inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Valentina L. Sono arrivata sul sito NotaioFacile.it per caso, dato che stavo cercando i costi di un notaio a Perugia per ac ...
Mauro F. Molto comodo, grazie a Notaiofacile ho trovato il Notaio velocemente e sono riuscito a rispettare i tempi del ...
Piarangelo T. Tac! Cercavo il Notaio e lo ho trovato dopo 2 ore.. Ottimo ...
Giada R. Una consulenza notarile online mi sembrava molto strana ed in più gratuita… In effetti inviando la richiest ...
Michele G. Domanda in ambito Notarile: Il Notaio mi ha risposto 2 ore dopo. Eccezionale! Vi ringrazio per la risposta ch ...
Veronica B. Io e il mio marito stavamo cercando un notaio per la prima casa di nostro figlio, dato che, pur essendo ancora ...
Giulio V. Cerco un notaio per la donazione di un immobile a mia nipote che si sposa. Lei non lo sa e vorrei farle una so ...
Claudio E. Volevo ringraziarvi perché ho ricevuto finalmente! Un Preventivo Notarile Analitico, con tutte le voci dei co ...
Nunzia G. Non avevo idea di quanto fosse la parcella del Notaio, grazie al sito ho ricevuto i preventivi ed ora so final ...
Giovanni La. Abito a Roma e per una compravendita negozio ho chiesto vari preventivi a notai della mia città. Il preventiv ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Divisione ereditaria con conguaglio dal Notaio

La divisione ereditaria: cenni generali

Divisione ereditaria con conguaglio dal NotaioLa divisione ereditaria è un insieme di operazioni giuridiche, finalizzate allo scioglimento della comunione ereditaria, mediante l’assegnazione di porzioni a ciascuno dei condividenti di valori che corrispondano alle quote loro spettanti sui beni comuni. Gli elementi caratteristici sono due:

  • Lo scioglimento della comunione
  • L’attribuzione ai condividenti di beni proporzionali alla quota a cui hanno diritto.

La divisione ereditaria: quando andare dal notaio

Non sempre è necessario andare dal notaio per effettuare una divisione ereditaria. Infatti, può accadere che il defunto abbia lasciato un testamento pubblico, olografo, segreto, speciale o internazionale, con cui abbia disposto del proprio patrimonio per il tempo in cui avrà cessato di vivere assegnando tutti i suoi beni immobili, mobili, crediti.

In questo caso non sorge al momento della sua morte la comunione ereditaria, ma i beni vengono divisi secondo la volontà del testatore, bastando un atto di accettazione dell’eredità.

Sarà necessario andare dal notaio quando il patrimonio lasciato dal defunto non sia stato interamente disciplinato e assegnato, per poter procedere a una divisione consensuale ereditaria.

Nel caso in cui, invece, i coeredi, siano in contrasto tra di loro e non riescano a raggiungere un accordo, è necessario rivolgersi a un’autorità giudiziaria ossia al giudice del tribunale del luogo ove si è aperta la successione. Con sentenza il giudice stabilirà come sarà ripartito il patrimonio ereditario.

Quando bisogna ricorrere al conguaglio?

La divisione può essere con conguaglio o senza conguaglio. Il conguaglio ricorre nel momento in cui emerga una differenza tra il valore della porzione spettante a un coerede rispetto a quello a cui ha diritto.

Si pensi al caso in cui a uno dei tre condividenti sia assegnato un bene immobile non divisibile il cui valore è superiore alla quota di diritto a lui spettante. Quest’ultimo sarà tenuto a dover corrispondere una somma di denaro agli altri condividenti per pareggiare i conti e ristabilire le proporzioni.

Cosa si intende per conguaglio

Il conguaglio viene definito come lo strumento perequativo per eccellenza. Cosa vuol dire ciò? Vuol dire che in caso di sproporzioni nelle assegnazioni ereditarie, coloro che hanno ricevuto di più dovranno corrispondere una somma di denaro in favore di chi ha ricevuto di meno. Il conguaglio ha lo scopo di compensare le differenze sorte per l’assegnazione in natura di determinati beni con un equivalente in denaro.

Quanto costa una divisione ereditaria?

Prima di comprendere quali siano i costi da affrontare in relazione alle imposte e alle atre spese notarili, è necessario precisare che il costo varia se la divisione preveda o meno un conguaglio. Esistono delle differenze in quanto se il conguaglio è estremamente elevato sarà scontato come una vendita. Vediamo quali sono le differenze.

Quali sono le differenze di costi con la divisione senza conguaglio?

La divisione senza previsione di conguaglio, con assegnazione dei beni ereditari proporzionali al valore della quota di diritto, prevede il pagamento di un’imposta ipotecaria pari a euro 200, un’imposta catastale di euro 200, tasse ipotecarie e bollo. L’imposta di registro sarà pari all’1%.

Come viene calcolato il valore?

L’aliquota pari all’1% deve considerarsi sul valore dell’intera massa ereditaria oggetto di divisione.

I passaggi da considerarsi sono i seguenti:

  • In un primo momento si individua il patrimonio ereditario (ossia l’attivo, non i debiti) applicando le norme dell’imposta di successione
  • Successivamente si considerano i valori al momento della divisione determinandosi quindi la massa comune. 
richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Divisione eredità con sorteggioDividere immobile tra fratelliRisparmiare sulla divisioneDivisione eredità nascituroDivisione eredità beni ipotecatiUnico atto più beni
richiesta al notaio