inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Giuseppe B. Ho richiesto un preventivo per notaio per procura generale. Ho avuto dei valori e dei nomi a cui rivolgermi. ...
Davide M. Mi sono detto: voglio pagare poco il notaio, come faccio? Vado online! E grazie a questo sito sono riuscito a ...
Emma V. Il Notaio mi ha risposto poche ore dopo l'invio della richiesta, ho fissato un incontro e chiarito molti dubbi ...
Mattia G. Mia zia mi ha venduto una proprietà perché voglio costruire una nuova casa per me e la mia famiglia. La zia ...
Silvio T. Ottimo servizio ...
Ilaria Di. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Milano G. Ho scoperto questo servizio circa 10 minuti fa e penso che grazie al web un'altro muro è caduto. ...
Tommaso M. Sevizio Puntuale, professionale, Preciso e perfetto Grazie per l'eccellente servizio prestato mi. Se tutto i ...
Valeria F. Non ci credo ancora!! Finalmente ho parlato di persona con un Notaio. Ero stufa di sentire spiegazioni dall'ag ...
Sara S. Volevo confrontare i preventivi di un notaio con quelli che ha fornito il mio notaio di zona. Ho inviato i det ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Testamento o donazione sono giusti o è stato leso il legittimario

Notaio cosa fare se nel testamento o nella donazione è stata lesa la legittima

A che serve il calcolo della quota di legittima?

Il calcolo della quota di legittima serve per verificare se il legittimario sia stato eventualmente leso nei diritti a lui spettanti per legge, da un eventuale testamento pubblico o olografo lasciato dal defunto, o da donazioni effettuate in vita dallo stesso. Il legittimario potrebbe aver subito un pregiudizio e, come sancito dal codice civile, gli è riconosciuto il diritto di agire in giudizio, esperendo la cosiddetta azione di riduzione.

L’azione di riduzione è un’azione personale: ciascun legittimario agisce solo per la propria quota e non anche per gli altri legittimari eventualmente lesi e ha lo scopo di far dichiarare inefficaci nei suoi confronti le disposizioni testamentarie o le donazioni.

È necessario che le disposizioni lesive del legittimario siano valide ed efficaci, in quanto l’azione di riduzione non ha lo scopo di rendere nulla una disposizione, ma di renderla inefficace nei confronti del soggetto che agisce.

A che serve il calcolo della quota di legittima?

Il calcolo della quota di legittima serve per verificare se il legittimario sia stato eventualmente leso nei diritti a lui spettanti per legge, da un eventuale testamento pubblico o olografo lasciato dal defunto, o da donazioni effettuate in vita dallo stesso. Il legittimario potrebbe aver subito un pregiudizio e, come sancito dal codice civile, gli è riconosciuto il diritto di agire in giudizio, esperendo la cosiddetta azione di riduzione.

L’azione di riduzione è un’azione personale: ciascun legittimario agisce solo per la propria quota e non anche per gli altri legittimari eventualmente lesi e ha lo scopo di far dichiarare inefficaci nei suoi confronti le disposizioni testamentarie o le donazioni.

È necessario che le disposizioni lesive del legittimario siano valide ed efficaci, in quanto l’azione di riduzione non ha lo scopo di rendere nulla una disposizione, ma di renderla inefficace nei confronti del soggetto che agisce.

Qualche informazione sui legittimari

I legittimari, anche definiti riservatari o eredi necessari, sono dei soggetti a cui la legge riserva particolari diritti. Il legislatore ha voluto dare rilievo al vincolo familiare particolarmente intenso che li lega al defunto. Essi sono:

  • i figli e in assenza di essi, gli ascendenti del defunto.
  • il coniuge legittimo, in assenza di questi, il coniuge putativo.

Ai legittimari, spetta una quota sull’eredità, definita quota di legittima, ai sensi dell’art.536 c.c. e seguenti.

Esiste un atto notarile che riconosce i diritti di legittima?

Al pari dell’azione di riduzione è possibile ottenere il medesimo risultato (in via stragiudiziale) mediante un atto stipulato dinanzi al notaio, definito accordo di reintegrazione della legittima. L’accordo di reintegrazione della legittima ha la finalità di tacitare e riconoscere i diritti dei legittimari e può assumere diverse forme a seconda della volontà del legittimario leso e dei beneficiari del testamento o delle donazioni.

