Notaio Roma

Notaio a Roma: scegliere uno studio notarile nella Capitale


Una città dalla grande storia e dalle dimensioni altrettanto grandi, con milioni di abitanti: è naturale che nella Capitale esercitino diversi studi notarili: come scegliere dunque il proprio Notaio a Roma tra i tantissimi nomi che abbiamo a nostra disposizione? La questione è più complessa di quel che potrebbe sembrare, anche perché spesso i parametri di scelta che abbiamo a disposizione non sono i più completi. Questo deriva in generale da una scarsa conoscenza del ruolo del Notaio che porta come conseguenza anche una scarsa consapevolezza di quello che potremmo guardare per decidere a chi rivolgerci

Abbiamo deciso: è arrivato il momento di comprare una casa a Roma, il Notaio è dunque necessario per eseguire i controlli del caso e redigere l’atto di compravendita. Oppure vogliamo fare un testamento segreto o un testamento pubblico: anche in questo caso saremo dunque alla ricerca di un Notaio a Roma cui affidare le nostre volontà testamentarie. In ambito lavorativo, stiamo aprendo una società di persone o una società di capitali: in entrambi i casi, ci saremo messi alla ricerca di un Notaio in città per l’atto costitutivo e lo Statuto. Sono solo alcuni esempi di ciò che può fare un Notaio, ma rendono bene l’idea dell’importanza degli atti che vengono affidati a questo professionista. Che sia un obbligo di legge (come nel caso delle compravendite immobiliari o dell’apertura di società) o che al contrario sia una libera decisione presa per la nostra maggiore tranquillità (come nel caso della scelta di un testamento pubblico o segreto invece di un testamento olografo da conservare a cura nostra o di persone di nostra fiducia), in ogni caso il ricorso al Notaio è sinonimo di sicurezza, legalità, imparzialità, ufficialità.

La scelta del Notaio a Roma: una questione personale

Se è vero che la Capitale mette a nostra disposizione centinaia di studi notarili, sopratutto se consideriamo anche la provincia oltre al centro cittadino, è anche vero che proprio questa abbondanza potrebbe rendere la scelta del nostro Notaio a Roma un po’ più complessa: quali parametri useremo per decidere? Di norma, quando dobbiamo prendere decisioni più o meno importanti nella nostra vita, mettiamo in campo diversi strumenti. A cosa mi serve ciò che sto per fare o acquistare? Deve avere determinate funzionalità? Cosa è importante per me e cosa no? Che livello qualitativo o di servizio mi aspetto? Qual è il costo? Che importanza avrà nella mia vita? Cosa mi fa stare più tranquillo? E così via… Con le doverose e necessarie differenze, un discorso similare si dovrebbe fare anche con la scelta del Notaio: sottolineiamo questo perché potrebbe capitare che – forse anche data la scarsa conoscenza della materia notarile – si sia portati a scegliere solo in base a un passaparola sommario, alla posizione dello studio notarile o all’ammontare del preventivo – tre cose di facile reperimento – senza invece porsi quelle domande che siamo soliti fare anche per questioni ben meno importanti, ma che a volte ci dimentichiamo di rivolgerci quando si tratta della scelta del Notaio per atti importantissimi nella nostra vita.

Notaio a Roma o in un’altra città?

Altra domanda che viene spesso rivolta quando si parla della scelta dello studio notarile è se sia o meno importante l’ubicazione. Ciò avviene in particolare quando si tratta di compravendite immobiliari, ma non solo: in altre parole, se abito a Roma, ma sto comprando la casa in un’altra città, posso rivolgermi a un Notaio di Roma? Oppure a “fare fede” è l’ubicazione della casa? Viceversa, se abito altrove, ma sto comprando una casa a Roma, posso rivolgermi a un Notaio della mia città o dovrò cercare un Notaio a Roma? La questione è facilmente risolvibile con una semplice risposta: la scelta è completamente libera. Se sono più comodo o ho motivi per scegliere un Notaio a Roma, sono libero di farlo, così come posso rivolgermi a un Notaio della mia città o anche – se avessi motivi per farlo – di una città terza senza alcun problema.
Poiché nelle compravendite immobiliari convenzione vuole che sia l’acquirente a sostenere il costo del Notaio, sarà questi a scegliere a chi vuole rivolgersi, indipendentemente dall’ubicazione dello studio notarile. L’invito è naturalmente quello a utilizzare il buonsenso, come in tutte le cose, così da evitare malcontenti e scontri: se sappiamo che la nostra scelta potrà causare problemi alla controparte (nel caso delle compravendite immobiliari dunque il venditore) potrebbe essere buona cosa avvertirlo prima delle nostre intenzioni così che si possano prendere accordi per tempo e non vi siano sorprese all’ultimo momento.

Scelta del Notaio a Roma: in conclusione

In conclusione, possiamo dire che la scelta del nostro Notaio a Roma, anche grazie all’abbondanza di studi operanti in città, dovrebbe rispondere a una serie di esigenze che noi riteniamo essere importanti: riflettiamo dunque prima su quali sono gli aspetti cui teniamo maggiormente e valutiamo la situazione nel suo complesso prima di prendere una decisione. Per quanto riguarda invece l’ubicazione dello studio notarile, questa è libera e dipende dalle nostre esigenze: possiamo scegliere il Notaio che preferiamo su tutto il territorio nazionale.