inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Ilaria Di. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Rosanna C. Attualmente per questa prima fase non ho nulla da ridire tutto molto facile semplice e comprensivo ottimo sito ...
Diego N. Cercando un Notaio economico a Roma ho scoperto l'esistenza di NotaioFacile. Devo dire che MI SONO TROVATO BEN ...
Antonio L. Allora fonziona davvero!, scusate ma non pensavo che un servizio gratuito potesse esssere davvero operativo ed ...
Tommaso F. Cercavo il Notaio che costa meno in assoluto e senza capire che in effetti risparmiare 100 euro non cambia la ...
Valentina R. Mi sembra una buona idea dare un servizio on line, riduce e facilita i tempi, e spero anche i costi, grazie pe ...
Elena V. Sono Elena e ho cercato un notaio per acquisto di immobile al grezzo. Questo sito mi ha permesso di trovare un ...
Mauro F. Molto comodo, grazie a Notaiofacile ho trovato il Notaio velocemente e sono riuscito a rispettare i tempi del ...
Fabio R. La parcella di un notaio si paga "volentieri" solo se il notaio ha fatto un buon lavoro. Così ho chiesto dei ...
Silvio T. Buongiorno, io abito a Roma e grazie a NotaioFacile ho trovato uno Studio Notarile a Roma peraltro a meno di u ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Tariffe Notarili 2022

Tariffe Notarili 2022

tariffe notarili 2022 e spese per il rogito dal notaioQuando parliamo di tariffe notarili nel 2022 ci riferiamo a un concetto che tecnicamente non esiste più, in quanto le tariffe notarili definite da tabelle prestabilite sono state di fatto abrogate. Con il libero mercato, si è cercato di ampliare la libertà del professionista di definire volta per volta il quantitativo del proprio onorario, pur dovendo ragionevolmente mantenersi entro certi ranghi, talvolta in funzione ad alcuni parametri che valuteremo in questo articolo.

Anche se nel 2022 non vi sono più le tariffe notarili scritte, alcuni Notai basano le tariffe in funzione a parametri da loro definiti. Ciò vuol dire che potrebbe sussistere una differenza di onorario tra un Notaio e l’altro, ma sarebbe strano trovare una differenza abissale, non sarebbe coerente con i costi fissi che ogni professionista deve sostenere, oltre alla legge del libero mercato. Vediamo, quindi, nel dettaglio come può comporsi una tariffa notarile, ovvero l’onorario del Notaio.

La tariffa notarile in base al rogito

L’onorario del Notaio varia a seconda del tipo di atto da stipulare. Il Notaio è libero di definire la tariffa notarile anche in base al tempo che occorre per preparare un atto, ai controlli da effettuare e agli studi da fare. Non sempre ci si rivolge al Notaio per una semplice compravendita di una casa. In questo caso, a meno che non vi siano particolari problematiche, lo sviluppo della pratica è il medesimo e lo potrebbe essere anche la tariffa notarile. Qualora si debbano rogitare atti più complessi, magari in ambito societario o familiare, dove il Notaio deve effettuare più controlli, l’onorario può variare in aumento.

Il singolo Notaio però, potrebbe anche stabilire delle tariffe notarili minime per ogni atto, soggette poi a eventuali mutamenti a seconda delle situazioni, date anche ad esempio dagli spostamenti che il Notaio potrebbe dover fare per il rogito.

La tariffa notarile in base al valore dell’atto

Un criterio che potrebbe essere utilizzato è quello del valore dell’atto. Ad esempio, negli atti societari, l’onorario richiesto per la costituzione di una società potrebbe variare a seconda del valore del capitale sociale iniziale. Se si apre ad esempio una società per azioni con un capitale sociale di 100.000 euro, il valore della tariffa notarile tendenzialmente sarà più elevato rispetto alla costituzione di una srl con 10.000 euro di capitale sociale.

Anche negli atti traslativi tale onorario può variare in relazione al valore dell’atto, ancor di più se il Notaio è implicato nella gestione del corrispettivo. Si pensi, infatti, all’ipotesi in cui le parti chiedono al Notaio di trattenere in deposito il prezzo della vendita, e poi svincolarlo al verificarsi di certe condizioni.

Spese di gestione

Come ogni professionista nel libero mercato, anche il Notaio che è un pubblico ufficiale ha delle spese di gestione. Si tratta in primo luogo dell’IVA, che deve essere versata con cadenza annuale o semestrale. Inoltre, le spese di gestione comprendono quelle del personale, delle spese di tenuta dello studio e dei materiali necessari al suo funzionamento. Anche la grandezza e la collocazione dello studio spesso possono influenzare l’onorario, ricordando sempre che ciò può avvenire entro certi limiti.

Per quanto le spese possano essere diverse e per quanto le tariffe notarili nel 2022 siano state abrogate, il Notaio operando nel libero mercato, potrebbe non avere un onorario troppo distante da quello applicato dai propri colleghi.

