inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Vittorio G. Comprare casa e rivolgersi al notaio. Io ho ottenuto il preventivo analitico e la consulenza notarile.
...
Giuseppe B. Ho richiesto un preventivo per notaio per procura generale. Ho avuto dei valori e dei nomi a cui rivolgermi. ...
Salvatore B. Preventivo Notaio; il servizio è di utilizzo veramente semplice ed intuitivo. Salve, ho appena richiesto un ...
Rocco A. Spero che questo servizio aiuti altre persone che come mè erano alla ricerca del Notaio, Complimenti e buon l ...
Silvia De. La procura di un notaio non può costare così tanto! Per questo ho cercato un notaio più economico su questo ...
Stefano E. Grazie NotaioFacile per avermi messo in contatto con il Notaio che mi ha spiegato tutto quello che avevo bisog ...
Davide D.L. Mi chiedevo se esistono gia le tariffe notarili del 2015. in effetti ho visto che non ci sono piu le tariffe e ...
Eleonora S. Quello che ho scelto tramite questo sito non è il notaio più economico del mondo, ma sono contenta perché u ...
Nicola I. Un sito molto interessante e molto utile per chi come me deve affrontare delle spese molto significative ...
Claudio E. Volevo ringraziarvi perché ho ricevuto finalmente! Un Preventivo Notarile Analitico, con tutte le voci dei co ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Ipoteca esattoriale prima casa

Ipoteca su una casa

Ipoteca esattoriale prima casaQuando si compra una prima casa dal notaio è molto importante essere a conoscenza della situazione in cui versa l’immobile, non solo dal punto di vista urbanistico e catastale, ma anche dal punto di vista giuridico. Comprare un immobile libero da qualsiasi peso che può essere una ipoteca, un pignoramento o un decreto ingiuntivo è l’obiettivo più diffuso in tema di investimenti immobiliari proprio perché si vuole evitare di avere dei provvedimenti in futuro che possano pregiudicare l’acquisto.

Grazie a una consulenza notarile è possibile garantirsi in diverse fasi, sia prima dell’acquisto, sia durante, che dopo il rogito notarile: il notaio saprà offrire le forme di tutela idonee a seconda della fase in cui versa il procedimento e delle esigenze delle parti.

Ipoteca esattoriale

Può accadere che ci si indebiti con il Fisco e che a seguito di mancato pagamento di cartelle esattoriali, l’Agente incaricato per la riscossione può decidere di iscrivere ipoteca sulla casa del contribuente.

È importante però sapere che esistono delle differenze rispetto ai crediti cosiddetti ordinari, ossia quelli che non derivano da cartelle esattoriale per i quali non esistono limiti di importo per l’iscrizione dell’ipoteca. In questo caso qualora si abbia comprato una prima casa si può stare tranquilli in quanto il legislatore pone dei limiti per tutelare l’investimento e tra questi vi è il divieto di pignoramento prima casa come vedremo.

Ipoteca esattoriale: presupposti per iscrizione

Quando si compra la prima casa si può stare sereni nel caso in cui si accumulino debiti con il Fisco in quanto l’ipoteca non può essere iscritta per qualsiasi importo, ma devono essere raggiunte determinate cifre: il debito maturato dal contribuente per l’iscrizione dell’ipoteca deve essere pari almeno a 20.000.

L’iscrizione non avviene immediatamente, ma è necessario che sia notificato un preavviso di 30 giorni proprio per consentire al debitore di pagare o di richiedere una rateazione che impedisce l’iscrizione dell’ipoteca.

A che serve l’ipoteca e quando viene utilizzata

L’ipoteca è uno strumento di garanzia che può essere utilizzato dal creditore per far sì che le sue pretese siano tutelate in caso di mancato pagamento del debitore. Infatti con l’iscrizione ipotecaria ci si assicura il diritto di essere preferiti qualora l’immobile venga venduto all’asta: in questo caso ci si potrà soddisfare sul ricavato della vendita.

Come sapere se c’è un’ipoteca su una casa

Per sapere se sulla casa è stata iscritta ipoteca è possibile affidarsi al notaio che effettuerà dei controlli in quanto esperto del settore. Questi infatti provvederà ad effettuare una visura ipotecaria che consiste nel controllo presso i Registri immobiliari dell’'eventuale presenza dell’ipoteca.

Ciò consente di sapere fin dall’inizio qualora si intenda comprare casa, se questa ha delle problematiche come l’ipoteca. Sebbene non vi sia alcuna norma che vieti l’acquisto di una casa ipotecata, è possibile dopo il rogito notarile lo stesso andare incontro a dei rischi come quello di perdere la casa a seguito un procedimento di espropriazione forzata.

Quando può essere iscritta un’ipoteca per cartella esattoriale

L’agente della riscossione esattoriale, ossia colui che è incaricato a recuperare i soldi non versati, può iscrivere ipoteca in caso di mancato pagamento di una o più cartelle esattoriali sul presupposto che siano decorsi almeno 60 giorni da essa e solo se il contribuente non abbia presentato ricorso contro la cartella stessa e il giudice non abbia sospeso l’esecutività della stessa.

Differenza tra ipoteca e pignoramento

Prima di capire come sia possibile tutelarsi grazie alla consulenza notarile è importante comprendere la differenza tra ipoteca e pignoramento. Quando l’ipoteca viene iscritta su una casa ciò che si realizza è una misura cautelare, quindi il proprietario non sarà sottratto dal bene immobile, ma potrà venderlo o donarlo con atto pubblico notarile. Il pignoramento, invece, è il primo atto esecutivo di una procedura giudiziale che realizzerebbe la cosiddetta vendita forzata della casa.

Cosa fare dal notaio per evitare pignoramento dal notaio

Una delle domande più frequenti è come sia possibile mettere al riparo la casa di proprietà dai creditori e quindi da un possibile pignoramento quando i debiti sono molto elevati.

A tal proposito il notaio può offrire diverse soluzioni in merito per cercare di sventare questo rischioso pericolo. Richiedere una consulenza notarile, se si teme un problema di questo genere, è sicuramente la soluzione più consigliata in quanto aiuterebbe a scongiurare qualsiasi problema per il futuro e siccome sono diverse le modalità, è importante capire quale sia quella idonea al caso concreto.

Intestare la casa a un’altra persona o vincolare la casa dal notaio

Per poter evitare il pericolo di perdere la casa una soluzione potrebbe essere intestare la casa a un’altra persona. Per raggiungere questo risultato bisogna andare dal notaio e stipulare un atto pubblico notarile o di vendita o di donazione.

Solitamente tra familiari si tende ad intestare una casa con una donazione proprio perché non si vuole prevedere un corrispettivo al trasferimento del diritto di proprietà. Anche il vincolo di destinazione costituito per atto pubblico notarile può essere un’ottima soluzione in modo da separare la casa dal resto dei beni che a quel punto potrebbero essere pignorati.

Quando non si può pignorare la prima casa

Per fortuna al di là dell’iscrizione ipotecaria che può richiedere il Fisco in alcuni casi è possibile salvare la casa dal pignoramento se il debito è inferiore a 120.000 euro e il debitore abbia un solo immobile di proprietà adibito ad uso abitazione in quanto in questo caso vige il divieto di pignoramento della prima casa. Qualora però il contribuente dovesse acquistare anche per successione una quota di un immobile, il pignoramento potrebbe avvenire.

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Modifiche ipotecaCancellazione ipotecaFrazionamento del mutuo Estinzione ipotecaCancellare ipoteca giudizialeIpoteca legale
richiesta al notaio