Documenti per comprare casa: Rogito e Notaio

Quali documenti servono per comprare casa?


Per comprare casa servono senza dubbio diversi documenti: in particolare è necessario il Rogito, un atto notarile che sancisce il passaggio di proprietà dell’abitazione dal vecchio al nuovo proprietario. A sua volta, per il Rogito è necessario l’intervento di un Notaio, così come la documentazione che attesta la regolarità dell’abitazione che stiamo per acquistare e ne determini l’effettiva proprietà. Diamo uno sguardo un po’ più da vicino.

Lo sappiamo, a volte la burocrazia può fare un po’ paura: un po’ perché richiede molto tempo e attenzione, un po’ perché richiede non di rado anche esborsi monetari non da poco, un po’ perché non sempre capiamo fino in fondo cosa dobbiamo fare e perché. Insomma, ci capita non di rado di addentrarci in un mare di carte e moduli di cui non comprendiamo bene il senso e che ci rubano molto tempo. Ecco perché – se le carte non è possibile diminuirle – comprende almeno quello che stiamo facendo è di fondamentale importanza: quando le cose prendono senso, anche gli adempimenti ci sembrano meno pesanti e più affrontabili. Dunque, di quali documenti abbiamo bisogno per comprare casa? Tra quelli fondamentali c’è tutto ciò che serve per il Rogito, un atto notarile di grande importanza che sancisce il passaggio di un’abitazione dal precedente proprietario al nuovo (in questo caso, noi!).

Documenti per comprare casa: il Rogito dal Notaio

Chiariamolo subito: il Rogito non è UN semplice documento per comprare casa, è IL documento per comprare casa per antonomasia: senza questo atto notarile non si ha nessun passaggio di proprietà. Si tratta di un atto molto importante, in cui vengono riportati ad esempio tutti gli estremi dell’immobile oggetto di compravendita e gli accordi presi tra la parte venditrice e la parte acquirente perché la vendita abbia effetto. Una volta opportunamente registrato a cura del Notaio, il Rogito servirà dunque a sancire l’effettivo passaggio di proprietà dell’abitazione, che potremo dire essere finalmente nostra.
Per poter rogitare un’abitazione è necessario ad esempio conoscere la sua Rendita Catastale, mentre all’atto saranno allegate anche le schede catastali identificative dell’immobile stesso: è importante che lo stato di fatto della casa corrisponda esattamente a come risulta al Catasto. Se così non dovesse essere, il proprietario dovrà provvedere a mettere in regola l’immobile prima di procedere con il Rogito, in quanto la legge esclude la possibilità di rogitare su un immobile non correttamente accatastato. Il venditore dovrà dichiarare davanti al Notaio che quanto rappresentato dalle schede catastali corrisponda alla realtà, sotto la propria responsabilità: se vogliamo avere un’ulteriore certezza a questo proposito, possiamo chiedere a un professionista di eseguire una perizia di parte.
Il Rogito identificherà anche in modo preciso le parti coinvolte nella compravendita: a questo proposito, prima di redigere il documento il Notaio si accerterà che non vi siano altre persone che possono vantare dei diritti si quella abitazione di cui noi non siamo a conoscenza e che non siano state coinvolte nella compravendita stessa, così come che sull’immobile non vi siano ipoteche o altre clausole di cui non siamo a conoscenza e che possono diminuire il valore dell’immobile stesso. Insomma, una bella garanzia.

Documenti per comprare casa: il Mutuo

Tra i diversi documenti necessari per comprare casa, ricordiamo quelli relativi al Mutuo, che richiede un atto notarile separato: tra le altre cose, dovremo consegnare alla Banca gli estremi dell’abitazione (ancora una volta, ad esempio, i riferimenti catastali), ma anche le nostre dichiarazioni dei redditi o comunque la documentazione necessaria a dimostrare la nostra possibilità di spesa. I primi serviranno alla Banca per far eseguire i controlli dal proprio Notaio di fiducia (ebbene sì, anche se noi non verremo a contatto con il professionista della Banca, questa affiderà a un Notaio i controlli del caso, che sono fondamentalmente gli stessi previsti per il Rogito), le seconde saranno invece utili alla Banca per determinare se e quanto concederci come mutuo.

Recuperare i documenti per comprare casa

In definitiva, dovremo recuperare tutto ciò che serve a dimostrare in via ufficiale la nostra identità, l’identità del venditore, gli estremi dell’abitazione (dati catastali): solo con queste informazioni alla mano potremo procedere alla compravendita dell’immobile e anche alla determinazione delle tasse che dovremo pagare, che variano a seconda che si acquisti da privato o da azienda costruttrice e naturalmente che si tratti di prima o di seconda casa. Per l’abitazione principale sono infatti previste delle agevolazioni fiscali di non poco conto, volte ad agevolare l’acquisto dell’abitazione che sarà prioritaria per la famiglia: un aiuto importante, che consente a molti nuclei familiari di accedere all’acquisto di un’abitazione adatta alle proprie necessità. Anche in questo caso è necessario soddisfare determinati requisiti (ad esempio la residenza, il non possesso di altre abitazioni comprate come prima casa o di abitazioni a qualsiasi titolo nello stesso comune, ecc.) che il Notaio potrà illustrarci e che diverranno parte integrante del Rogito così che possiamo accedere alle suddette agevolazioni.

Quali documenti servono per comprare casa? ultima modifica: 2018-10-06T14:50:58+00:00 da Alessandra