2022 Costo notaio e tariffe notarili 

Tecnicamente quando parliamo di tariffa notarile nel 2022 ci riferiamo al costo del Notaio, ovvero al compenso che il professionista richiede per la sua prestazione. L’onorario, però, non è l’unica voce che compone il preventivo del notaio, per questo motivo è bene tenere a mente come preventivo e onorario non corrispondano.

Il preventivo che ci viene richiesto al momento della stipula di un rogito notarile è composto dall’onorario del Notaio e dalle spese fiscali che la parte deve pagare. Il Notaio è sostituto d’imposta, ovvero riceve le imposte dal contribuente per conto dello Stato. Facendo l’esempio della compravendita, il Notaio riceve dall’acquirente l’imposta di registro (spesso la voce più alta in un preventivo per l’acquisto di una casa) e provvede poi a versarla allo Stato.

Il preventivo notarile: come si compone?

Se il compenso richiesto dal professionista può variare come sopra descritto, il preventivo nel suo complesso si compone anche delle spese fiscali. Le imposte da pagare non sono liberamente determinabili ma sono stabilite dalla legge. Per questo motivo, il Notaio non può modificare di sua spontanea volontà le imposte, ovvero la restante parte del preventivo.

Queste imposte sono calcolate secondo criteri ben precisi, che ad esempio nel caso della compravendita, sono definite in base alla rendita catastale della casa da acquistare. Negli atti societari, si definiscono in base al valore dell’atto e al costo di registrazione dello stesso al Registro imprese e così via. Per il calcolo delle spese notarili è bene rivolgersi a un Notaio, in quanto come sopra visto non è sempre unitaria la definizione di un preventivo, ma dipende da molteplici fattori: alcuni di questi sono fissi (imposte), alcuni possono variare da Notaio a Notaio.

L’onorario del notaio e i costi per stipulare un atto 

Dato per certo il significato attribuito alle tariffe notarili del 2022, vediamo come si compone e perché può aumentare. Il professionista è libero di comporre la propria tariffa come meglio crede, anche a seconda della complessità dell’operazione. L’onorario si compone di alcuni costi da sostenere o meglio alcune voci di spesa che vengono anticipate dal Notaio e che sono necessarie per giungere al rogito, dopo aver effettuato i dovuti controlli.

Ad esempio, l’onorario può variare a seconda delle visure ipotecarie e catastali effettuate. Se la ricerca è più complessa e per ricostruire il ventennio occorre aprire più formalità, allora le visure costano di più, con il probabile aumento anche dell’onorario. Se al Notaio invece basta anche una sola visura per controllare, anche l’onorario potrebbe essere inferiore. Potrebbe anche essere inserito nella tariffa notarile la tassa Archivio notarile e l’IVA, che deve essere specificata. Ovviamente essa è pagata dal cliente ma al Notaio spetta specificare se quel preventivo comunicato sia compreso o meno.

Come risparmiare sulle tariffe notarili nel 2022

Come posso pagare meno il notaio? Posso risparmiare sulle tariffe notarili? Come mai il notaio costa così tanto?

Queste sono solo alcune delle domande poste da chi nel 2022 intende stipulare un atto dal notaio, anche se in molti casi si tratta di un rogito relativo all’acquisto prima casa con mutuo, non tutti richiedono preventivi ai notai in ambito immobiliare.

A prescindere dalla tipologia di atto che si intende stipulare, riflettere esclusivamente sul risparmio economico cercando il notaio che costa meno, non è sempre una scelta saggia. Ci si rivolge al notaio per questioni rilevanti che implicano moltissimi aspetti e ambiti spesso complessi, tecnici e sui quali raramente l’utente ha nozioni specifiche, certe e dettagliate.

Questo è un aspetto molto importante, sul quale è bene riflettere. Identificando una tipologia di atto rispetto ad un'altra, variano enormemente i costi da versare al notaio. Pensiamo ad esempio alla consistente differenza di imposte che si dovranno versare per l’acquisto di un immobile rispetto alla donazione dello stesso. Solo un professionista super partes e qualificato è in grado di spiegare dettagliatamente le differenze tra le diverse tipologie di atti, identificando i pro e i contro di ognuna per individuare la più adatta. Sottolineiamo la parola “Adatta” non la più economica.

Alla luce di questa riflessione cercare il notaio con l’onorario più basso diventa poco significativo, in quanto la voce di costo riferita alla tariffa notarile, anche se fosse superiore di qualche centinaio di euro rispetto ad un altro professionista, influirà solo marginalmente sul preventivo totale.

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Tariffe notarili 2020Tariffe notarili 2019Tariffe notarili 2018Tariffe notarili 2017Tariffe notarili 2021Tariffe notarili 2023
richiesta al notaio