acquisto in città?

Spesso se si compra in città è necessario munirsi di un posto auto o di un garage. Per avere la possibilità di usufruire di ciò, ci si può riferire ai posti auto che vengono attribuiti secondo schemi prestabiliti ad ognuno dei condomini. In questo caso, la spesa non è a parte ma rientra nel costo dell’appartamento stesso. Non sempre, però,  l’appartamento è dotato di un posto auto, ragion per cui la cassa in città può comportare dei problemi aggiuntivi e relativi costi per quanto riguarda l’acquisto di un garage. Non è detto, ovviamente, che si debba utilizzare l’auto, quindi è una valutazione eventuale.

Le spese condominiali della casa in città

L’acquisto di un appartamento in città comporta l’impegno a pagare successivamente all’atto di vendita le spese condominiali ordinarie e su questo l’acquirente deve preventivamente informarsi. Oltre al pagamento delle spese ordinarie, spettano all’acquirente anche le spese straordinarie relativamente a lavori o progetti che sono stai già deliberati. Ciò in quanto si compone della titolarità delle c.d. parti comuni dell’edificio, tra cui il tetto, le scale, gli ascensori, la cui manutenzione ricade su tutti i condomini. Tutto ciò è ben diverso quando si pensa ad acquistare una casa non in centro città.

Acquisto casa in periferia

L’idea di comprare una casa in periferia, quindi fuori città, è legata ad una idea di vita più tranquilla, sempre generalmente parlando. È possibile, infatti, che anche in periferia si trovino case in comprensori più o meno densamente popolati, ma rispetto al centro città si trovano più case indipendenti, villette a schiera, o comunque villette bifamiliari.

La scelta anche in questo caso può essere dovuta a ragioni di tipo personale, lavorativo, ma anche economico. Fermo restando che una casa in periferia può essere più grande di un appartamento in città, questo comporta una rendita catastale differenti, con differente costo della stessa. Quindi in primo luogo, ciò che differisce è il prezzo di partenza ed è anche su questo aspetto che spesso la decisione si concentra.

Vantaggi della casa in periferia

Tra i vantaggi della casa in periferia vi è spesso la non necessità di sottostare a regole condominiali, nonché l’obbligo di condividere determinati spazi comuni con altri condomini, con ulteriore obbligo di pagarne le spese condominiali. Nella casa in periferia spesso si può usufruire di uno spazio per l’auto privato, di uno spazio antistante da utilizzare come giardino, nonché di un minor rapporto con vicini o comunque condomini di qualsivoglia tipo. Questo ovviamente può essere un vantaggio o meno a seconda dei punti di vista e di ciò che cerca una persona.

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio