inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Kevin J. Tks for your service, I live in London and I bought a vacation home in Italy. Your Notary has been very seriou ...
Riccardo F. Ho visto il sito e ho notato che i notai si occupano di moltissime attività. Dato che avrei bisogno della con ...
Nunzia G. Non avevo idea di quanto fosse la parcella del Notaio, grazie al sito ho ricevuto i preventivi ed ora so final ...
Antonio L. Allora fonziona davvero!, scusate ma non pensavo che un servizio gratuito potesse esssere davvero operativo ed ...
Jessica E. Volevo vendere la mia casa a un privato e concludere tale compravendita senza intermediari per risparmiare. Pe ...
Francesco N. Io e il mio ragazzo vogliamo sposarci e metter su casa. Però non abbiamo grosse disponibilità economiche e c ...
Renato C. Se la risposta arriva celermente il servizio è ottimo, grazie ...
Davide D.L. Mi chiedevo se esistono gia le tariffe notarili del 2015. in effetti ho visto che non ci sono piu le tariffe e ...
Andrea A. Il notaio online è sicuramente una valida alternativa, ma lascia sempre qualche dubbio. Mi sono trovato bene ...
Matteo V. Cercavo online un notaio per la compravendita e grazie a questo sito ho potuto scegliere tra diversi notai a N ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Cosa comporta comprare la seconda casa

Cosa sapere per comprare la seconda casa dal notaio e quali sono le conseguenze dell'acquisto

Cosa comporta comprare una seconda casaQuando si compra una casa è necessario sapere sin dall’inizio che si dovranno affrontare differenti spese che vengono sintetizzate in una cifra complessiva richiedendo un preventivo al notaio. Nel preventivo redatto dal pubblico ufficiale sono inglobate diverse voci, infatti non solo le imposte dirette e indirette e le tasse, ma anche l’onorario notarile e tutti i costi relativi agli adempimenti per stipula che sono stati effettuati dal notaio per controllare la casa.

Quando si compra la prima casa, al ricorrere di specifici presupposti indicati dalla legge, che verificherà il notaio, sarà possibile risparmiare, mentre per l’acquisto di una seconda casa è necessario sapere che i costi saranno più elevati.

Cosa fare prima del rogito

Prima di decidere di comprare una casa si consiglia sempre una consulenza notarile, ancor prima di firmare una proposta di acquisto o un compromesso, in quanto potrebbero esservi dei problemi legati all’abitazione tali da non essere subito individuati, ma che solo un esperto del settore specializzato come il notaio è in grado di scoprire.

Il notaio infatti prima del rogito notarile provvede a una serie di controlli che riguardano le parti (ad esempio verifica se chi compra casa ne abbia già intestata una) e la casa (verificare se vi sono ipoteche, abusi edilizi e se la planimetria che raffigura la casa sia conforma allo stato in cui si trova). Tali verifiche sono di primaria importanza per consentire a chi compra casa di procedere sereno e spedito nell’acquisto.

Chi sceglie il notaio

Così come quando si compra la prima casa, anche per la seconda casa, sebbene non vi sia una legge che lo imponga, la parte che compra è colei che sceglie il notaio. Si tratta di una prassi notarile consolidata in quanto sarà proprio l’acquirente a dover pagare il prezzo concordato, ma anche a sostenere tutte le spese del rogito notarile (tasse, imposte, onorario notarile). Quindi l’usanza rimane la stessa e non si pone alcuna differenza solo perché si stia comprando una seconda casa.

Fissare un budget per comprare casa

Siccome i costi per comprare una seconda casa possono essere elevati, rispetto a quando si compra la prima, è opportuno stabilire un budget prima di compiere un passo così importante. Spesso accade che non si abbia la necessaria somma di denaro e si debba ricorrere a un mutuo, ossia a un prestito presso un istituto di credito o una Banca. In questi casi quindi bisognerà tenere in conto anche delle spese per il mutuo ella concessione di ipoteca a garanzia della restituzione dei soldi dati in prestito e quindi anche del relativo rogito notarile.

Quali tasse pagare per la seconda casa

Quando si compra la seconda casa in sede di rogito bisognerà affrontare delle imposte che purtroppo sono più alte dell’acquisto prima casa. La regola generale se si acquista da impresa è che la cessione sia esente da Iva. In questo caso quindi si pagherà l’imposta di registro in misura proporzionale del 9%, l’imposta ipotecaria fissa per euro 50 e l’imposta catastale, anch’essa fissa, per euro 50. Nel caso in cui sia dovuta l’iva, comprando da un’impresa, l’acquirente dovrà pagare: l’imposta di registro fissa di 200 euro, l’imposta ipotecaria fissa di 200 euro, l’imposta catastale fissa di 200 euro.

Per quanto riguarda l’Iva sarà al 10% nel caso si tratti di abitazioni anche in corso di costruzione, non ultimate, mentre sarà al 22% per gli immobili di lusso, castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici, abitazioni in ville e di tipo signorile.

Tasse per mantenere la seconda casa

Quando si compra una seconda casa oltre alle tasse che devono essere pagate in sede di rogito notarile, bisogna tenere in considerazione le tasse da pagare nel corso degli anni per il mantenimento della seconda casa.

Infatti appartengono a questa categoria l’IMU e la TASI ed entrambe si pagano generalmente annualmente. Quando si parla di IMU si intende l’imposta municipale unica, chiamata anche imposta municipale propria, che ha natura patrimoniale il cui presupposto per il pagamento consiste nell’essere in possesso o in proprietà della casa.

È un tipo di tassa che ha subito numerose evoluzioni nel corso degli anni per questo è sempre utile richiedere una consulenza per restare sempre aggiornati prima di contemplarla tra le spese da sostenere. Attualmente l’Imu non viene pagato sulla prima casa, ad eccezione delle case di lusso, delle abitazioni in villa, di tipo signorile e castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici.

La TASI, invece, viene pagata al Comune per i servizi pubblici resi. È stata introdotta dal 2014 e, insieme all’Imu e alla Tari, costituisce l’Imposta Unica Comunale.

Proprio perché si tratta di una tassa comunale non è prevista un’aliquota unica, ma questa viene modificata in modo progressivo e ogni Comune può decidere di variarla, azzerarla o innalzarla.

Variazioni tasse in caso di locazione

Le tasse che attengono alla seconda casa possono variare se questa viene concessa in locazione. Bisogna però distinguere tra l’IMU e la TASI. L’Imu deve essere pagata dal proprietario della casa (anche se concessa in locazione) e quindi tendenzialmente non varia, la Tasi può essere ridotta e al proprietario spetta una percentuale che va dal 70% al 90%, a seconda di quanto abbia stabilito il Comune in cui si trova la casa. Il conduttore sarà tenuto a pagare la restante parte a meno che non si tratti dell’abitazione principale. Il valore di queste due tasse può variare a seconda in caso di canone concordato.

Perché è importante la consulenza notarile

Prima di decidere di comprare casa, in particolare la seconda perché richiede dei costi più elevati, è quindi opportuno informarsi dal notaio sui costi che dovranno sostenere che, come abbiamo visto, cambiano anche a seconda del tipo di casa che si intende comprare e dell’uso che si intende fare. Conoscere sin dall’inizio a cosa si va incontro è sicuramente un passo importante che consente a chi compra di acquistare in modo sereno e consapevole.

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Costi seconda casaRisparmio seconda casaAgevolazioni seconda casaVantaggi e vantaggi seconda casa
richiesta al notaio