inizio commenti notaio facile

Cosa Pensa chi ha utilizzato NotaioFacile?

Federica S. Cerco un notaio economico online ed ecco che imbatto nel sito NotaioFacile.it. Ho letto di cosa si trattava e ...
Mario L. Utile e veloce, ogni promessa è stata mantentuta e addirittura superata, il Notaio mi ha risposto 4 ore dopo ...
Minia T. Mia mamma purtroppo si muove con grande fatica e vuole vendere la casa. Per questo ho inviato una richiesta di ...
Vittorio G. Comprare casa e rivolgersi al notaio. Io ho ottenuto il preventivo analitico e la consulenza notarile.
...
Luca C. Ho trovato davvero utile il vostro servizio, complimenti. ...
Marina F. Dovendo richiedere l'autentica di firma ho fatto la richiesta in Notaiofacile, effettivamente sono stata conta ...
Pier Luigi S. Ciao, vi scrivo per farvi i complimenti, ero alla disperata ricerca di un notaio per risolvere una difficile q ...
Antonio L. Allora fonziona davvero!, scusate ma non pensavo che un servizio gratuito potesse esssere davvero operativo ed ...
Giacomo S. Sono Giacomo e dopo aver deciso di fare il grande passo con la mia ragazza, abbiamo prima deciso di andare a c ...
Silvio T. Buongiorno, io abito a Roma e grazie a NotaioFacile ho trovato uno Studio Notarile a Roma peraltro a meno di u ...
Leggi tutti i commenti...
fine commenti notaio facile

Tutte le tasse da pagare per comprare una casa dal notaio

Quando serve comprare casa in Italia

le tasse per comprare casa in italiaNonostante il costo della vita sia notevolmente aumentato e si cerchino modi sempre nuovi per poter risparmiare, l’acquisto di una casa di abitazione resta l’investimento maggiormente realizzato e che, quasi, non conosce crisi.

Questo sicuramente deriva dal fatto che, anche i canoni di locazione hanno subito un aumento, e, dunque, si reputa più conveniente investire in un’abitazione della quale si sarà proprietari e quindi titolari a tutti gli effetti. Inoltre, mentre per la locazione, non è possibile ricevere alcun tipo di agevolazione, nel caso dei contratti di compravendita è possibile risparmiare, soprattutto se sapientemente consigliati dal notaio. Inoltre, una casa di proprietà può essere impiegata per molteplici scopi, oltre a quello abitativo, per esempio potrebbe, un domani, essere adibita a struttura ricettiva quale Affittacamere o Bed&Breakfast, soprattutto qualora sia ubicata in un luogo di interesse o in una città metropolitana.

Vediamo, complessivamente, quali sono, nel dettaglio, le tasse da dover pagare e le spese da dover sostenere per comprare una casa.

Le spese in caso di compravendita

Molte persone credono che la spesa maggiore, quando si decide di fare un atto notarile, nel nostro caso un contratto di compravendita, sia costituita dall’onorario del notaio. In verità gli onorari del notaio, sebbene siano molto variabili a seconda del professionista, che sceglie quanto farsi pagare, costituiscono la parte minore della spesa. Oltre al corrispettivo per l’acquisto dell’immobile, le principali imposte che devono essere pagate sono le seguenti: imposta di registro, che costituisce l’imposta dall’importo maggiore, l’imposta ipotecaria e quella catastale. Gli importi che vanno a comporre queste imposte sono molto variabili, a seconda che la casa di abitazione che si sceglie di acquistare sia prima casa oppure seconda. Vediamo cosa cambia.

Acquisto prima casa

Nel caso in cui la casa che se sceglie di comprare, rappresenti la prima casa di abitazione, è possibile beneficiare di un notevole risparmio risparmiare, usufruendo delle agevolazioni fiscali prima casa.

Nello specifico, per esempio, l’imposta di Registro avrà un’aliquota del 2%, qualora l'acquisto sia da privato e l’IVA avrà un’aliquota pari 4%, se si compri da soggetto costruttore. Va precisato, però, che per poter beneficiare di queste agevolazioni, è necessario che:

  • La casa da comprare non appartenga catastalmente alle categorie catastali: A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici), visto che la legge le considera come abitazioni di lusso;
  • La casa sia collocata nel Comune in cui l’acquirente ha (o intende stabilire entro 18 mesi) la propria residenza o lavora;
  • non si possieda un’altra casa nello stesso comune;
  • non si sia già beneficiato precedentemente delle agevolazioni prima casa, o, qualora se ne sia già beneficiato, che si rivenda la casa acquistata in precedenza, entro un anno dall’acquisto della seconda. Qualora non si rispetti questi requisito, si subirà la decadenza dal beneficio.

Di seguito si riporta una Tabella riepilogativa per il calcolo delle tasse per comprare la prima casa:

 

Prima casa privato

 

 

 

Prima casa da impresa di costruzioni (entro 5 anni)

 

 

 

Imposta di registro

Imposta ipotecaria

Imposta catastale

 

IVA

Imposta di registro

Imposta ipotecaria

Imposta catastale

2%

50 euro (fissi)

50 euro (fissi)

 

4%

200 euro

200 euro

200 euro

Acquisto seconda casa

Può anche accadere che una persona sia già proprietaria di una prima casa di abitazione, e voglia acquistare una seconda casa, magari come investimento futuro per il proprio figlio o per altre finalità.

In questo caso il riepilogo delle imposte è il seguente, sempre operando la distinzione fra acquisto da privato, e acquisto da costruttore, soggetto all’imposta sul valore aggiunto:

Seconda casa da privato

 

 

 

Seconda casa da impresa di costruzioni (entro 5 anni)

Imposta di registro

Imposta ipotecaria

Imposta catastale

 

IVA

Imposta di registro

Imposta ipotecaria

Imposta catastale

 

 

9%

50 euro

50 euro

 

10%

200 euro

200 euro

200 euro

Spese per ristrutturazioni

Oltre alle spese derivanti dall’acquisto dell’immobile e relativi oneri fiscali, dei quali si è provveduto a dare un riepilogo nelle tabelle, bisogna considerare che, nel caso di un immobile già esistente, potrebbe sorgere la necessità di compiere delle ristrutturazioni.

Nel caso in cui le ristrutturazioni abbiano ad oggetto degli aspetti che incidono sull’agibilità dell’immobile, allora, di regola, dovrebbe farsene carico il soggetto venditore. Qualora, invece, si tratti di ristrutturazioni che decide di compiere l’acquirente, per distribuire meglio gli spazi interni o modificare la struttura, come meglio ritiene, ecco che si tratterà di spese che dovranno essere preventivate e che si aggiungeranno a quelle del costo della compravendita e delle tasse da dover pagare. Tuttavia, esiste la possibilità di ricevere delle agevolazioni, anche con riferimento alle possibili ristrutturazioni dell’immobile. Sarà il notaio a fornire i consigli relativi al caso specifico e a consigliare la soluzione che consente, al cliente, il maggior risparmio di spesa.

Mutuo per l’acquisto della casa

Quale ultimo aspetto, ma non meno importante, sono da considerare quali spese aggiuntive e quali oneri da dover sostenere, anche quelle connesse alla richiesta di un mutuo. Ovviamente, bisogna considerare che, qualora si decida di accendere un mutuo, il risparmio iniziale di spesa sarà notevole.

Infatti, non sarà necessario pagare la cifra richiesta in un’unica soluzione, ma si potrà scegliere, appunto, il pagamento dilazionato: sarà l’istituto di credito ad anticipare l’importo necessario all’adempimento delle obbligazioni derivanti dalla vendita, in favore sia del venditore, che del notaio rogante. Va però precisato che, dovranno essere conteggiati nella spesa complessiva, i costi relativi al mutuo, tasso di interesse, TAEG, TAN, eccetera, che, chiaramente, varieranno, a seconda dell’istituto di credito scelto. 

richiesta preventivo notaio online
Potrebbe interessarti:
Credito d'ImpostaPrezzo-ValoreAgevolazione donazioni/successioniAcquisto a corpo o a misura
richiesta al notaio