Le possibili soluzioni sono le seguenti:

  • Transazione, mediante reciproche concessioni tra il legittimario e il soggetto beneficiario del testamento
  • Rinuncia all’azione di riduzione da parte del legittimario dietro corrispettivo in denaro da parte del beneficiario del testamento
  • Accordo puro di reintegrazione della legittima che necessita del calcolo della quota di legittima

Come avviene il calcolo della quota di legittima

Il calcolo della quota di legittima avviene mediante un’operazione contabile, definita riunione fittizia.

Il ruolo del notaio è di fondamentale importanza, in quanto l’operazione richiede la conoscenza da parte dell’operatore giuridico della situazione patrimoniale e delle eventuali donazioni stipulate in vita da parte del defunto che, il notaio in qualità di pubblico ufficiale, può verificare attraverso i controlli tipici presso i Registri immobiliari (visure ipocatastali).

Ai fini del calcolo, bisogna considerarsi:

  • La formazione della massa dei beni del testatore (relictum)
  • La detrazione dei debiti
  • La riunione fittizia delle donazioni

Cosa si intende per massa dei beni del testatore

Per la formazione della massa dei beni del testatore, si intende l’individuazione dei beni appartenenti al defunto. Il calcolo del loro valore deve avvenire al momento della morte del titolare, ossia al momento dell’apertura della successione.

Ai fini di una migliore comprensione della composizione del patrimonio, è necessario precisare ciò che non deve essere calcolato:

  • I frutti naturali non ancora percepiti (ad esempio i frutti degli alberi)
  • I frutti civili non ancora maturati (gli interessi sui capitali e ogni tipo di rendita)
  • I diritti patrimoniali che si estinguono per effetto della morte (si pensi ai diritti reali di godimento su cosa altrui caratterizzati dalla temporaneità, quali usufrutto, uso e abitazione)
  • I diritti per i quali il legislatore prevede una successione anomala (si pensi al diritto spettante al figlio non riconoscibile nato fuori dal matrimonio di percepire l’assegno vitalizio)
  • Il diritto al risarcimento del danno

Quali sono i debiti da detrarre

La detrazione dei debiti ereditari non determina una modifica dei soggetti che sono tenuti a pagarli secondo la volontà del testatore o secondo quanto stabilito dalla legge: ciò deriva dal fatto che quest’operazione è puramente contabile - matematica.

I debiti da considerarsi, ai fini del calcolo della quota di legittima, non sono soltanto quelli contratti dal defunto in vita, ma sono anche quelli che attengono alla successione. Ad esempio, sono da computarsi le spese di pubblicazione del testamento olografo o segreto, le spese relative alla sepoltura, così come ogni altra spesa attinente alla apertura della successione.

Può accadere che il testatore abbia accumulato in vita solo debiti e non abbia alcun bene nel proprio patrimonio, il cui valore è pari a zero. In tal caso, la quota di legittima potrà ugualmente essere calcolata, il legittimario avrà comunque diritto a quanto gli spetta per legge. La base di calcolo avverrà sulle donazioni effettuate in vita dal defunto e non sul patrimonio che è inesistente.

La massa riunita potrebbe ugualmente avere un valore di segno positivo e non negativo, anche se i debiti superano il valore dell’attivo.

Quali sono le donazioni da considerare: la riunione fittizia

Sono oggetto di calcolo e, dunque soggette a riunione fittizia, tutte le donazioni che il defunto ha effettuato in vita in favore di qualsiasi soggetto, non solo in favore dei familiari.

Essendo un’operazione contabile, i beni oggetto di donazione non verranno restituiti al legittimario in caso di lesione dei suoi diritti: sarà sempre necessario agire in giudizio con un’azione di riduzione. Solo se l’azione di riduzione andrà a buon fine e si accerterà la lesione, si potrà chiedere la restituzione dei beni.

Può accadere che la donazione fatta dal testatore in vita sia stata effettuata con dispensa da imputazione. La dispensa da imputazione è una particolare clausola che si inserisce nel contratto, che ha solo lo scopo di consentire di ottenere la donazione in più, rispetto alla quota di legittima spettante per legge. In questo caso, quindi, la dispensa, non acquisirebbe alcun rilievo, essendo un’operazione solo contabile.

Se la donazione è stata risolta, dunque sciolta, e il bene è tornato in proprietà del donante con atto pubblico notarile, questa non sarà conteggiata nel calcolo, in quanto è stata ripristinata la situazione precedente.

Condividi questo articolo

Autore: Redazione NF questo articolo è stato realizzato con cura e attenzione da un essere umano ed è coperto dal diritto d'autore.
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio