inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Giovanni La. Abito a Roma e per una compravendita negozio ho chiesto vari preventivi a notai della mia città. Il preventiv ...
Luca C. Ho trovato davvero utile il vostro servizio, complimenti. ...
Lorenzo F. Un notaio gratis non esiste! Ma NotaioFacile.it mi ha fornito una grande consulenza! ...
Antonio N. Grazie per la possibilità che mi avete dato di poter fissare un appuntamento con il notaio. Dopo l'incontro h ...
Emma V. Il Notaio mi ha risposto poche ore dopo l'invio della richiesta, ho fissato un incontro e chiarito molti dubbi ...
Paolo G. Complimenti... Grazie a voi ho trovato notai competenti, seri veloci nel fare risposte ed ho anche risparmiato ...
Marco E. Ho consultato questo sito per trovare il minor costo per il notaio, effettivamente c'è differenza tra i notai ...
Andrea A. Il notaio online è sicuramente una valida alternativa, ma lascia sempre qualche dubbio. Mi sono trovato bene ...
Manica D. Ero alla ricerca di uno studio notarile a Milano. Ho inviato la richiesta e poco dopo mi hanno chiamato due No ...
Marzia S. Buongiorno volevo ringraziare sono stata contattata velocemente e in modo molto professionale dai Notai. Grazi ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Sparazione negoziale assistita: Il Notaio deve autenticare l’accordo di separazione personale dei coniugi

Cos’è la separazione coniugale negozialmente assistita?

La separazione negozialmente assistita è un tipo di separazione tra coniugi prevista dall’articolo 6 del Decreto Legge n. 132 del 2014. Essa permette ai coniugi di separarsi consensualmente senza ricorrere in tribunale ma con l’assistenza di professionisti legali. In particolare, la legge prevede che entrambi i coniugi vengano assistiti necessariamente da almeno un avvocato per parte, sia nella fase della negoziazione sia nella redazione dell’accordo di separazione, ed il coinvolgimento del Procuratore della Repubblica per l’autorizzazione dell’accordo dopo la sua stipulazione. Infatti al termine della negoziazione tra i coniugi, opportunamente assistiti dal proprio legale, viene redatto un accordo negoziale di separazione sottoscritto dalle parti. Firmando tale accordo i coniugi si separano e sciolgono gli effetti della loro unione civile o matrimoniale.

L’oggetto dell’accordo è la regolamentazione dei beni dei coniugi caduti in comunione. Attraverso l’accordo che hanno stipulato, i coniugi disciplinano le sorti dei beni che prima appartenevano ad entrambi e stabiliscono quindi il modo in cui questi devono essere suddivisi e ripartiti tra di loro. Decidono in modo definitivo a chi va un oggetto e a chi un altro, oppure come attribuirne l’uso. I beni che possono essere oggetto dell’accordo potrebbero consistere in beni mobili, come una macchina, in una o più società ma anche in beni immobili, come una casa o un terreno.

Proprio quando l’accordo prevede il trasferimento di diritti immobiliari da un coniuge all’altro, come una quota di proprietà, allora sarà necessario l’intervento del Notaio. È bene però chiarire, prima di analizzare il ruolo del Notaio nella separazione negoziale assistita, che tale procedimento può essere attuato soltanto nei casi in cui non vi siano dei figli minori oppure dei figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ai sensi dell'articolo 3 co. 3 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero figli economicamente non autosufficienti.

Quando serve l’intervento del Notaio?

Nei casi previsti dalla legge la coppia può pertanto ricorrere allo strumento della negoziazione assistita, così da poter accelerare le tempistiche della separazione senza dover attuare una procedura giudiziale. L’autentica dell’accordo di separazione da parte del Notaio è prevista perché è necessaria per la trascrizione dell’accordo stesso. La trascrizione è obbligatoria a pena di nullità per ogni atto che comporta il trasferimento o la costituzione di diritti immobiliari. L’intervento del Notaio sarebbe quindi necessario nei casi in cui i coniugi decidessero di attribuire la casa ad uno solo tra loro, o di dividere un immobile o un terreno in parti non uguali, oppure anche nel caso in cui venisse costituito un diritto immobiliare, come per esempio un diritto di abitazione o di usufrutto sulla casa al mare. Tutti questi sono solo dei possibili esempi ed è quindi consigliabile chiedere sempre la consulenza di un Notaio per i casi specifici. Ogni qualvolta il Notaio riceve un atto relativo a beni immobili, egli ne deve attestare la coerenza dei dati catastali con le risultanze dei registri immobiliari e con lo stato dell’immobile e deve altresì provvedere ai doveri a lui imposti dalla legge. Anche all’accordo di separazione si applica quindi la disciplina prevista per qualsiasi atto di trasferimento di diritti immobiliari, compresa quella relativa all’allineamento catastale.

Qual è il ruolo del Notaio nella separazione negozialmente assistita?

Il ruolo del professionista notarile è previsto innanzitutto per l’autentica dell’accordo di separazione che i coniugi hanno perfezionato. Tuttavia il Notaio potrebbe comunque essere consultato anche in una fase precedente rispetto alla stipulazione dell’accordo. La consulenza notarile infatti potrebbe essere utile per ricevere degli utili consigli su come poter dividere il patrimonio rientrante nella comunione coniugale, per controllare che determinati trasferimenti siano possibili nonché per indicare il miglior modo per soddisfare le richieste di entrambi i coniugi.

Le parti quindi potrebbero rivolgersi al Notaio in qualsiasi momento della negoziazione, anche utilizzando la possibilità di contatto diretto in tutta Italia con i Notai messa a disposizione da questa piattaforma e dovrebbero ad ogni modo richiedere l’autenticazione dell’accordo di separazione al Notaio. Difatti anche la Corte di Cassazione ha precisato che l’assistenza legale degli avvocati non potrebbe essere sufficiente quando sono coinvolti dei beni immobili. Il motivo per cui è prevista l’autentica del Notaio è infatti quella di adempiere alla funzione di trascrizione nei registri pubblici immobiliari e quella del Notaio è la sola figura professionale che ha il ruolo di depositario degli atti per conto dello Stato, che può effettuare i controlli i documentali e di legalità sull’atto ed, inoltre, che può procedere in tal caso alla regolare trascrizione dell’accordo di separazione personale tra i coniugi.

Quale tipo di autentica deve fare il Notaio?

Ai fini dell’autentica notarile dell’accordo di separazione prevista dalla legge sulla separazione negozialmente assistita è di fondamentale importanza per i coniugi sapere che non basterebbe un’autentica minore. La cosiddetta autentica minore è un’attività lecita prevista per molti tipi di atti ed è sufficiente in alcuni casi di scrittura privata autenticata, ma non per il caso in esame. Attraverso l’autentica minore verrebbe infatti meramente certificata l’autenticità delle firme apposte alla fine dell’accordo di separazione, senza alcun controllo sugli altri aspetti dello stesso. La legge invece ha previsto l’intervento del Notaio proprio per dare una maggiore certezza e garanzia all’atto, alla stregua di qualsiasi altro atto di trasferimento immobiliare. Pertanto sarebbe necessaria un’autentica formale dell’accordo derivante dalla separazione negozialmente assistita.  Quest’ultima consiste in un’attività più ampia poiché risulterebbe dall’insieme di vari passaggi ed, in particolare, dalle seguenti importanti operazioni che sarebbero eseguite da parte del Notaio:

  • Il controllo di legalità, tale controllo è previsto dall’articolo 28 della legge notarile e pone in capo al Notaio il dovere di verificare che l’atto rispetti la legge sia a livello contenutistico sia in merito ai requisiti formali;
  • L’iscrizione dell’atto a repertorio e la sua conservazione a raccolta;
  • La trascrizione della procedura di negoziazione assistita.

Solo successivamente all’effettuazione della trascrizione, compiute tutte le fasi necessarie, l’accordo di separazione negozialmente assistita avrà effetto. Il requisito di rivolgersi al Notaio è quindi di estrema importanza per la validità dell’accordo e perché possano essere prodotti gli effetti dell’accordo stipulato.

richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
richiesta al notaio