inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Nicola T. Dato che mia moglie ha ereditato un terreno, stavo cercando su Google come trovare un notaio adatto a questo t ...
Paolo M. Ho contattato il Notaio con NotaioFacile e devo proprio dire che è stato davvero Facile! Bravi. Un gran bel s ...
Piero O. Comprare la casa stava diventando un impresa difficilissima, tra la banca che ci ha messo 3 mesi per concederm ...
Alberto A. Se ricorrete a un notaio, attenti alle tariffe e esigete la trasparenza. Attenzione, perché non sempre il pro ...
Enrico M. Come da oggetto. Sito molto utile e di semplice utilizzo. Complimenti. Enrico M. Inviato da iPad ...
Fabio R. La parcella di un notaio si paga "volentieri" solo se il notaio ha fatto un buon lavoro. Così ho chiesto dei ...
Monica S. Ottimo Sito! Compimenti Monica S. ...
Giovanni R. Cercando informazioni per una cessione di quote ho trovato questo sito e subito dopo aver inviato la richiesta ...
Simone La. Dopo la morte di mio padre io e i miei fratelli ci siamo trovati in difficoltà a gestire tutte le pratiche pe ...
Ezio L. Grazie Notaio Facile!!! Consiglio a tutti di utilizzare questo servizio è un esempio di come anche in Italia ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Il notaio può aiutare a regolare la successione ereditaria dei beni digitali come la password?

Eredità digitale: Si può andare dal notaio e disporre per testamento delle proprie password?

eredità digitale notaio dati e passwordAl giorno d’oggi il patrimonio di una persona è composto da beni materiali, immobili e mobili, nonché da beni e diritti digitali. La questione dell’accesso ai dati digitali riveste una forte rilevanza in caso di morte del proprietario in quanto, senza una precisa disposizione e conoscenza delle credenziali di accesso (password), i dati rischiano di restare inaccessibili agli eredi. È quindi interesse sempre più pregnante per un soggetto regolare la sorte di questi beni per il tempo in cui avrà cessato di vivere, disponendo per testamento pubblico, con l’assistenza del notaio, dei beni sopra descritti. Le ipotesi che possono delinearsi sono diverse e provvederemo ad analizzarle nel seguito.

Cosa sono i beni digitali?

Quando parliamo di beni digitali, facciamo riferimento a due categorie di beni:

  • Beni digitali di tipo patrimoniale, ovvero contenuti digitali che possono garantire agli eredi un vantaggio di tipo economico, perché espressione di una attività professionale del titolare (dati relativi all’impresa, investimenti, criptovalute)
  • Beni digitali di tipo non patrimoniale, ovvero l’insieme di contenuti riferiti alla sfera privata del soggetto, quali foto, video, documenti personali, lettere e simili.

Il ruolo delle credenziali di accesso ai dati digitali

Il principale problema che si riscontra al momento dell’apertura della successione è quello della presa di possesso dei beni che facevano parte del patrimonio del defunto. Per entrare in possesso di quasi tutti i beni digitali, occorrono delle credenziali. Si pensi al codice di accesso ad una cassetta di sicurezza, al pin del conto corrente, al pin per l’accesso allo smartphone o ad altri dispositivi di questo tipo, alla password per accedere a Facebook, Instagram o altri social network o, infine, alla password dell’email.

Le password svolgono una doppia funzione:

  • Sono credenziali di autenticazione, consentendo di identificare il soggetto che accede come colui che ne è titolare;
  • Sono chiavi di accesso allo spazio digitale da esse protetto.

Quali sono le conseguenze nel caso in cui il soggetto titolare non disponga per testamento dal notaio delle proprie password o credenziali?

Il contenuto del server è destinato a rimanere per sempre nascosto o, in alternativa, in relazione al mancato utilizzo, il gestore del provider, a seconda della disciplina che lo regola, può decidere di distruggerne il contenuto.

La gestione delle password e l’assistenza del notaio

Posso incaricare un soggetto di mia fiducia a gestire le mie password dopo la mia morte? 

Sì, è possibile dare mandato ad una persona di fiducia mediante un contratto sottoscritto anche dal Notaio, con il quale si comunicano a questo soggetto le proprie credenziali, affinché alla propria morte le gestisca e consenta l’accesso degli eredi ai dati digitali.

Questa persona di fiducia può essere uno dei miei eredi o deve essere necessariamente un estraneo?

Può essere anche uno degli eredi, purché sia una persona di fiducia che possa svolgere questo compito materiale nel migliore dei modi.

È possibile che il gestore del provider impedisca la trasmissibilità delle credenziali?

Sì è possibile, per questo il Notaio avrà cura di verificare le condizioni contrattuali sottoscritte dall’utente al momento della conclusione del contratto di utilizzazione del servizio, per verificare che non preveda alcuna clausola di in trasmissibilità agli eredi.

Come posso disporre di queste password per testamento?

È possibile recarsi dal Notaio affinché questi riceva un testamento pubblico che contenga un legato di password, ovvero una disposizione testamentaria con la quale si attribuisce ad un determinato soggetto o più soggetti la propria credenziale.

QUANDO DISPONGO PER TESTAMENTO DELLE MIE PASSWORD, COSA STO LASCIANDO AI MIEI EREDI?

Quando si redige un testamento pubblico che contenga un legato di password, occorre chiedersi quale sia l’oggetto di questa disposizione. Cosa viene lasciato agli eredi?

Il contenuto di questa disposizione può essere diverso a seconda che si voglia lasciare solo la chiave di accesso oppure anche il contenuto a cui la stessa consente di accedere.

Esempio n.1: Tizio ha un conto online. Lascia la propria credenziale di accesso al figlio Caio, il quale alla morte del padre accederà al conto, rinvenendo 10.000 euro. Tizio nel testamento deve specificare se intende lasciare a Caio solo la credenziale di accesso, perché lo ritiene idoneo al compito di preservarla e consentire l’accesso al conto, oppure se intende lasciargli anche la somma rinvenuta.

Esempio n.2 Tizio ha scritto un manoscritto inedito. Lascia per testamento al proprio figlio Caio la credenziale di accesso alla cartella che lo contiene, con il compito di accedervi per pubblicarla. Tizio nel testamento deve specificare se intende incaricarlo solo di questo compito o se, invece, intende anche attribuirgli i diritti di utilizzazione economica derivanti dalla pubblicazione.

In questo contesto è di particolare rilevanza il ruolo del Notaio, il quale avrà cura di indagare la volontà del testatore, per comprendere come intenda gestire i propri dati digitali per il tempo in cui avrà cessato di vivere. Tra le varie tecniche testamentarie, si può fare altresì luogo alla nomina di un esecutore testamentario. Si tratta di un soggetto scelto dal testatore, al quale viene attribuito il compito di dare esecuzione alle disposizioni contenute nel testamento.

QUALI SONO I LIMITI CHE INCONTRA IL TITOLARE NELLA GESTIONE DELLE PROPRIE CREDENZIALI?

Vi sono dei limiti relativi alla tipologia di server a cui il soggetto può accedere e che, per le particolari caratteristiche, non possono essere liberamente lasciate per testamento agli eredi.

Tali disposizioni, infatti, devono avere il carattere della liceità.  

Vediamo, dunque, alcune ipotesi di questo tipo.

Posso disporre per testamento delle credenziali di accesso alla mia firma digitale?

No, si tratta di dati personali che certificano l’identità del titolare sottoscrivente.

Cosa posso fare per disporre di credenziali particolarmente riservate senza che il Notaio e i testimoni ne vengano a conoscenza?

  • È possibile ricorrere al testamento segreto;
  • È possibile depositare le password in un luogo determinato, riferendosi nel testamento a “le password contenute in quel luogo”
  • È possibile consegnare le password in deposito al Notaio un plico sigillato.
richiesta preventivo notaio online
Le informazioni riportate in questo articolo sono a carattere generico e non possono essere considerate documenti ufficiali, così come non possono in alcun modo sostituire il parere di un professionista. Per gli stessi motivi Easy Web Service Srl non risponde in alcun modo della correttezza di quanto riportato, così come dell’aggiornamento dei contenuti, in quanto argomenti suscettibili di modifiche nel tempo. EWS invita pertanto gli utenti a consultare direttamente un notaio per avere informazioni aggiornate, certe e conformi al proprio caso specifico.
Potrebbe interessarti:
richiesta al notaio